Alfonso Maruccia

Cloud, Deutsche Telekom chiede degli argini

Il provider tedesco chiede all'Unione Europea di muoversi attivamente per la protezione dei server fra le nuvole del Vecchio Continente contro le tendenze spionistiche delle autorità statunitensi

Roma - Deutsche Telekom (DT) scende in campo in difesa del cloud computing europeo: T-Systems, la branca del provider tedesco che fornisce servizi IT, chiama in causa le autorità di Bruxelles affinché si muovano per garantire l'inviolabilità dei server tra le nuvole del Vecchio Continente - in particolare contro le policy statunitensi che parlano di cessione dei dati terzi alle autorità indipendentemente dal luogo del mondo in cui essi si trovino.

Il motivo del contendere è la ben nota zona grigia presente nelle regole della gestione della privacy dei dati archiviati su (cloud) server europei, regole a cui si appellano le società USA quando si dicono costrette a fornire l'accesso ai dati alle autorità del loro paese qualora queste lo richiedessero.

DT non ci sta e vuole riformare questo stato di cose: "Gli americani dicono che qualsiasi cosa succeda rilasceranno i dati al governo se costretti a farlo, da qualunque parte del mondo" spiega il CEO di DT Reinhard Clemens, ma "alcune società tedesche non vogliono che altri accedano ai loro sistemi".
Sarebbe opportuno definire una sfera legale europea nella quale operare senza ingerenze, continua Clemens, chiedendo alla Comunità Europea di muoversi affinché vengano create garanzie capaci di difendere il cloud europeo dagli accessi esterni indebiti.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàPrivacy e nuvole, scontro fra continentiMicrosoft innesca il caso: il Patriot Act USA dà alle autorità americane il diritto di accedere ai dati utente archiviati nei server europei. La Commissione faccia qualcosa a riguardo, esortano i parlamentari UE
4 Commenti alla Notizia Cloud, Deutsche Telekom chiede degli argini
Ordina
  • continuate a mettere i coglioni nelle mani degli americani e poi vi lamentate se loro stringono il pugno?!?!

    Mettete i VOSTRI dati nei VOSTRI server e vedrete che le cose miglioreranno. Costa di piu'? la liberta non e' mai gratis.
    non+autenticato
  • Haha ci siamo.
    Adesso cominciano i primi dubbi sulla gestione del Cloud,
    le rivendicazioni, le competenze, e le perplessità.
    Ma sopratutto su chi possa o non possa visionare cosa
    vi è contenuto al suo interno.
  • Il Cloud Computer è una presa in giro per invadere ancora di piu' la nostra privacy. Privacy che ormai si sa i nostri governi hanno buttato nel cesso!! Non usare i servixi Cloud potrebbe esse una soluzione basta non usare quei servizi Cloud messi a dispozione degli utenti da google e Microsoft ma sopratuttto non usare gli i-cosi di Apple e i tablet di tutti gli altri!!
    non+autenticato
  • se un'azienda mette i propri dati dentro una nuvola, si merita che questi vengano spiattellati ai quattro venti. non capisco verametne tutto questo entusiasmo per il cloud: possibile che i manager delle aziende siano così miopi da vedere solo il risparmio di infrastrutture ecc, e non il pericolo che i propri dati vengano visti da terzi, USA in primo luogo? Il diritto che questi ultimi si arrogano di poter accedere ai dati di società, aziende non statunitensi ovunque e comunque, non è altro che spionaggio industriale mascherato da un velo di legalità/legittimità
    non+autenticato