Dinox PC

Assemblare per giocare

Dimenticate i grossi cassoni, rumorosi e dai consumi che fanno spavento. Ecco una configurazione che in un case micro ATX racchiude tutto il necessario per giocare alla grande

Roma - L'esperienza ci ha insegnato che l'estate è un periodo morto per il mercato informatico e, vista la chiusura per ferie della maggior parte degli uffici stampa europei, ci si ritrova ad avere la redazione invasa da un quantitativo di materiale da riconsegnare decisamente superiore alla media. Ebbene, durante il mese di Agosto abbiamo svolto i soliti lavori di pulizia e messa in ordine del magazzino: da buoni appassionati di hardware, ci siamo ritrovati con una miriade di scatole colorate e componenti tali da farci sentire come bambini nel paese dei balocchi.


Nel marasma dei componenti ne abbiamo trovato anche diversi di piccola taglia: dimensioni contenute ma tanta potenza. Da qui, l'idea di discostarsi dallo stereotipo e pensare ad un sistema gaming capace di offrire prestazioni sufficienti a far girare qualunque gioco di ultima generazione ma contenuto in un cabinet micro ATX. Attenzione abbiamo riposto anche ai costi, alla rumorosità ed ai consumi! Stanchi di assistere al lancio di componenti dal costo esorbitante e schede video che, da sole, costano più di un intero computer e richiedono case appositamente progettati, abbiamo voluto mettere i panni dell'utente e chiederci se ciò sia sempre necessario.


L'intento non è comunque quello di soddisfare i bisogni del videogamer professionista il quale necessita sempre, a torto o ragione, del massimo numero di fps e di un sistema che non mostri improvvisi cali o perdite di potenza (si evitano così scie che rendono poco chiare le scene 3D o perdite di frame).
184 Commenti alla Notizia Assemblare per giocare
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)