Master in User Experience a La Sapienza

A gennaio partirÓ il nuovo corso di studi. Per mettere gli utenti reali al centro del ciclo di progettazione di servizi e prodotti ICT

Roma - Inizierà a gennaio 2012 il nuovo Master in User Experience, promosso dal Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione dell'Università La Sapienza di Roma.

Il Master si pone i seguenti obiettivi: "far acquisire conoscenze e metodi specializzati per l'analisi della User Experience applicate all'Information and Communication Technology (ICT); fare acquisire agli studenti la capacità di lavorare in team interdisciplinari per la realizzazione di progetti nell'ambito delle ICT; trasferire le competenze finalizzate allo sviluppo dell'esperienza dell'utente nell'utilizzo di un prodotto e di un servizio, alle dinamiche di mercato e alle soluzioni gestionali del prodotto/servizio".

Articolato in 9 diversi moduli, il Master "offrirà progetti concreti su cui far praticare agli studenti quanto impareranno, grazie alle adesioni di importanti aziende ed enti di settore. Fra le altre è stata avviata la collaborazione con Global Base - principale partner per l'Italia di Google Enterprise - grazie alla quale gli studenti utilizzeranno in modo sperimentale le Google Apps for business per verificarne l'usabilità".
La data di inizio prevista è fissata per il 16 gennaio 2012, il corso durerà 12 mesi e le lezioni si terranno il venerdì e il sabato, per un totale di 12 ore settimanali. ╚ richiesta la frequenza, per un minimo dell'80 per cento delle ore totali.

Il limite di ammessi è 24 studenti e le iscrizioni chiuderanno il 21 novembre 2011. Per partecipare è richiesta una laurea di secondo livello (preferibilmente appartenente a una delle classi presenti nel bando) o un titolo di studio equipollente e il superamento di una prova di ammissione, consistente in un colloquio sul curriculum e sulla motivazione dei candidati.
1 Commenti alla Notizia Master in User Experience a La Sapienza
Ordina
  • E' un vero piacere constatare che vi sia una iniziativa universitaria in area informatica che non venga infangata dalle luride zampacce del monopolista e dei suoi compagni di merende.

    L'universita' deve necessariamente, per evidenti ragioni di equidistanza e trasparenza, indirizzarsi verso sistemi aperti, formati aperti e codice aperto.

    Ben venga google, con l'augurio che questo sia il primo di una lunga serie di corsi analoghi in tutte le universita' tecniche d'Italia e d'Europa.