Alfonso Maruccia

SSD a memristori, presto realtÓ

HP conferma la finestra di lancio dei prodotti basati sul nuovo componente elettronico scoperto pochi anni or sono. I memristori serviranno prima di tutto a sviluppare memorie a stato solido di nuova generazione

Roma - Il 2013 si avvicina, e con l'estate di quell'anno ci sarà il debutto sul mercato dei memristori o "ReRAM", brand scelto da Hewlett-Packard per la commercializzazione di prodotti basati sul quarto componente fondamentale dell'elettronica "scoperto" nel 2008 dai laboratori del colosso statunitense. HP conferma la finestra di lancio già anticipata in passato e delinea la prima incarnazione dei memristori: unità di storage a stato solido più economiche, efficienti e veloci di quelle basate su chip di memoria NAND Flash.

HP pianifica di lanciare sul mercato i primi prodotti ReRAM entro 18 mesi, vale a dire per l'estate del 2013. "Abbiamo molti piani ambiziosi per i memristori e stiamo lavorando con Hynix Semiconductor per lanciare un sostituto delle memorie Flash nell'estate del 2013", conferma HP, con lo sguardo della corporation fisso sul mercato dei drive a stato solido.

HP dice di essere attualmente occupata a macinare "migliaia di wafer in una fabbrica di Hynix" interamente dedicata alla produzione di chip ReRAM. Anche se una roadmap precisa per la commercializzazione di prodotti ReRAM ancora non esiste, dice HP, la fiducia nella capacità dei memristori di rivoluzionare la tecnologia informatica è molto alta.
I chip ReRAM hanno un setup tridimensionale multistrato, si comportano da resistori con effetto memoria, richiedono una quantità di energia inferiore delle memorie Flash e sono persino più veloci. I primi prodotti con memristori serviranno a immagazzinare dati in formato binario, ma la capacità di eseguire operazioni logiche sui bit lascia intravedere campi di applicazione futuri ancora più avanzati.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • Tecnologia2013, l'alba dei memristori viventiHewlett-Packard annuncia finalmente il nome di chi avrÓ il compito di trasformare il memristore in un prodotto commerciale. Da qui a 3 anni detronizzeremo le memorie NAND nello storage, promette
  • TecnologiaHP, memristore ai raggi XIl colosso statunitense annuncia l'ennesimo progresso nello studio del funzionamento della nuova tecnologia che vorrebbe rivoluzionare l'elettronica digitale
13 Commenti alla Notizia SSD a memristori, presto realtÓ
Ordina
  • Invenzione, non scoperta.
    Il memristore non esisteva prima della sua INVENZIONE.
    Si possono scoprire solo le cose già esistenti.
    non+autenticato
  • Ma le nuove unitá saranno migliori rispetto a quelle basate su memorie flash di ora o sulle unitá flash che saranno sul mercato nel 2013 ?
    non+autenticato
  • E dai che tra due anni mi posso finalmente pemettere un SSD, non dico un disco a memristori che costera sicuramente tanto, ma gli SSD inizieranno a venderli a un tant al chiloCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • "scoperti" i memristori ?

    Si scopre quello che gia' esiste in natura, il resto si inventa. Al piu' qualcuno ha scoperto l'effetto di memoria resistita di alcuni materiali e basandosi su questo ha INVENTATO il memristore.

    Incuriosito dalla gaffe semantica sono andato a vedere l'articolo linkato... una collezione di errori:
    - Si confonde la memorizzazione multilivello con l'architettura 3D dei circuiti, totale nonsense, sono due cose diverse che non "ci azzeccano niente".
    - Si annuncia la memorizzazione multilivello come una novita', altra bufala, viene gia' usata in molti circuiti per SSD.

    Insomma, prima di scrivere sarebbe carino (per i lettori) se ci si informasse, chiedo scusa se suona offensivo, ma e' la realta'.

    A.
  • - Scritto da: Pinco Pallino
    > "scoperti" i memristori ?
    >
    > Si scopre quello che gia' esiste in natura, il
    > resto si inventa. Al piu' qualcuno ha scoperto
    > l'effetto di memoria resistita di alcuni
    > materiali e basandosi su questo ha INVENTATO il
    > memristore.

    non per nulla "scoperto" è stato messo tra virgolette


    >
    > Incuriosito dalla gaffe semantica sono andato a
    > vedere l'articolo linkato... una collezione di
    > errori:
    > - Si confonde la memorizzazione multilivello con
    > l'architettura 3D dei circuiti, totale nonsense,
    > sono due cose diverse che non "ci azzeccano
    > niente".

    http://www.eetasia.com/ART_8800554412_499486_NT_c0...

    http://www.slashgear.com/hp-memristor-tech-promise.../

    > - Si annuncia la memorizzazione multilivello come
    > una novita', altra bufala, viene gia' usata in
    > molti circuiti per
    > SSD.

    nell'articolo non viene usata la parola "novità".

    >
    > Insomma, prima di scrivere sarebbe carino (per i
    > lettori) se ci si informasse, chiedo scusa se
    > suona offensivo, ma e' la
    > realta'.
    >
    > A.

    anche quando si correggono gli altri bisognerebbe fare un minimo di attenzione
    non+autenticato
  • Scusa.... non amo il quote in line e lo evito.

    Punto uno: Ok, le virgolette, ho "cotto" il sashimi. No. Il sashimi si taglia, si prepara, non si cuoce, le virgolette non mi aiutano.

    Punto due: L'articolo linkato ( http://punto-informatico.it/3164834/PI/News/hp-mem... stesso autore ) esordisce in un periodo con "Invece di immagazzinare un singolo bit per volta, dice Williams, la nuova conoscenza acquisita sul funzionamento nanoscopico della tecnologia dei memristori permetterà ad HP di registrare ben 4 bit in una memoria a strato multiplo" seguito da "Anche il memristore sarà dunque tridimensionale come le future CPU a 22 nanometri di Intel". Sono due cose che non centrano niente. E' come dire "La mia macchina e' a metano, e quindi e' catalizzata". Oppure "Ce l'ho lungo, e quindi lo so usare".

    Punto tre: Mi riferivo sempre all'articolo linkato di cui sopra chye, ben dici, non usa la parola "novita'", si limita a dire "fatto che dona al memristore l'ennesima qualità "rivoluzionaria" da spendere nella lotta prossima ventura". Non c'e' niente ne di nuovo ne tantomeno di rivoluzionario ne nella configurazione 3D ne tantomeno nella memorizzazione multilivello.

    Tutto cio' non ha nessuna intenzione di essere un attcco personale contro Maruccia che, anzi, e' tra gli autori qui' che piu' mettono dei contenuti tecnici negli articoli e godono (per quel poco che vale) della mia stima. Solo stavolta l'articolo ha toppato e fa riferimento a un articolo che e' anche peggio.

    Come sempre.... JMHO (benevola).

    A.
  • - Scritto da: Pinco Pallino
    > "scoperti" i memristori ?
    >
    > Si scopre quello che gia' esiste in natura, il
    > resto si inventa. Al piu' qualcuno ha scoperto
    > l'effetto di memoria resistita di alcuni
    > materiali e basandosi su questo ha INVENTATO il
    > memristore.

    Non proprio. Il memristore era stato teorizzato nei primi anni 70 e tuttavia è stato 'scoperto' o meglio ingegnerizzato solo pochi anni fa da HP
    .poz
    205
  • scoprire != inventare != ingegnerizzare.

    Pippo scopre la combustione (fenomeno, esiste gia' in natura, e' un fatto).
    Pluto inventa il motore a scoppio (metodo teorico per usare il fenomeno per uno scopo).
    Paperino ingegnerizza il motore della ferrari (implementazione pratica e specific del metodo, con i dettagli di come farlo fuzionare in pratica).

    Dire che la ferrari ha "scoperto" un motore da 800 Hp e' come dire che lo ha trovato sotto a un cavolo....

    A.
  • nel gergo informatico vuol dire non prima di 10 anni
    non+autenticato
  • nel caso si arrivasse al progetto, intendoA bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)