Mauro Vecchio

Nuance si pappa Swype per 100 milioni

La societÓ specializzata in tecnologie di riconoscimento vocale compra quella specializzata in tastiere virtuali. Resta da capire cosa intenda farci

Roma - Alle prime indiscrezioni hanno fatto seguito voci più fondate: Nuance, azienda specializzata in tecnologie per il riconoscimento vocale, ha acquisito i principali asset di Swype, produttore della nota tastiera virtuale presente sui vari dispositivi basati su Android.

Un assorbimento da 102,5 milioni di dollari, voluto dai vertici di Nuance dopo l'acquisizione della celebre tecnologia T9, curiosamente realizzata dallo stesso founder di Swype Cliff Kushler. Non è però chiaro come sarà la convivenza tra due applicazioni software in diretta concorrenza.

La mossa di Nuance ha colpito gli osservatori di mercato, in particolare per le rosee possibilità di distribuzione delle tastiere virtuali Swype. C'è chi ha infatti sottolineato come l'applicazione software sia pronta a sbarcare su circa 100 milioni di telefonini. (M.V.)
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Nuance si pappa Swype per 100 milioni
Ordina
  • Vedremo finalmente swype su iOS vista la collaborazione fra apple e nuance..
    non+autenticato
  • Ma swype c'è già su iOS.

    Comunque, quel tipo di tastiera non mi è mai piaciuta, capita molto spesso di digitare tutt'altra parola, e con la punteggiatura è un incubo.
    non+autenticato
  • Hmm, sul fatto dello sbagliare parola posso essere d'accordo, ma è anche vero che si può riselezionare la parola sbagliata e scegliere quella corretta. Se non l'ha nel dizionario o la si è sbagliata molto, in effetti la correzzione non è così comoda.
    Per la punteggiatura, invece, non ti seguo proprio: personalmente è il sistema più comodo che conosca, mette anche automaticamente gli spazi dopo i simboli, se si usa correttamente.
    Sicuramente è una tastiera che ha una curva d'apprendimento meno immediata di altre.
    non+autenticato
  • E, a proposito di punteggiatura, inserisce automaticamente gli apostrofi componendo consecutivamente coppie di parole frequenti come "quand'è" (da comporre come "quande"). Inoltre permette di comporre più facilmente la "è" accentata da sola, componendola come "er" (è spiegato nella guida) senza dover tenere premuto il pulsante per selezionare la variante accentata della lettera.
    non+autenticato