Dinox PC

AMD FX-8150: finalmente 8-core per desktop

AMD toglie oggi i veli alle CPU Zambezi: nelle intenzioni dell'azienda segneranno il punto di svolta. Ma Bulldozer sarà in grado di spianare la concorrenza?

AMD FX-8150: finalmente 8-core per desktopRoma - Finalmente! Quella frase, il rispetto dei tempi per le CPU AMD, che ormai rischiava di diventare un ossimoro per oggi è dimenticata, cancellata. Come fosse una sposa nel giorno del suo matrimonio, oggi dalle parti di Sunnyvale si fa festa per annunciare Bulldozer, nella sua incarnazione desktop.

Le prime CPU basate su questa interessante architettura, della quale si è molto parlato negli ultimi tempi con anticipazioni, indiscrezioni ed overclock da record, debuttano oggi sotto il nome commerciale di FX-Series, un marchio che ritorna da un glorioso passato per indicare la strada che AMD seguirà nel prossimo futuro per i suoi processori x86. Dalle soluzioni attuali si parte immediatamente per una nuova avventura che affonderà le sue radici sempre sull'architettura Bulldozer alla quale saranno apportati continui miglioramenti e dalla quale nasceranno ogni anno nuovi modelli, sperando che AMD riesca a mantenere le sue promesse sulle tempistiche.


Bulldozer oggi e fra qualche anno

Ma fermiamoci a quello che è l'evento odierno: quattro sono i modelli dai quali AMD ha appena tolto i veli. Con essi vengono introdotti per la prima volta processori x86 a 8-core per sistemi desktop che supportano in maniera nativa memorie DDR3-1866 ed un esteso set di istruzioni comprendente anche quelle AES ed AVX con FMA4 e XOP. Queste CPU sono inoltre completamente sbloccate per la gioia di tutti gli overclockers e, come i modelli Phenom II che si propongono di sostituire, oltre ai core x86 integrano un controller delle memorie ed il bus Hypertranport ma nessun core grafico, come invece accade per le APU A-series e per le CPU rivali Intel Sandy Bridge.

Il kit di prova per Bulldozer

Le CPU FX (note anche con il nome in codice di Zambezi), sono anche le prime di AMD per sistemi desktop ad essere realizzate con processo produttivo a 32nm, presso le fonderie di Globalfoundries. Assieme ad esse AMD ufficializza i chipset della serie 9 anche se le schede madri che li utilizzano sono ormai disponibili sul mercato da alcuni mesi.

E, a proposito di piattaforme, AMD continua a tener fede alla sua politica garantista sugli aggiornamenti: le CPU Zambezi utilizzano il socket AM3+, compatibile all'indietro con il socket AM3 utilizzato dalle CPU Phenom II. Questo significa che una scheda madre di nuova generazione può ospitare una CPU di vecchia generazione; il fatto di poter installare una CPU FX su una vecchia scheda madre socket AM3, invece, è da verificare caso per caso e sicuramente si dovrà rinunciare a qualche feature, come il Turbo Core.


Notizie collegate
  • HardwareAMD FX-Series da Guinness World RecordPrimi esperimenti di overclock estremo con le CPU FX-Series (Zambezi) che hanno permesso di portare la loro frequenza fino a 8,429GHz
  • TecnologiaAMD cambia rottaIl chipmaker USA aggiorna la roadmap delle piattaforme desktop in uscita nei prossimi mesi, tra piattaforme sostituite e moltiplicatori sbloccati
  • HardwareAMD e quel core e mezzo di BulldozerSi avvicina il debutto dell'architettura sulla quale saranno basate le nuove CPU per server e desktop dell'azienda di Sunnyvale. Dopo la corsa al gigahertz, finisce anche l'era della corsa al multi-core?
170 Commenti alla Notizia AMD FX-8150: finalmente 8-core per desktop
Ordina
  • Ecco una prima evoluzione di Bulldozer anche se usata per le APU: http://www.bitsandchips.it/9-hardware/1043-la-seco...
    non+autenticato
  • in un altro thread, ho titolato "dinox, un altro articolo inutile"
    Voglio specificare che non considero inutile TUTTO l'articolo (che ho comunque apprezzato nella sua completezza) ma mi riferivo unicamente alla parte "numerica" dove si parla dei test.
    non+autenticato
  • Ok, ma perché allora quella parte sarebbe inutile? Perché i test sono fatti male oppure perché in generale secondo te non servono?
  • - Scritto da: Dinox PC
    > Ok, ma perché allora quella parte sarebbe
    > inutile? Perché i test sono fatti male oppure
    > perché in generale secondo te non
    > servono?

    "inutile" nel senso di "scorretta". I test sono NECESSARI ma debbono essere fatti BENE. Ritengo che un test OGGETTIVO debba essere eseguito con le ottimizzazioni proprie della specifica CPU che si va a testare. Intendiamoci, si possono spostare i risultati di poco ma magari proprio quel poco determina se uno decide di acquistare o meno.
    Faccio un esempio (numeri a caso) il processore INTEL XYZ esegue calcoli interi in 100 secondi, la controparte AMD ZXC esegue gli stessi calcoli in 120 secondi, ma se il codice di test fosse stato compilato con le ottimizzazioni AMD magari potrebbe guadagnare un 5%, cioe' 114 secondi.
    E questa differenza puo essere l'ago della bilancia: nel primo caso direi "cavolo, e' vero che AMD costa (sempre numeri a caso) 50Euro in meno ma e' piu' lento del 20%: no, no, compro intel", nel secondo caso direi "cavolo, AMD e' piu' lento dell'14% ma posso risparmiare 50Euro: vada per AMD"

    Chiaro il concetto?
    non+autenticato
  • Chiarissimo. Ma come più volte detto, test simili servirebbero solo a te e pochi altri. Io ho chiesto (ma non ho avuto risposta ancora), chi pensi che si ricompili i programmi (quanti sono in grado di farlo e per quanti software è possibile farlo) per ottimizzarli per l'una o l'latra piattaforma?

    Tu parli di test scorretti, mentre io ti dico che quelli che vorresti tu sarebbero scorretti, scorretti nel senso che poi nessuno riuscirebbe ad ottenere simili risultati. Ciò non toglie che, almeno a livello accademico, non possano essere realizzati in futuro una serie di test per mettere in evidenza quanto mi chiedi e, su questo concordo con te, utili a capire se un'architettura hardware può rendere di più quando l'applicativo che vi gira sopra è ottimizzato.
  • - Scritto da: Dinox PC
    > Chiarissimo. Ma come più volte detto, test simili
    > servirebbero solo a te e pochi altri. Io ho
    > chiesto (ma non ho avuto risposta ancora), chi
    > pensi che si ricompili i programmi (quanti sono
    > in grado di farlo e per quanti software è
    > possibile farlo) per ottimizzarli per l'una o
    > l'latra piattaforma?

    debian amd64. e non serve nemmeno ricompilarla in quanto GIA' pronta.

    > Ciò non toglie che,
    > almeno a livello accademico, non possano essere
    > realizzati in futuro una serie di test per
    > mettere in evidenza quanto mi chiedi

    25 parole "INTEL" per emulare la frase AMD "non lo faro' mai": vedi che con il codice ottimizzato avresti fatto prima?
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito

    > debian amd64. e non serve nemmeno ricompilarla in
    > quanto GIA'
    > pronta.

    Io uso ubuntu, oltre che windows.
    Debian non mi piace.

    > 25 parole "INTEL" per emulare la frase AMD "non
    > lo faro' mai": vedi che con il codice ottimizzato
    > avresti fatto
    > prima?

    Già, ricompilando i programmi si possono guadagnare 0,0005 microsecondi in performances, dopo un paio di giorni passati a smanettare col compilatore per ricompilare TUTTO.
    Che soddisfazione!

    Ma dai, torna in cantina Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • No, chiariamo alcuni dettagli. Effetivamente la maggior parte delle applicazioni non mostrano guadagni se ricompilati, tuttavia alcune librerie si avvantaggiano sensibilmente rispetto all'eseguibile generico.
    Come esempio vi indico le GMP il cui codice presenta sezioni dedicate a varie famiglie di processori. Il risultato dell'ottimizzaione è ottimo:come potete vedere il calcolo del PI greco con 1M di decimali è qualcosa d'incredibile:

    http://gmplib.org/pi-with-gmp.html

    In fondo penso anch'io che a fare 2 bench scaricando qualche tool da Internet sono buoni tutti.
    non+autenticato
  • Sono assolutamente d'accordo: una modifica al software può fare molto di più di tante migliorie hardware, almeno in linea generale. Comunque sia, tornando alla nostra discussione, vediamo di introdurre qualche test in futuro che prenda in considerazione anche simili situazioniOcchiolino
  • Si!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: cognome
    > - Scritto da: attonito
    >
    > > debian amd64. e non serve nemmeno
    > ricompilarla
    > in
    > > quanto GIA'
    > > pronta.
    >
    > Io uso ubuntu, oltre che windows.
    > Debian non mi piace.

    ah, capisco, uno di quelli...

    > > 25 parole "INTEL" per emulare la frase AMD
    > "non
    > > lo faro' mai": vedi che con il codice
    > ottimizzato
    > > avresti fatto
    > > prima?
    >
    > Già, ricompilando i programmi si possono
    > guadagnare 0,0005 microsecondi in performances,
    > dopo un paio di giorni passati a smanettare col
    > compilatore per ricompilare
    > TUTTO.
    > Che soddisfazione!

    tu non sai neanche come si ricompila, ma sono sicuro non ti interessa.

    >
    > Ma dai, torna in cantina Rotola dal ridere
    fatto, ho preso un paio di bottiglie di vino del 2005 e sono tornato su: e tu, ce la hai ua cantina?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dinox PC
    > Chiarissimo. Ma come più volte detto, test simili
    > servirebbero solo a te e pochi altri. Io ho
    > chiesto (ma non ho avuto risposta ancora), chi
    > pensi che si ricompili i programmi (quanti sono
    > in grado di farlo e per quanti software è
    > possibile farlo) per ottimizzarli per l'una o
    > l'latra
    > piattaforma?
    >
    > Tu parli di test scorretti, mentre io ti dico che
    > quelli che vorresti tu sarebbero scorretti,
    > scorretti nel senso che poi nessuno riuscirebbe
    > ad ottenere simili risultati. Ciò non toglie che,
    > almeno a livello accademico, non possano essere
    > realizzati in futuro una serie di test per
    > mettere in evidenza quanto mi chiedi e, su questo
    > concordo con te, utili a capire se
    > un'architettura hardware può rendere di più
    > quando l'applicativo che vi gira sopra è
    > ottimizzato.

    Scusate eh, ma io preferisco un calcolo obiettivo delle prestazioni della CPU, non scuse del tipo "tanto non potete riprodurre gli stessi scenari di utilizzo" perchè a mio avviso non c'entra nulla. Se non altro, fate alcuni test utilizzando programmi senza ottimizzazioni o con ottimizzazioni per entrambi i produttori.
  • o per meglio dire le aziende che usano e useranno CPU basate sulle IP di ARM.
    si sa che Nvidia sta lavorando a una CPU a 64 bit ARM-based, e ARM stessa sta certamente lavorando a progetti a 64 bit. girano dei rumors che anche Apple stia sviluppando proprie CPU ARM     da montare su portatili e desktop. addirittura si era parlato di un possibile abbandono dell'architettura x86 da parte della stessa AMD.
    io credo (e non me ne dispiaccio) che x86 al di fuori delle incredibili capacità ingegneristico-produttive di Intel sia cotto...
    anche AMD deve competere battendo altre strade, o morirà. anche perché le schede grafiche discrete, che la tengono in piedi come eredità di ATI, non hanno un futuro roseo al di fuori delle esigenze "pro" e "gamer", visto che le GPU integrate danno prestazioni sempre migliori e già più che sufficienti per la massa degli utenti PC. visto che il concetto di APU l'ahano inventato loro, ci lavorino ma guardando oltre x86...
    non+autenticato
  • Capisci però che un'azienda non arriva in un campo dove non ha mai prodotto niente e tira fuori un super prodotto, ci vorranno anni di adattamento. Anche intel ha provato a fare una gpu discreta per rivaleggiare con nvidia/ati, ma non c'è riuscita e ha dovuto accantonare il progetto, e stiamo parlando di intel, un'azienda immensa, con capitali a non finire...


    Spero in ARM pure io, ma è molto probabile che puntino, almeno inizialmente, alla fascia bassa, ai consumi ridotti, ai pc da ufficio, non agli utenti enthusiast.
    non+autenticato
  • - Scritto da: max

    > si sa che Nvidia sta lavorando a una CPU a 64 bit
    > ARM-based, e ARM stessa sta certamente lavorando
    > a progetti a 64 bit. girano dei rumors che anche
    > Apple stia sviluppando proprie CPU ARM     da
    > montare su portatili e desktop. addirittura si
    > era parlato di un possibile abbandono
    > dell'architettura x86 da parte della stessa
    > AMD.


    Non hai ben chiaro come funziona lo sviluppo dei processori ARM:

    ARM rilascia un nuovo step della propria architettura, i licenziatari (Apple Nvidia etc) possono implementarla nei propi prodotti. A seconda della licenza possono semplicemente riprodurre su silicio l'architettura di ARM o sviluppare in proprio un implementazione totalmente compatibile.

    Al momento ARM non ha rilasciato nulla nonostante si dicesse già un anno fa che lo avrebbe fatto a breve.

    AMD ha venduto la sua "sezione" ARM con licenze annesse diverso tempo fa.


    L'unica cosa che possiamo onestamente sperare è che AMD abbia rilasciato una cpu il cui sviluppo è stato semi-abortito e che si stia totalmente concentrando sullo sviluppo di una APU con la next-gen gpu (non vliw) in cui cpu e GPu abbiano blocchi funzionali condivisi e non siano semplicemente 2 entità distinte sullo stesso die.
    .poz
    205
  • Iniziavo a pensare che non avrei potuto vivere senza.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)