Alfonso Maruccia

Il primo compleanno di LibreOffice

La Foundation che ha sfidato Oracle biforcando lo sviluppo di OpenOffice festeggia la sua prima candelina e parla di successo, con centinaia di sviluppatori a bordo e milioni di download della suite FOSS

Roma - Esattamente un anno fa nasceva The Document Foundation (TDF), organizzazione non profit nata dalla disaffezione di importanti membri della community di OpenOffice.org alle politiche di gestione di Oracle. Oggi LibreOffice - fork della suite di Sun acquisita da Oracle - è più in forma di quanto sia mai stato OOo, e TDF parla di una risposta estremamente positiva da parte di utenti e sviluppatori insieme per un progetto che ha un grande futuro davanti a sé.

Nel festeggiare la prima candelina di LibreOffice, TDF snocciola i numeri raggranellati nel corso di un anno di attività: sono 250 gli sviluppatori registrati presso la Foundation e importanti organizzazioni FOSS come Canonical (sviluppatrice dell'OS Linux-based Ubuntu) hanno dedicato un certo numero di membri al solo lavoro di sviluppo della suite di produttività open source.

Nel complesso, dice TDF, LibreOffice "ha attirato più sviluppatori nel primo anno di quanto abbia fatto il progetto OpenOffice.org nel suo primo decennio". La foundation di LibreOffice è attiva e vitale, mentre sul fronte OOo (software ora gestito da Apache Foundation) i progressi vanno sul lento andante, e anche questo sarebbe un segno delle cose di là da venire.
LibreOffice è ora integrato nella maggioranza delle distro Linux, dice TDF, mentre i download della suite si contano in 7,5 milioni sin dal rilascio della prima versione stabile a gennaio 2011. Un'altra decina di milioni di utenti, sostiene la Foundation, ha installato la suite da CD o stick USB preparati a partire dai suddetti download.

Cosa c'è nel futuro immediato di TDF e LibreOffice? L'organizzazione FOSS è soddisfatta di come vadano le cose sul fronte Linux, molto meno per quel che succede in ambiente Windows: lì c'è ancora parecchio da lavorare per superare il "conservatorismo" degli utenti e spingerli ad assaggiare la suite di produttività a codice aperto.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
140 Commenti alla Notizia Il primo compleanno di LibreOffice
Ordina
  • e alla faccia di certi commenti, ODF 1.2 è standard OASIS :
    http://lists.oasis-open.org/archives/tc-announce/2...
    non+autenticato
  • L'articolo comincia con una grave inesattezza: esattamente un anno fa veniva dato l'annuncio che *sarebbe* nata The Document Foundation. Ad oggi della fondazione non c'è ancora traccia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: emilier

    > http://www.documentfoundation.org/foundation/

    Intende dire che TDF non è ancora un fondazione legalmente costituita. Fino ad ora hanno raccolto donazioni con lo scopo di costituire una fondazione legalmente riconosciuta in Germania, ma a quanto ne so anch'io il progetto è ancora in fase di realizzazione.

    Saluti
    VITRIOL
  • Allora, ho fatto questa prova:

    Sul Mac, da Safari ho salvato questa pagina di P.I. come PDF.

    Ho provato ad aprirla con Office 2011 Mac e... ciccia, niente da fare.
    Ti propone vari formati ma, alla fine, nisba.

    Poi ho provato con LibreOffice (sempre su Mac) : apre il PDF ma è lento da morire
       (Mac Mini Late 2009), però te lo fa anche modificare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: non fumo non bevo e non dico parolacce
    > Allora, ho fatto questa prova:
    >
    >   Sul Mac, da Safari ho salvato questa pagina di
    > P.I. come PDF.
    >
    >   Ho provato ad aprirla con Office 2011 Mac e...

    ok, da tenere presente che per quanto ne so le versioni Mac non sono "allineate" perfettamente a quelle Win (ho scritto una boiata?)

    > ciccia, niente da fare.

    AH!

    >   Ti propone vari formati ma, alla fine, nisba.
    >
    >   Poi ho provato con LibreOffice (sempre su Mac)
    > : apre il PDF ma è lento da
    > morire
    >    (Mac Mini Late 2009), però te lo fa anche
    > modificare.

    Ok, grazie!
    non+autenticato
  • Ero felice di aver fatto fuori MS Office, nonostante Open Office fosse comunque più pesante e avesse delle incompatibilità con il resto del mondo.
    Mi andava anche bene che accadessero cose del tipo che mandi un documento odf e ti telefonano dicendo "Word 97 non me lo apre", lo salvi in formato .doc, lo mandi e ti dicono "ma non si vede bene". OK.
    Poi, butta Open Office ed installa Libre Office... ma dopo l'ultima volta, che mi ha aperto un documento di lavoro tutto smin...iato ho deciso. 197 euro e ho installato Word 2011.
    E tanti saluti all'Open Source (cosa di cui NON sono felice).

    Voi?
    non+autenticato
  • Io uso entrambi (OO e LO) in versione portatile senza rimpianti né particolari problemi.

    Il problema comunque non è il software ma il formato: se usi soluzioni open devi adottare l'ODF e non avrai problemi.

    Per mandare i documenti ad altri esportali in PDF.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco Ravich
    > Io uso entrambi (OO e LO) in versione portatile
    > senza rimpianti né particolari
    > problemi.
    >
    > Il problema comunque non è il software ma il
    > formato: se usi soluzioni open devi adottare
    > l'ODF e non avrai
    > problemi.
    >
    > Per mandare i documenti ad altri esportali in PDF.

    hai presente le capre? ecco, in giro ce ne sono tante. il fatto è che se dai ad una capra una qualsiasi cosa che non sia un documento Office in formato 1900, non sanno, non possono, non vogliono, e "non sono pagati per" leggerlo.
    ti sarà mai capitato di averci a che fare, no? e vogliamo mettere i "modelli stile aziendale"? costruiti con mille macro (inutili) per riempire 12000 campi (inutili). OK, un documento semplice va, ma appena ti sposti dal "modello base" incominciano i guai.
    credimi, non ho installato LibreOffice, ma certo è che le cose invece di semplificarsi si sono solo complicate.
    non+autenticato
  • - Scritto da: non fumo non bevo e non dico parolacce
    > hai presente le capre? ecco, in giro ce ne sono

    Scusa, ma a questo tuo divertente commento a base di "capre" non riesco a resistere: compulsivamente mi viene da aggiungere "e io che ho mai capito perche' non usino TeX"

    Occhiolino

    Orfheo.

    > tante. il fatto è che se dai ad una capra una
    > qualsiasi cosa che non sia un documento Office in
    > formato 1900, non sanno, non possono, non
    > vogliono, e "non sono pagati per"
    > leggerlo.
    > ti sarà mai capitato di averci a che fare, no? e
    > vogliamo mettere i "modelli stile aziendale"?
    > costruiti con mille macro (inutili) per riempire
    > 12000 campi (inutili). OK, un documento semplice
    > va, ma appena ti sposti dal "modello base"
    > incominciano i guai.
    >
    > credimi, non ho installato LibreOffice, ma certo
    > è che le cose invece di semplificarsi si sono
    > solo
    > complicate.
  • - Scritto da: Marco Ravich
    > Per mandare i documenti ad altri esportali in PDF.

    Io al lavoro ho Word 2000 ed i PDF "fa finta" di importarli (vengono tutte quelle righe con lettere a caso), sai se necessita plug-in/filtro di importazione?
    La domanda è comunque "oziosa" perché tipicamente i documenti PDF si aprono solo in visualizzazione (quindi Adobe Reader), non in modifica, però quest'ultima questione mi suggerisce altre due domande:
    - sai se le versioni di Word più recenti aprono "nativamente" i PDF?
    - ma con gli strumenti "normali" (i word-processor e simili) un PDF "normale" (escludiamo quelli in qualche modo protetti) è editabile?
    grazie e saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > - Scritto da: Marco Ravich
    > > Per mandare i documenti ad altri esportali
    > in
    > PDF.
    >
    > Io al lavoro ho Word 2000 ed i PDF "fa finta" di
    > importarli (vengono tutte quelle righe con
    > lettere a caso), sai se necessita plug-in/filtro
    > di
    > importazione?
    > La domanda è comunque "oziosa" perché tipicamente
    > i documenti PDF si aprono solo in visualizzazione
    > (quindi Adobe Reader), non in modifica, però
    > quest'ultima questione mi suggerisce altre due
    > domande:
    > - sai se le versioni di Word più recenti aprono
    > "nativamente" i
    > PDF?
    > - ma con gli strumenti "normali" (i
    > word-processor e simili) un PDF "normale"
    > (escludiamo quelli in qualche modo protetti) è
    > editabile?
    > grazie e saluti

    Allora, ho fatto questa prova:

    Sul Mac, da Safari ho salvato questa pagina di P.I. come PDF.

    Ho provato ad aprirla con Office 2011 Mac e... ciccia, niente da fare.
    Ti propone vari formati ma, alla fine, nisba.

    Poi ho provato con LibreOffice (sempre su Mac) : apre il PDF ma è lento da morire
       (Mac Mini Late 2009), però te lo fa anche modificare.
    non+autenticato
  • Di solito se cerchi di trasformare un PDF in un qualcosa di editabile il risultato è pessimo.
    LibreOffice/OOo ticordo che erano in grado di importare PDF (forse in Draw?).
    Office: non credo direttamente in Word, però puoi usare un OCR. Mi sembra che nel pacchetto MS Office ce ne fosse incluso uno (sotto Strumenti di Office nel menù avvio) ma al momento non lo trovo; forse l'avevo deselezionato durante l'installazione
    non+autenticato
  • Dimenticavo la domanda più importante: cosa intendi per modificare?
    Se vuoi solo chiosare, evidenziare, aggiungere un'immagine (p.e. la tua firma) basta Adobe Acrobat (non il reader gratuito) oppure uno dei tanti reader alternativi che ha queste funzioni (e le offre anche gratuitamente): PDF exchange viewer, Foxit Reader, ecc.
    non+autenticato
  • Io ho avuto lo stesso problema e visto che mi occupo di editoria l'impaginazione "originale" è importante. Poi ho capito però che il problema è leggermente differente. Se faccio una relazione in word con mille immagini messe sminc.ate dall'inizio che se ci aggiungo uno spazio al titolo mi sballa 200 pagine forse il problema non sta li... Personalmente word mi va benissimo quando devo scrivere e preparare il testo di un documento, ma per impaginare è altro che bisogna usare. E qua LO o OO non fanno di meglio.
    Provate scribus
    http://www.scribus.net
  • - Scritto da: emilier

    > Io ho avuto lo stesso problema e visto che mi
    > occupo di editoria l'impaginazione "originale" è
    > importante.

    Hai evidenziato la differenza filosofica e utilitaristica che c'è tra un word processor e un programma di DTP. E' già qualcosa Sorride
    Per la cronaca, entrambi gli approcci hanno un loro dignità di esistere, in relazione a quello che si vuole ottenere. Sembra una considerazione banale, ma purtroppo per la maggior parte degli utenti non lo è.

    Saluti
    VITRIOL
  • - Scritto da: emilier
    > Io ho avuto lo stesso problema e visto che mi
    > occupo di editoria l'impaginazione "originale" è
    > importante.

    se ti occupi di editoria saprai benissimo che in questo campo NON E' neanche lontanamente pensabile di usare QUALSIVOGLIA suite office (per i taaanti motivi che si soppone chi fa editoria conosce benissimo: supporto dei profili di colore, gestione e modalità di stampa dei caratteri e glifi, quadricromia, gestione dei formati pdf ecc. ecc. ecc.)

    > Poi ho capito però che il problema è
    > leggermente differente. Se faccio una relazione
    > in word con mille immagini messe sminc.ate
    > dall'inizio che se ci aggiungo uno spazio al
    > titolo mi sballa 200 pagine forse il problema non
    > sta li...

    uscendo dall'editoria e passando al campo diciamo "editor di testo", il problema è (come dici bene) differente... e a prescindere da quale editor si usa, occorre sempre avere un minimo di conoscenze di base su come impaginare, su come usare gli stili, su come gestire le spaziature e via dicendo: nel 99% dei casi, le sminchiature NON dipendono dal software che si usa ma dal fatto che chi scrive NON sa cosa sta facendo (tipo che usano 250 "invii" per passare da una pagina all'altra e cose del genere)

    > Personalmente word mi va benissimo
    > quando devo scrivere e preparare il testo di un
    > documento, ma per impaginare è altro che bisogna
    > usare. E qua LO o OO non fanno di meglio.

    come già detto, concordo in generale che qualsiasi suite office NON può essere usata in campo tipografico, anche se però da questo p.d.v. LO è decisamente meglio di Word...

    > Provate scribus
    > http://www.scribus.net

    ottimo suggerimento!
    per chi sa cosa sta facendo, scribus è OTTIMO (oltre che libero e gratuito)
    non+autenticato
  • quando si parla di contributi del mondo linux, ecco che maroccia cita il grande contributo di canonical, e si dimentica di citare l'apporto, quello vero, degli sviluppatori di altre società: Suse contribuisce con il 25%, oracle (codice OOO) 25%, red hat idem, volontari, altro 25%
    .. canonical, al solito ci mette un ottimo 0 virgola.. ma complimenti per la marchetta
    non+autenticato
  • I contributi degli sviluppatori ex Sun (il codice di OOo) sono scesi al 20%, perché sono cresciuti quelli delle altre aziende, compresi quelli di Canonical, che sono al 3%. Le percentuali sul comunicato stampa e sui grafici allegati non lasciano dubbi.
    non+autenticato
  • bene, allora suse e red hat, con il 50% non vengono citati, ma viene citato il grande impegno di canonical con il 3%, cioè il nulla cosmico, sempre marchetta è
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)