Mauro Vecchio

UE, denari per la banda larga

Pronta un'iniezione da 10 miliardi di euro. Entro il 2020, la metÓ della popolazione comunitaria dovrÓ essere raggiunta da velocitÓ a 100Mbps. Si spera di incentivare il settore privato, in particolare nelle aree rurali

UE, denari per la banda largaRoma - Una manovra da circa 10 miliardi di euro, annunciata dai vertici della Commissione Europea per favorire lo sviluppo delle infrastrutture legate alla banda larga e larghissima. In particolare in quelle aree rurali viste dagli operatori come meno redditizie, ovvero più bisognose di investimenti da parte delle autorità comunitarie.

Quale obiettivo per la Commissione d'Europa? Entro l'anno 2020, metà della popolazione europea dovrà godere delle velocità a 100Mbps. E sarà di 30Mbps il limite minimo per tutte le abitazioni nei vari stati membri. Il governo del Vecchio Continente inizierà a iniettare liquidità a partire dal 2014.

"L'Europa ha bisogno di queste reti ad alta velocità, affinché la sua economia diventi più competitiva nel futuro - ha spiegato un portavoce della Commissione - Per creare nuovi posti di lavoro e in generale favorire la prosperità".
Nelle speranze degli stessi commissari europei c'è il prossimo sviluppo di un singolo mercato dei servizi digitali, ovviamente favorito da successivi investimenti da parte degli operatori. Secondo le stime, il settore privato potrebbe sborsare dai 6 ai 15 euro per ogni euro offerto dalle autorità comunitarie entro il 2020.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàAgcom e la banda larga in serie BIl presidente Calabr˛ lancia l'allarme: meno del 50 per cento le abitazioni connesse in broadband. E il mobile rischia l'intasamento. La banda larga favorisce il mercato legale dei contenuti, con una nuova legge sul copyright. La relazione annuale dell'Authority
  • AttualitàUSA, una mappa per il broadbandInaugurato un servizio di mappatura legato all'attuale sviluppo della banda larga in terra statunitense. Il 5-10 per cento dei netizen a stelle e strisce non ha la possibilitÓ di accedere ai servizi di base del Web
  • AttualitàFCC e il broadband di campagnaAnnunciata una fase di ristrutturazione del piano nazionale di sovvenzionamento del servizio telefonico. Circa 8 miliardi di dollari dovranno essere spesi per lo sviluppo della banda larga nelle aree rurali degli Stati Uniti
17 Commenti alla Notizia UE, denari per la banda larga
Ordina
  • La situazione rimarrà la stessa di oggi. Faranno finta di darti una 100Mbps che in realtà andrà a 50Mbps o anche meno (solo nelle grandi città, scordatevi il resto), intanto avranno la scusa per aumentare ancora di più il prezzo del canone adducendo varie scuse come ad esempio "questo è prezzo del progresso" o magari si inventeranno qualche contributo solidale per "aiutare" quelli del copyright o gli "artisti" che fanno la fame, le opzioni sono infinite, la costante universale è che le loro tasche scoppieranno ancora di più.
    I soldi della UE verranno bruciati in tangenti e finiranno nelle tasche dei soliti noti. Questa è l'italia, non cambierà dall'oggi al domani e nemmeno nell'arco di qualche decennio.
    Il mio consiglio, a chi ha la fortuna di masticare lingue nordiche, è di trasferirsi in qualche paese del nord europa extra-ue.
    non+autenticato
  • Da come negli anni sono state sabotate iniziative di ammodernamento della rete e della banda larga, siamo realmente certi che l'establishment politico ed economico vuole ciò?

    Mi spiego meglio, in passato denari destinati alla banda larga sono stati dirottati al Digitale Terrestre per permettere al nano di Arcore e suo figlio di vendersi la pay-tv Mediaset Premium.

    Ora altri denari del tesoretto accumulato dalla vendita delle frequenze per la telefonia mobile vengono ancora tolti da qualsiasi progetto di ammodernamento della rete Internet.

    E tutto ciò con il beneplacito della EU che è comunque stata a guardare.

    C'è un bellissimo articolo di Paolo Barnard disponibile qui:
    http://www.paolobarnard.info/docs/ilpiugrandecrimi...

    che racchiude molti sospetti su questo programma che tenderebbe a trasformare il bacino mediterraneo in un serbatoio di manodopera sottopagata alla cinese, per gli industriali del "nord" Europa.

    In questo contesto ADSL e Banda Larga non vanno d'accordo con lo stato di sfascio, povertà e quindi sottomissione al lavoro sottopagato a cui sottoporre i cittadini di quest'area.

    E l'Italia, o meglio il sud dell'Italia non sfugge a questo destino.

    Quindi a che pro lamentarsi soltanto se ormai negli ambienti industriali e dell'alta finanza è già stato deciso che Internet fa male, perché fa raggiungere verità scomode, ed sarebbe una distrazione per la massa di popolazione che si sta creando ignorante e sottomessa (con lo sfascio dei sistemi scolastici ed universitari) per poterla presto sfruttare nella produzione industriale?
    iRoby
    7757
  • Questo articolo su "Il Fatto Quotidiano" di oggi:
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/18/la-band.../
    iRoby
    7757
  • in italia per banda larga intendono mettere insieme la banda di milano con quella di vercelli...manca solo il coro.
  • - Scritto da: iupiter
    > in italia per banda larga intendono mettere
    > insieme la banda di milano con quella di
    > vercelli...manca solo il
    > coro.

    Guarda qua che banda larga!
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    :D
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 18 ottobre 2011 13.50
    -----------------------------------------------------------
    Funz
    12979
  • - Scritto da: iupiter
    > in italia per banda larga intendono mettere
    > insieme la banda di milano con quella di
    > vercelli...manca solo il
    > coro.

    Questa era bella! Rotola dal ridere
    Ubunto
    1350
  • che verranno compiuti dai soliti noti.
    non+autenticato
  • Quindi secondo il garante delle telecomunicazioni italiano avremo una adsl dichiarata 30mega ma che funziona se va bene come una da 20 ma più probabile 10.

    A me da 10 va anche bene è pure troppo, è pagarla come una 30mega che NON mi va per niente bene.
    non+autenticato
  • Mi chiedo a cosa serve? ... vogliono bloccare il P2P (in parte è gia vero per qualche provider)... bannare dalla rete gli scariconi Pirata ... magari qualche provider bacchettone inibirà la visione dei pornazzi ... se devo pagare anche soli 5 euri per vedere in streaming un film, preferisco andare al cinema e spenderne 10, magari "quarcuna me ce casca" ... per gli usi dell'utente medio è sufficiente 1 Mbit costante. Un'idea, anzichè sparare ca**ate in alto, non sarebbe meglio avere un minimo di 1 o 2 Mbit garantito?
    non+autenticato
  • Un inciso: gli sfigati utenti con chiavetta internet Vodafone che hanno un limite mensile di 10Gb/mese a cosa serve una velocità simile ? ... per incappare nel node cap un mese si ed uno no? Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • > Un inciso: gli sfigati utenti con chiavetta
    > internet Vodafone che hanno un limite mensile di
    > 10Gb/mese a cosa serve una velocità simile ? ...
    > per incappare nel node cap un mese si ed uno no?

    sulla chiavetta per ora se arrivi a 2 mb/s ti va già bene in molti casi.
    E nulla ti vieta di pagare di più per estendere il cap.
    Poi magari capisci che un adsl conviene.
    non+autenticato
  • a me quello che non va bene e' che in francia a meno avrei la 100...ma la comunita' europea ci chiede di adeguarci solo quando paghiamo qualcosa di meno quando paghiamo di piu', sempre in quel posto.
  • - Scritto da: iupiter
    > a me quello che non va bene e' che in francia a
    > meno avrei la 100...ma la comunita' europea ci
    > chiede di adeguarci solo quando paghiamo qualcosa
    > di meno quando paghiamo di piu', sempre in quel
    > posto.

    A meno che non si tratti di tasse o multe.

    GT
  • Concordo: parlare di estendere il "massimo teorico" e non imporre almeno una Banda Minima Garantita fa solo ridere .

    Poi ti telefonano quelli di FastWeb o di Vodafone (capitato a me piuttosto spesso) e, quando gli chiedi "ma quanto mi date di BMG sui 7 mega che dichiarate?" ti rispondono "ma... 7 mega ovviamente ".
    E, quando gli fai presente che, per avere 7 Mbps di BMG la tua ADSL dovrebbe costare tipo mille euro ti dicono "impossibile"... tristezza.

    Ora... non dico obbligare ad un "patentino europeo" i venditori, che sappiano almeno cosa ti stanno vendendo, ma obbligare invece gli ISP, se vogliono farti offerte da 30-100 Mbps (quindi, presumibilmente, pappandosi lauti contributi europei) a ficcarci tipo 5-10 Mbps di BMG quello sì... se vogliono davvero far "progredire il digitale blablabla yaddayadda".
    880
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)