Mauro Vecchio

UK, intermediari da schierare contro i pirati

Imminente un discorso del segretario alla Cultura Jeremy Hunt: motori di ricerca e provider dovrebbero bloccare la proliferazione dei siti illeciti, banche ed istituti di credito dovrebbero ostacolare i loro flussi di pagamento

Roma - "Rendere più difficile la vita" a tutti quei siti legati alla contraffazione e alle attività illecite di condivisione dei contenuti. Č il diktat annunciato dal segretario britannico alla Cultura Jeremy Hunt, pronto al suo prossimo discorso presso la Royal Television Society di Cambridge.

Le autorità di Londra hanno dunque preparato le imminenti strategie di battaglia alla proliferazione dei siti illeciti, scaricando tutte le pressioni su intermediari come motori di ricerca e provider. Colossi del search globale come Google dovrebbero così iniziare a non mostrare tutti quegli indirizzi considerati illegali dalle varie corti d'Albione e non semplicemente a renderli meno facili da rintracciare, come avviene tuttora.

"Intendiamo prendere misure per rendere sempre più difficile la vita a tutti quei siti che facilitano la violazione del diritto d'autore - spiegherà Hunt alla platea di Cambridge - portando fuori strada i vari consumatori e privando i creatori di contenuti del legittimo diritto di essere ricompensati per la loro creatività".
Tra le iniziative che verranno annunciate, l'istituzione di un organo in stile Internet Watch Foundation, che dovrà identificare ed elencare tutti quegli spazi online votati alla condivisione illecita dei contenuti. Il governo di Londra vorrebbe obbligare banche e istituti di credito a bloccare il flusso dei pagamenti verso i siti pirata, così come già stabilito in certi accordi di autoregolamentazione.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK, giovani pirati cresconoSecondo le ultime statistiche, il download illecito dei film č cresciuto del 30 per cento negli ultimi cinque anni. Merito - o colpa - delle tecnologie legate al broadband e delle nuove, indifferenti generazioni di utenti
  • AttualitàUK, l'incontro segreto del copyrightSvelato online un meeting tra i rappresentanti dell'industria e il ministro per le Comunicazioni britannico Ed Vaizey. I vari ISP d'Albione verrebbero obbligati ad oscurare i siti illeciti sulla base di una lista nera
  • AttualitàGoogle, un muro contro il copyright?Il chairman di BigG contro le misure previste dal PROTECT IP Act, che obbligherebbe i motori di ricerca a rimuovere qualsiasi risultato legato alla pirateria online. Gli Stati Uniti, secondo Schmidt, si avvicinerebbero alla Cina
3 Commenti alla Notizia UK, intermediari da schierare contro i pirati
Ordina
  • > motori di ricerca e provider dovrebbero bloccare [...]

    Torna di nuovo alla carica l'idea, pericolosissima, secondo la quale lo strumento (portale, provider, altro) debba tutelare chi lo usa. Non serve nemmeno citare Ben Franklin per spiegare che i politici, non solo quelli italiani, non hanno ancora capito che cos'e' la rete Internet. Oppure fanno finta di non capirlo: del resto, chi ce la fa a gestire una popolazione in grado di PENSARE? Piu' facile vendersi la favoletta del cittadino felice e far trottare altri, catapultando all'improvviso nuove responsabilita' su soggetti che non dovrebbero accollarsi compiti di polizia o di censura.

    Qui non si vuole di sicuro legittimare l'illecito; ma contestare il diritto delle masse, finora dato per scontato e difeso a spada tratta da troppi soggetti, di rimanere amorfe, quello si'. Questo paternalismo e', a tutti gli effetti, figlio della filosofia "clicca, clicca: qualcosa succedera'"; ovvero della semplicita' ad ogni costo. Ma se uno, anche rinunciando a un po' di semplicita', decidesse di non accollarselo, questo benedetto costo? Perche' imporglielo?
    non+autenticato
  • Il governo di Londra vorrebbe obbligare banche e istituti di credito a bloccare il flusso dei pagamenti verso i siti pirata, così come già stabilito in certi accordi di autoregolamentazione.
    I governi in accordo con le banche fanno anche la lotta al reciclaggio di denaro sporco ...
    non+autenticato
  • Bisognerebbe censire tutti i siti con contanuti illegali e farne una lista pubblicaCon la lingua fuori
    non+autenticato