Claudio Tamburrino

Brevetti, riforma firmata Obama

Tempi abbreviati, agevolazioni per i più piccoli inventori e soprattutto l'adozione della logica del che premia il primo a depositare. Nessuna parola sulla questione software

Roma - L'America Invents Act, la riforma del sistema brevettuale statunitense, è diventata legge con la firma del Presidente Barack Obama.

Gli osservatori parlano della più grande riforma del sistema brevettuale degli ultimi 60 anni: è una rivoluzione il fatto che il sistema passi dall'essere basato sul first to invent, ovvero "ha diritto al brevetto il primo che è riconosciuto come inventore", al first to file, che privilegia il primo che deposita la richiesta di esclusiva sulla tecnologia.

La riforma, poi, prevede una procedura accelerata per la concessione di brevetti (12 mesi invece dell'attuale media di tre anni, con agevolazioni per le piccole entità, i singoli piccoli inventori che depositano), anche in quest'ottica sono aumentate le risorse dedicate all'Ufficio marchi e brevetti statunitense (USPTO) che dovrebbero permettere anche un più stretto controllo di qualità sui titoli concessi.
Negli Stati Uniti si fa un gran parlare, data la congiunzione economica internazionale negativa, dell'impatto della riforma sul mercato del lavoro e di come, lo ha ribadito lo stesso Obama, il settore della Ricerca e Sviluppo possa spingere in avanti l'economia nazionale. Tuttavia la riforma non ha toccato un settore che sembrava aver bisogno di un intervento: quello dei brevetti software.

Proprio questa è la principale critica mossa alla legge firmata da Obama.
Fra i supporter di una riforma del sistema brevettuale soprattutto per quanto riguarda la materia dei software, infatti, erano alte le aspettative dopo le prime mosse dell'amministrazione Obama: il Presidente sembrava aver segnato la rotta con la nomina a capo dell'USPTO di David J. Kappos, per anni responsabile del portafoglio brevettuale IBM e distintosi per essersi più volte espresso a favore dell'open source.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, Google bussola brevettualeAnnunciato l'accordo che affida a Mountain View l'archivio dell'Ufficio marchi e brevetti statunitense. Offrirà un servizio gratuito
  • AttualitàRed Hat: basta brevetti sul softwareIntervenendo in un processo che ha rifiutato la concessione di un brevetto ad un metodo commerciale, l'azienda ha espresso il proprio punto di vista. Che va ad arricchire il dibattito su una possibile imminente riforma sia in Europa che negli USA
30 Commenti alla Notizia Brevetti, riforma firmata Obama
Ordina
  • Si può realizzare un GENERATORE di CORRENTE da 6 Kw ed oltre, che fa risparmiare il
    99,99 %, d’energia elettrica, lo 0.01% serve per l’avvio. “praticamente non consuma nulla”.
    Progetto del 1997. Mai brevettato per ovvie ragioni dal Signor Alfonso Aureli “. Lo stesso principio
    si può adattare alle autovetture elettriche, ottenendo + velocità e consumi illimitati a costo zero.
    Saluti Aureli. È una valida soluzione contro il nucleare; pannelli Solari e Voltaico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Aureli Alfonso
    > Si può realizzare un GENERATORE di CORRENTE da 6
    > Kw ed oltre, che fa risparmiare il
    > 99,99 %, d’energia elettrica, lo 0.01% serve per
    > l’avvio. “praticamente non consuma nulla”.

    > Progetto del 1997. Mai brevettato per ovvie
    > ragioni dal Signor Alfonso Aureli “. Lo stesso
    > principio

    > si può adattare alle autovetture elettriche,
    > ottenendo + velocità e consumi illimitati a costo
    > zero.

    > Saluti Aureli. È una valida soluzione
    > contro il nucleare; pannelli Solari e
    > Voltaico.

    Link ?
    krane
    22544
  • Con il principio del generatore di corrente "tipo perpetuo", si può adattare alle auto elettriche, che potranno ottenere più velocità e consumi illimitati. Saluti Aureli
    non+autenticato
  • Si può realizzare un generatore di corrente da 6Kw ed oltre che fa risparmiare il 99,99% di elettricità, lo 0,01% serve x l'avvio; " praticamente non consuma nulla" Saluti Aureli
    non+autenticato
  • Si può realizzare un generatore di corrente da 6Kw ed oltre che fa risparmiare il 99,99% di elettricità, lo 0,01% serve x l'avvio;" praticamente non consuma nulla" saluti aureli
    non+autenticato
  • E come funzionerebbe?
    Perchè non ce lo spieghi?
    non+autenticato
  • Sfrutta la capacità di repulsione dei magneti (Se si prendono 2 calamite e si mettono una di fronte all'altra con le facce interne aventi la stessa polarità, le due calamite si respingono), che se posizionati correttamente possono far girare un asse, questa rotazione può essere usata per produrre elettrricità.
    Almeno così ricordo di aver letto...
    Ovviamente si dice sia energia pulita, ma in realtà bisogna tener conto dell'eventuale smaltimento dei magneti (Che haimè non sono eterni, anche se ne passa di tempo prima che una grossa calamita si smagnetizzi...), ed eventualmente bisognerebbe tener conto dei campi magnetici che andrebbero a formarsi (E' anche quella una forma di inquinamento, alla fine sono onde non molto diverse da quelle dei cellulari, ma molto più potenti).
    Servirebbero studi adeguati in materia anche se concordo sul fatto che è potenzialmente un'ottima soluzione a molti problemi di carattere energetico!!
  • - Scritto da: Luciano Polinari
    > Sfrutta la capacità di repulsione dei magneti (Se
    > si prendono 2 calamite e si mettono una di fronte
    > all'altra con le facce interne aventi la stessa
    > polarità, le due calamite si respingono)

    Certo, si respingono, ma non producono energia: liberano solo l'energia che hai fornito tu, quando le hai avvicinate (avvicinare due calamite nel modo che hai descritto richiede un certo sforzo, perchè si va contro la forza di repulsione delle calamite stesse: tale sforzo viene accumulato sotto forma di energia potenziale)

    >, che se
    > posizionati correttamente possono far girare un
    > asse, questa rotazione può essere usata per
    > produrre
    > elettrricità.

    No: farebbero fare al massimo mezzo giro all'asse, dopodichè tale asse sarebbe allineato con il campo magnetico e non girerebbe più: per farlo girare ancora, occorrerebbe invertire il campo magnetico, ma per farlo occorre fornire energia (ad esempio, con un elettromagnete); un normale motore elettrico funziona così. Ma per girare richiede elettricità.

    > Almeno così ricordo di aver letto...
    > Ovviamente si dice sia energia pulita, ma in
    > realtà bisogna tener conto dell'eventuale
    > smaltimento dei magneti (Che haimè non sono
    > eterni, anche se ne passa di tempo prima che una
    > grossa calamita si smagnetizzi...)

    Un magnete altro non è che ferro, non è inquinante

    >, ed
    > eventualmente bisognerebbe tener conto dei campi
    > magnetici che andrebbero a formarsi (E' anche
    > quella una forma di inquinamento, alla fine sono
    > onde non molto diverse da quelle dei cellulari,
    > ma molto più
    > potenti).

    Qualunque motore elettrico, alternatore o dinamo produce campi magnetici.

    > Servirebbero studi adeguati in materia anche se
    > concordo sul fatto che è potenzialmente un'ottima
    > soluzione a molti problemi di carattere
    > energetico!!

    Senza offesa, ma a te servirebbe un ripasso di fisica, perchè hai scritto cose molto imprecise. Temo che ti sia fatto incantare da un qualche ciarlatano che ha usato un mucchio di termini tecnici a sproposito, sperando di impressionarti.

    Puoi partire da qui:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Macchina_elettrica
    non+autenticato
  • ho solo scritto quello che ricordavo di un articolo, di sicuro ho saltato molti pezzi e precisazioni, comunque grazie per le precisazioni.
    Se hai informazioni in più sarò lieto di saperle... L'argomento è molto interessante...
  • - Scritto da: Luciano Polinari
    > ho solo scritto quello che ricordavo di un
    > articolo, di sicuro ho saltato molti pezzi e
    > precisazioni, comunque grazie per le
    > precisazioni.
    > Se hai informazioni in più sarò lieto di
    > saperle... L'argomento è molto
    > interessante...

    Ho visto che si trova perecchia roba sul tubo:
    http://www.youtube.com/watch?v=mVArz-RSXBE

    krane
    22544
  • Beh... direi che visti i video non mi sembrava di aver sparato queste grandi cavolate sul principio di funzionamento di questo motore... poi se la cosa sarà applicabile realmente alla grande produzione di energia credo servino studi più approfonditi...
  • - Scritto da: Luciano Polinari
    > Beh... direi che visti i video non mi sembrava di
    > aver sparato queste grandi cavolate sul principio
    > di funzionamento di questo motore... poi se la
    > cosa sarà applicabile realmente alla grande
    > produzione di energia credo servino studi più
    > approfonditi...

    Infatti, e' tutto da sperimentare, se cerchi un po' in google troverai siti di persone che si dedicano agli studi ed agli esperimenti.
    krane
    22544
  • Avete letto i commenti, sui video che hai postato?

    Occorre valutare come funzionano quando viene applicato un carico.
    Se non c'è nulla che consuma energia, e in assenza di attriti, un oggetto può continuare a girare per un tempo indefinito.... ma appena si cerca di usare tale energia (aggiungento, appunto, un carico) l'oggetto si ferma.

    Ecco un esempio: levitazione magnetica di un superconduttore (non essendoci contatto tra le parti, l'attrito in questo sistema è quasi zero)
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Avete letto i commenti, sui video che hai postato?

    No, ne' mi frega granche, tanto bastava a contrattire le tue affermazioni secondo le quali non si puo' superare il momento di inerzia.

    > Occorre valutare come funzionano quando viene
    > applicato un carico.

    Secondo la tua frase di prima avrebbe fatto mezzo giro scarso anche senza carico.

    > Se non c'è nulla che consuma energia, e in
    > assenza di attriti, un oggetto può continuare a
    > girare per un tempo indefinito.... ma appena si
    > cerca di usare tale energia (aggiungento,
    > appunto, un carico) l'oggetto si ferma.

    E quidni ? Anche le cascate che alimentano le centrali energetiche prima o poi si prosciugheranno, il che non ci impedisce di costruirle.
    Cosi' come sapere che tra 5miliardi di anni si spegnera' il sole non ci impedisce di costruire pannelli solari.

    > Ecco un esempio: levitazione magnetica di un
    > superconduttore (non essendoci contatto tra le
    > parti, l'attrito in questo sistema è quasi
    > zero)
    >

    E la levitazione magnetica ha anche parecchi usi pratici, quindi ???
    krane
    22544
  • Per capire il personaggio squallido e senza scrupoli che è obama, cercate "cash for clunkers" su youtube.

    Il programma cash for clunkers è stato un fallimento su tutti i fronti, miliardi di dollari buttati, inquinamento estremo, chi ci ha guadagnato sono le multinazionali dell'auto, chi c'ha perso è il cittadino che si ritrova i prezzi delle auto usate raddoppiati, senza contare la mancanza di pezzi di ricambio usati. Ora sono costretti a comprare un auto di "ultima generazione", nuova, che dopo 2 anni cadrà già a pezzi.
    non+autenticato
  • Effettivamente veder bruciare il motore di una corvette, o anche di una più che dignitosa Volva, fa un po' tristezza...
    Obama è stato un fallimento. Spero gli americani se ne liberino il prima possibile.
    non+autenticato
  • Ma perchè criticate Obama?
    Lo sapete o no che è premio nobel per la pace???
    Ok era meglio se stavo zitto
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)