Mauro Vecchio

ACTA, prime firme anti-contraffazione

Otto paesi del mondo hanno ratificato il famigerato trattato globale contro pirateria e contraffazione. Ci sono Stati Uniti, Canada, Giappone e Corea del Sud. L'Unione Europea continuerà a studiarne il testo

Roma - Otto paesi del mondo per altrettante firme, recentemente apposte al testo del famigerato Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA). Il trattato globale anti-contraffazione procederà spedito verso l'estate del 2013, alla ricerca di nuovi consensi in tutto il mondo.

Stati Uniti, Australia, Canada, Giappone, Marocco, Nuova Zelanda, Singapore, Corea del Sud. Sono queste le prime nazioni firmatarie di ACTA, riunitesi in terra nipponica alla prima cerimonia di ratificazione del trattato segreto che tanto ha fatto discutere gli attivisti per i diritti digitali.

In particolare i vertici di Public Knowledge, che hanno nuovamente sottolineato come l'attuale versione di ACTA costituisca un significativo passo in avanti rispetto alle precedenti. Ad esempio, sono state eliminate le iniziali intenzioni di criminalizzare tutti quegli utenti colti a violare online il copyright.
I governi di Messico e Svizzera hanno partecipato alla cerimonia senza firmare il testo di ACTA. Rimane tuttavia un "forte supporto" al trattato, garantito anche dalle autorità del Vecchio Continente. I vertici dell'Unione Europea sono attualmente in una fase di studio e valutazione, in particolare sull'effettiva compatibilità tra le previsioni del trattato e le leggi comunitarie.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUE, uno studio per rallentare ACTAIl Parlamento Europeo dovrebbe rivedere il trattato anti-contraffazione, non proprio in linea con le attuali leggi comunitarie. Un'analisi condotta all'Università di Maastricht invita tutti alla calma
  • AttualitàMessico: alt ad ACTAIl Senato si oppone al trattato internazionale anti-contraffazione fortemente spinto dagli Stati Uniti e chiede al Governo di non ratificarlo
5 Commenti alla Notizia ACTA, prime firme anti-contraffazione
Ordina
  • Se l'UE rispondesse picche ad ACTA sarebbe una bella prova di coraggio e di indipendenza politica .. ma con la mediocre classe burocratico/politica che governa la UE la vedo difficile.
  • - Scritto da: James Kirk
    > Se l'UE rispondesse picche ad ACTA sarebbe una
    > bella prova di coraggio e di indipendenza
    > politica .. ma con la mediocre classe
    > burocratico/politica che governa la UE la vedo
    > difficile.

    Sono sempre tutti mediocri per voi. Se è una roba del governo italiano allora è mediocre, perché nel resto d'Europa sono meglio. Se è l'Europa a decidere allora non va bene lo stesso.
    E' un trattato contro la contraffazione, sei a favore della contraffazione?
    Hanno tolto le righe che parlavano della criminalizzazione di chi viola il copyright, non ti va bene?
    Hai letto il trattato visto che non ti piace o è una cosa a priori?
    non+autenticato
  • > Hanno tolto le righe che parlavano della
    > criminalizzazione di chi viola il copyright, non
    > ti va
    > bene?

    No, perchè parlano ancora di "pirateria".
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore

    > Hai letto il trattato visto che non ti piace o è
    > una cosa a
    > priori?

    si potrebbe rigirare la domanda a te

    da quel che ho letto e so su acta, è il più grande obbrobrio nella storia dell'umanità, roba da far impallidire Hitler

    è nè più nè meno che una prova generale di regime globale

    del resto basta ricordare che è stato creato in segreto!!!! se sono così onesti, perchè fanno le cose alle nostre spalle?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore

    > E' un trattato contro la contraffazione, sei a
    > favore della
    > contraffazione?

    Io non sono ne contro la contraffazione nè contro i brevetti nè contro il copyright, ma in realtà ACTA contiene tante altre cose che con la contraffazione non hanno nulla a che vedere.
    E poi rinforza ancora di più la proprietà intellettuale, mentre invece questa dovrebbe essere prima ri-regolamentata.