Diritto all'accesso, oltre il Web

Dai coordinatori della lista che dibatte le proposte legislative sull'accessibilità una nota alla IX Commissione della Camera, perché l'accesso riguardi sì il web della PA ma non si fermi lì. Filosofia e tecnologia dell'accesso

Roma - Riceviamo e volentieri pubblichiamo un importante contributo inviato alla IX Commissione della Camera dei Deputati dal presidente di IWA Italia, Roberto Scano, da tempo in prima linea nel dibattito sull'accessibilità e motore della lista pdl3486 espressamente dedicata alle proposte legislative in tema di accessibilità e tecnologie. In calce il testo completo della proposta come emendata dalla lista.

"Ai componenti della IX Commissione
Trasporti e Comunicazioni
c/o Camera dei Deputati

Oggetto: Proposta di legge sull'accessibilità info-telematica (c. 3978)
Egregi Onorevoli,
Il 19 giugno 2003 la Vostra commissione ha iniziato a discutere il disegno di legge in oggetto, che ha come finalità il riconoscimento del diritto di accesso alle informazioni ed ai contenuti dei siti internet e la fruibilità delle tecnologie informatiche da parte dei cittadini con disabilità.

Tale discussione comprende una serie di proposte normative (C. 3978, C. 232, C. 494, C. 2950, C. 3486, C. 3713, C. 386) tra cui la proposta di legge 3486 di cui come associazione siamo autori per la parte tecnica.

Per tale progetto di legge e per seguire la nascita di ulteriori disegni di legge abbiamo creato una lista di discussione, pdl3486@itlists.org di cui gli archivi sono pubblici e all'interno della quale partecipano utenti con disabilità, avvocati, onorevoli, sviluppatori di servizi web ed esperti di accessibilità. All'interno della lista in questi mesi si sono svolte discussioni e sono stati raccolti suggerimenti che hanno portato a proposte di integrazione per il disegno di legge c. 3486.

Tengo a far presente che la categoria degli "sviluppatori del web" non è mai considerata né alle audizioni per la stesura del libro bianco "Tecnologie per la Disabilità" - di cui abbiamo creato una versione accessibile in www.webaccessibile.org - e neppure considerata nella stesura dei progetti di legge, ad esclusione del suddetto pdl3486.

Le diverse proposte in questi mesi hanno avuto un consenso trasversale nel Parlamento con elevato numero di sottoscrittori, e a seguito dell'approvazione da parte del Governo del disegno di legge di iniziativa del ministro Stanca si è finalmente iniziato l'iter parlamentare. Il 2003 è l'anno europeo delle persone con disabilità e siamo lieti che ci sia l'unanime volontà di arrivare all'approvazione di una legge in materia entro il termine di quest'anno, a conclusione quindi del semestre di presidenza italiana della EU: questo significa velocizzare i termini di approvazione optando per la funzione legislativa della Commissione, come auspicato da diversi soggetti ed associazioni di disabili.

L'accessibilità è, come ben espresso nella lista "pdl3486" dall'esperto Michele Diodati, "la proprietà di informazioni e servizi veicolati attraverso mezzi informatici, di essere fruiti da qualsiasi categoria di utilizzatori, indipendentemente dalla marca, dal modello, dalla versione, dalla potenza di elaborazione dei prodotti hardware e software usati per la fruizione".

E' necessario quindi non limitare la definizione di accessibilità esclusivamente ai cittadini con disabilità, o con particolari disabilità: spesso si identifica la mancanza di accessibilità esclusivamente per i non vedenti, non considerando che già nella categoria dei disabili visivi vi sono altre realtà (tra l'altro maggiormente presenti numericamente) come gli ipovedenti che richiedono diverse caratteristiche di sviluppo dei contenuti per il web e diverse tecnologie assistive.

Ora, a seguito della decisione del relatore On. Ricciotti di presentare un documento con la funzione di "collante" tra le varie proposte, all'interno della lista pdl3486 si è avviata una proficua discussione sui vari articoli e sono state predisposte delle proposte di modifica che vorremo porre alla Vostra attenzione in sede di discussione. Siamo quindi disponibili a fornire supporto alla Vs. commissione in una materia di cui la nostra esperienza internazionale nel campo e l'esperienza dei partecipanti della lista pdl3486 potrà certamente essere utile.

Tra i punti maggiormente da chiarire, non essendo definiti per legge i criteri di accessibilità dei siti web e demandando il tutto ad un regolamento attuativo, è necessario che all'interno della legge vi sia un riferimento alle direttive europee in materia di accessibilità del web, direttive che hanno riconosciuto come standard "de facto" il progetto WAI del World Wide Web Consortium (W3C), consorzio di cui fa parte anche la nostra Presidenza del Consiglio dei Ministri. Tale progetto inoltre non si limita all'accesso dei contenuti del web ma fornisce delle linee guida chiare per lo sviluppo di applicazioni che consentono anche agli utenti con disabilità di poter interagire attivamente con i contenuti (internet ed intranet) e non relegando più quindi i lavoratori con disabilità alle "professioni- ghetto" (es: i centralinisti non vedenti).

L'importanza dell'applicazione di standard internazionali, in un sistema globale come la rete internet, è di vitale importanza se non vogliamo creare l'inaccessibilità per gli utenti non italiani dei nostri servizi: creando degli "standard" italiani che non recepiscano gli standard internazionali si rischia di rendere un servizio inaccessibile ad un cittadino EU nel cui paese invece si recepiscono chiaramente gli standard WAI.

La lista di discussione pdl3486 ed i suoi componenti sono sempre disponibili a fornire qualsiasi informazione utile alla nascita di un disegno di legge che garantisca il diritto di accesso di tutti i cittadini non solamente ai siti della pubblica amministrazione ma di tutti quei servizi necessari: orari dei trasporti nazionali e locali, sistemi di home banking, giornali e riviste sono solo alcuni esempi.

Roberto Scano
Presidente IWA Italia
Coordinatore EMEA IWA/HWG


di seguito la proposta legislativa così come emendata dai membri della lista pdl3486
7 Commenti alla Notizia Diritto all'accesso, oltre il Web
Ordina