Alfonso Maruccia

ALAC, il sonoro aperto di Apple

Cupertino distribuisce un codec con licenza open source. E' la stessa tecnologia lossless impiegata nei suoi device e su iTunes

Roma - Apple ha recentemente distribuito ALAC (Apple Lossless Audio Codec), codec di compressione audio sin qui usato esclusivamente all'interno dell'ecosistema di prodotti di Cupertino (Mac, iCosi e iTunes). Il progetto permette l'utilizzo del codice sorgente a sviluppatori di terze parti.

ALAC è un codec "lossless", progettato dunque per comprimere i contenuti audio mantenendo inalterata la qualità anche per l'orecchio più fine. Il "pacco" distribuito sul sito web del progetto comprende il codice sorgente, un utility a riga di comando ("alacconvert") per la conversione tra file ALAC e CAF/WAV e documentazione su come usare il nuovo formato all'interno di file basati su formati standardizzati ISO come MP4 e M4A.

ALAC è distribuito sotto licenza open source Apache, che ne permette il libero utilizzo ma non obbliga (diversamente dalle licenze di "copyleft" pure come la GNU-GPL di Stallman e della FSF) gli sviluppatori e le società a ridistribuire il codice modificato.
Vista la natura del formato ALAC - una tecnologia di compressione audio ideata per l'impiego su iPhone, iPad, iPod, iTunes e Mac - è prevedibile la volontà della Mela di favorire la diffusione del codec all'interno di prodotti specificatamente pensati per lavorare con i dispositivi realizzati Cupertino.

Alfonso Maruccia
155 Commenti alla Notizia ALAC, il sonoro aperto di Apple
Ordina
  • Premetto che per lavoro sono sound engineer e utilizzo principalmente Mac.
    Vorrei esprimere innanzi tutto il mio disprezzo per tutti quei commenti che servono solo a a fare campanilismo becero e non hanno la minima utiltà. Che siate pro Mac, pro Win o pro Linux, se venite sui forum a vomitare i vostri odi o amori senza affrontare mai dialetticamente un argomento, sappiate di essere COMPLETAMENTE INUTILI AL MONDO. È triste ma è così.

    Venendo all'articolo, non penso che il mondo sentisse il bisogno di ALAC. Il .flac, il .wv e l'.ogg lossless direi che già sopperiscono appieno alle esigenze di chi ha bisogno di audio lossless. Quello che farebbe bene alla comunità sarebbe piuttosto garantire piena compatibilità tra i formati e i sw. Personalmente trovo iTunes un po' frustrante sotto vari aspetti, ma so che questo è soggettivo e ognuno di noi avrà un player che predilige. Che sia VLC, Foobar, Winamp, Windows Media Player, Songbird, etc etc. Trovo grave l'omessa compatibilità tra iTunes e i file flac e ogg, ma ne comprendo i motivi. Fa parte della politica Apple, che è un'azienda che fa soldi e non una Onlus, dunque che attui politiche volte a massimizzare i propri interessi è un suo diritto.
    Da professionista dell'audio piuttosto vorrei rimarcare il bisogno di aggiornare un po' la cultura dell'utente comune circa la qualità dell'audio. Perché siamo fermi alla risoluzione PCM lineare (Pulse Code Modulation) del CD audio, per intenderci i famosi 44,100 samples al secondo quantizzati a 16 bit, uno standard di circa 30 anni fa. Questo è tipicamente il massimo della qualità che ascoltiamo da CD, formati PCM come wav e aiff o lossless. Peccato che in ambito professionale si possa lavorare fino a 192,000 Hz (o 384,000? )e 32 bit. Il mondo del video digitale è alla continua ricerca delle risoluzioni più cristalline e ogni anno macina innovazioni (a volte inutili), mentre nell'audio a parte l'interesante SACD (codificato DSD) mai esploso ed il meno interessante DVD-Audio, siamo regrediti all'mp3.
    Per carità, anche io ascolto gli mp3/ogg/aac ogni giorno e non mi scandalizzo di certo, ma sarebbe ora di cestinare per sempre lo standard Red Book del CD Audio ed aprire definitivamente la porta almeno ai 32 bit.
  • Guarda, condivido l'intenzione di massima, ma non analizzi perché i formati lossy si sono imposti sui formati ad alta qualità: la portabilità. L'mp3 è cascato a fagiolo in concomitanza con Napster, ed il successivo avvento dei lettori portatili, che hanno definitivamente slegato la musica dal supporto fisico. Ai tempi di Napster era impensabile condividere in lossless causa lentezza della connessione internet.

    Ora le connessioni sarebbero sufficientemente veloci, e ci sarebbe abbondanza di codec audio migliori dell'mp3 in ogni senso, ma vi è un enorme ecosistema basato sull'mp3 che di fatto si auto-replica. Qualche azienda tipo Apple ha provato a muovere oltre, ma ha sostanzialmente fallito causa eccessiva chiusura dei propri formati, o con demenziali politiche di DRM. D'altro canto, formati aperti di qualità come ogg e flac sono poco supportati dall'industria. Ergo lo status quo non cambia, forse anche perché l'utente medio non ne vede la necessità.

    Puntare su un nuovo formato fisico tipo SACD o DVD-Audio al giorno d'oggi sarebbe un fallimento.
  • - Scritto da: r1348
    > Qualche azienda tipo Apple ha
    > provato a muovere oltre, ma ha sostanzialmente
    > fallito causa eccessiva chiusura dei propri
    > formati, o con demenziali politiche di DRM.

    Cos'è che avrebbe fallito Apple, dopo aver rivoluzionato il mondo della musica con oltre 300 milioni di iPod e 16 miliardi di brani venduti?

    > D'altro canto, formati aperti di qualità come ogg
    > e flac sono poco supportati dall'industria. Ergo
    > lo status quo non cambia, forse anche perché
    > l'utente medio non ne vede la
    > necessità.

    Nessuno ne vede l'utilità.

    > Puntare su un nuovo formato fisico tipo SACD o
    > DVD-Audio al giorno d'oggi sarebbe un
    > fallimento.

    Ovvio.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: r1348
    > > Qualche azienda tipo Apple ha
    > > provato a muovere oltre, ma ha
    > sostanzialmente
    > > fallito causa eccessiva chiusura dei propri
    > > formati, o con demenziali politiche di DRM.
    >
    > Cos'è che avrebbe fallito Apple, dopo aver
    > rivoluzionato il mondo della musica con oltre 300
    > milioni di iPod e 16 miliardi di brani
    > venduti?
    >
    > > D'altro canto, formati aperti di qualità
    > come
    > ogg
    > > e flac sono poco supportati dall'industria.
    > Ergo
    > > lo status quo non cambia, forse anche perché
    > > l'utente medio non ne vede la
    > > necessità.
    >
    > Nessuno ne vede l'utilità.
    >
    > > Puntare su un nuovo formato fisico tipo SACD
    > o
    > > DVD-Audio al giorno d'oggi sarebbe un
    > > fallimento.
    >
    > Ovvio.

    ennesima dimostrazione del fatto che non ha capito niente
    non+autenticato
  • usa le cuffiettine bianche... non può capire
    non+autenticato
  • > > D'altro canto, formati aperti di qualità
    > come
    > ogg
    > > e flac sono poco supportati dall'industria.
    > Ergo
    > > lo status quo non cambia, forse anche perché
    > > l'utente medio non ne vede la
    > > necessità.
    >
    > Nessuno ne vede l'utilità.
    >

    Le tue solite sciocchezze
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: r1348
    > > Qualche azienda tipo Apple ha
    > > provato a muovere oltre, ma ha
    > sostanzialmente
    > > fallito causa eccessiva chiusura dei propri
    > > formati, o con demenziali politiche di DRM.
    >
    > Cos'è che avrebbe fallito Apple, dopo aver
    > rivoluzionato il mondo della musica con oltre 300
    > milioni di iPod e 16 miliardi di brani
    > venduti?

    Ha fallito nell'imporre i propri formati al di fuori del proprio ecosistema, che nonostante il successo dell'iPod, rappresenta tutt'ora una minoranza.

    > > D'altro canto, formati aperti di qualità
    > come
    > ogg
    > > e flac sono poco supportati dall'industria.
    > Ergo
    > > lo status quo non cambia, forse anche perché
    > > l'utente medio non ne vede la
    > > necessità.
    >
    > Nessuno ne vede l'utilità.

    FLAC è il formato lossless più diffuso, il problema è che i formati lossless sono generalmente poco diffusi.
    La questione mp3 è emblematica, difatti è un formato patentato (come aac) e di qualità inferiore sia ad aac che ad ogg, eppure nessuno riesce a scollarsene. Ogg può essere implementato senza costi accessori, considerando che esiste anche libtremor per i dispositivi embedded, eppure non viene fatto, o se viene fatto non è pubblicizzato. E' un anno che cerco un'autoradio che riproduca ogg e possiblmente FLAC, invano.
  • - Scritto da: r1348
    > - Scritto da: ruppolo
    > > - Scritto da: r1348
    > > > Qualche azienda tipo Apple ha
    > > > provato a muovere oltre, ma ha
    > > sostanzialmente
    > > > fallito causa eccessiva chiusura dei
    > propri
    > > > formati, o con demenziali politiche di
    > DRM.
    > >
    > > Cos'è che avrebbe fallito Apple, dopo aver
    > > rivoluzionato il mondo della musica con
    > oltre
    > 300
    > > milioni di iPod e 16 miliardi di brani
    > > venduti?
    >
    > Ha fallito nell'imporre i propri formati al di
    > fuori del proprio ecosistema,

    Intanto fuori dall'eco sistema Apple c'è il vuoto pneumatico, quindi di ciò che accade fuori, chi se ne frega.
    Secondo, il formato "imposto" è il formato STANDARD AAC, a differenza del formato PROPRIETARIO "AL DI FUORI DEL PROPRIO ECOSISTEMA".

    > che nonostante il
    > successo dell'iPod, rappresenta tutt'ora una
    > minoranza.

    Rappresenta la MAGGIORANZA ASSOLUTA (se sai cos'è) a livello mondiale, da qualunque lato lo guardi: fatturato, utile, utilizzo, eccetera.

    > > > D'altro canto, formati aperti di qualità
    > > come
    > > ogg
    > > > e flac sono poco supportati
    > dall'industria.
    > > Ergo
    > > > lo status quo non cambia, forse anche
    > perché
    > > > l'utente medio non ne vede la
    > > > necessità.
    > >
    > > Nessuno ne vede l'utilità.
    >
    > FLAC è il formato lossless più diffuso, il
    > problema è che i formati lossless sono
    > generalmente poco
    > diffusi.

    E allora hai parlato di aria fritta.

    > La questione mp3 è emblematica, difatti è un
    > formato patentato (come aac)

    No, MP3 è un formato proprietario, AAC è un formato standard.

    > e di qualità
    > inferiore sia ad aac che ad ogg, eppure nessuno
    > riesce a scollarsene.

    Di fatto non conta più nulla, visto che iPod ha il 70% del mercato mondiale.

    > Ogg può essere implementato
    > senza costi accessori, considerando che esiste
    > anche libtremor per i dispositivi embedded,
    > eppure non viene fatto, o se viene fatto non è
    > pubblicizzato. E' un anno che cerco un'autoradio
    > che riproduca ogg e possiblmente FLAC,
    > invano.

    Prova invece a cercarne una con il collegamento per iPod...
    ruppolo
    33147
  • > Rappresenta la MAGGIORANZA ASSOLUTA (se sai
    > cos'è) a livello mondiale, da qualunque lato lo
    > guardi: fatturato, utile, utilizzo,
    > eccetera.
    >
    Questa è un po una leggenda, mi spiego: se conti solo i players portatili è vero ipod ha la maggioranza, ma se conti tutti i dispositivi atti a riprodurre musica non lo è più. Ci sono le autoradio con gli mp3 sia su cd che su usb (e nessuna apple). Ci sono gli stereo compatti da casa, i player con HDD e/o cv/dvd/usb multimediali, le televisioni con integrato il lettore USB, insomma c'è una varietà molto più ampia di quello che pensi. Non conta l'uso come dici sempre? E allora il formato con il maggior uso al mondo è l'MP3, AAC lo conoscono in pochi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnammolo
    > > Rappresenta la MAGGIORANZA ASSOLUTA (se sai
    > > cos'è) a livello mondiale, da qualunque lato
    > lo
    > > guardi: fatturato, utile, utilizzo,
    > > eccetera.
    > >
    > Questa è un po una leggenda, mi spiego: se conti
    > solo i players portatili è vero ipod ha la
    > maggioranza, ma se conti tutti i dispositivi atti
    > a riprodurre musica non lo è più.

    Ma stai vaneggiando? Dovremmo conteggiare radio, amplificatori e megafoni?

    > Ci sono le
    > autoradio con gli mp3 sia su cd che su usb (e
    > nessuna apple).

    No, non esiste in commercio nessun cd e usb con audio mp3. Nemmeno 1.

    > Ci sono gli stereo compatti da
    > casa, i player con HDD e/o cv/dvd/usb
    > multimediali, le televisioni con integrato il
    > lettore USB, insomma c'è una varietà molto più
    > ampia di quello che pensi.

    Ah, grazie, in 50 anni non mi ero accorto che ci fossero tutti questi apparecchi audio...

    > Non conta l'uso come
    > dici sempre? E allora il formato con il maggior
    > uso al mondo è l'MP3, AAC lo conoscono in
    > pochi.

    Lo conoscono in pochi perché non è necessario conoscere il formato della musica per acquistare 16 miliardi di brani e ascoltarli sull'iPod, il player PORTATILE più diffuso al mondo.

    Vorrei comunque portare a tua conoscenza che gli altri formati audio più utilizzati al pianeta, ovvero quelli che ascolti via radio, TV e satellite, non sono mp3.
    ruppolo
    33147
  • Un mucchio di sciocchezze un'altra volta E' veramente complicato scriverne tante in un solo post ma tu ci riesci ogni volta.

    - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: gnammolo
    > > > Rappresenta la MAGGIORANZA ASSOLUTA (se
    > sai
    > > > cos'è) a livello mondiale, da qualunque
    > lato
    > > lo
    > > > guardi: fatturato, utile, utilizzo,
    > > > eccetera.
    > > >
    > > Questa è un po una leggenda, mi spiego: se
    > conti
    > > solo i players portatili è vero ipod ha la
    > > maggioranza, ma se conti tutti i dispositivi
    > atti
    > > a riprodurre musica non lo è più.
    >
    > Ma stai vaneggiando? Dovremmo conteggiare radio,
    > amplificatori e
    > megafoni?

    Ma come dici tu l'importante non è l'utilizzo? Non si utilizza principalmente l'mp3? CHi ha l'ipod pensi non ci metta dentro montagne di mp3? E un'autoradio non utilizza i files musicali tanto quanto un lettore portatile come l'ipod? CHe differenza ci sarebbe? La mela? Suvvia...


    >
    > > Ci sono le
    > > autoradio con gli mp3 sia su cd che su usb (e
    > > nessuna apple).
    >
    > No, non esiste in commercio nessun cd e usb con
    > audio mp3. Nemmeno
    > 1.

    http://www.doxaliber.it/il-nuovo-album-dei-white-s...
    http://www.rockol.it/news-107208/Tour-europeo-dei-...
    http://www.rockol.it/news-249299/Carl-Cox,-il-nuov...
    e via di questo passo.... (NB. la trovo una stronz..ta comprarsi uno di questi prodotti ma era solo per evidenziare quante stupidaggini scrivi)


    >
    > > Ci sono gli stereo compatti da
    > > casa, i player con HDD e/o cv/dvd/usb
    > > multimediali, le televisioni con integrato il
    > > lettore USB, insomma c'è una varietà molto
    > più
    > > ampia di quello che pensi.
    >
    > Ah, grazie, in 50 anni non mi ero accorto che ci
    > fossero tutti questi apparecchi
    > audio...

    Prego (e non mi stupisce...)

    >
    > > Non conta l'uso come
    > > dici sempre? E allora il formato con il
    > maggior
    > > uso al mondo è l'MP3, AAC lo conoscono in
    > > pochi.
    >
    > Lo conoscono in pochi perché non è necessario
    > conoscere il formato della musica per acquistare
    > 16 miliardi di brani e ascoltarli sull'iPod, il
    > player PORTATILE più diffuso al
    > mondo.

    16 miliardi brani AAC contro quanti mp3? trilioni di copie?

    >
    > Vorrei comunque portare a tua conoscenza che gli
    > altri formati audio più utilizzati al pianeta,
    > ovvero quelli che ascolti via radio, TV e
    > satellite, non sono
    > mp3.

    Sentiamo quali sarebbero questi standard utilizzati per lo streaming? sono curioso...
    non+autenticato
  • quali sono le differenze?
    un codec lossless non è che lo puoi fare in 1000 modi realmente differenti..
    non+autenticato
  • La differenza rispetto gli altri è che lo puoi usare in tutti gli iPod, dal più vecchio al più nuovo, oltre che iPhone e iPad.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > La differenza rispetto gli altri è che lo puoi
    > usare in tutti gli iPod, dal più vecchio al più
    > nuovo, oltre che iPhone e
    > iPad.

    esatto, solo sui prodotti apple ed in nessun altro, quindi non serve proprio a niente rilasciarlo se non tentare di richiamare qualche sviluppatore che lo implementi in qualcosa, come ogni cosa apple è inutile al resto del mondo
    non+autenticato
  • Invece di essere contento che permettano a chiunque di supportarlo, ci sputi sopra ?

    Meglio un formato lossless in più che uno in meno (Si, non esiste solo il FLAC)
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Invece di essere contento che permettano a
    > chiunque di supportarlo, ci sputi sopra
    > ?
    >
    > Meglio un formato lossless in più che uno in meno
    > (Si, non esiste solo il
    > FLAC)

    visto che esiste solamente nel mondo apple e visto che lavora solamente con programmi del mondo apple, che tra una decina di formati lossless non è certo il migliore, che dal 2004 da che è stato presentato ha migliorato davvero poco, che viene usato per airport altro software solo per roba apple quindi utile solo per airtunes e quicktime, insieme ad itunes tra i programmi peggiori che esistano sulla faccia della terra, quindi, visto che potrebbero essere usati per il mondo apple che con l'open source c'entra come un applefan all'informatica mi spieghi per quale motivo dovrebbero essere supportati visto che attualmente ci sta di estremamente meglio come codec lossless e per tutte le piattaforme?
    non+autenticato
  • un pò di punteggiatura in più e condivido anch'io!
    non+autenticato
  • - Scritto da: mmmm
    > un pò di punteggiatura in più e condivido anch'io!

    È talmente ignorante che non sa nemmeno scrivere. Sarebbe scusato solo se stesse frequentando le scuole elementari.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: mmmm
    > > un pò di punteggiatura in più e condivido
    > anch'io!
    >
    > È talmente ignorante che non sa nemmeno
    > scrivere. Sarebbe scusato solo se stesse
    > frequentando le scuole
    > elementari.

    Potrebbe benissimo frequentare le elementari, visto che nel 2011 ci sono tanti bambini di quell'età che sanno usare un pc (almeno quanto basta per scrivere commenti).
    Poi comunque mi sembra abbastanza ovvio che Ego abbia scritto il post in quella forma ed in quello stile _apposta_ ed il commento di mmmm credo fosse ironico, sulla stessa motivazione di Ego, ma te subito a dar contro senza neanche pensare che magari sei tu a non aver inteso il senso del discorso...
    non+autenticato
  • - Scritto da: mmmm
    > un pò di punteggiatura in più e condivido anch'io!

    La punteggiatura è sempre stata un pò sopravvalutata. Sarebbe anche ora di andare avanti!A bocca aperta
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > un pò di punteggiatura in più e condivido
    > anch'io!
    >
    > La punteggiatura è sempre stata un pò
    > sopravvalutata. Sarebbe anche ora di andare
    > avanti!

    Vale anche per l'ortografia?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario Stello Germoglio
    > - Scritto da: Mela avvelenata
    > > un pò di punteggiatura in più e condivido
    > > anch'io!
    > >
    > > La punteggiatura è sempre stata un pò
    > > sopravvalutata. Sarebbe anche ora di andare
    > > avanti!
    >
    > Vale anche per l'ortografia?

    Anke qeulla!
  • Mi sfugge qualcosa, da quel che so io, Apple aveva si fatto un codec lossless come quello citato nell'articolo, però non mi risulta l'abbia mai usato nel suo store, anzi ha preferito gli aac, che sono lossy.
    Sgabbio
    26178
  • Non è che la compressione audio si usi solo per vendere canzoncine. Il codice loseless è usato per i materiali di Logic, GarageBand, SoundTrack ecc.
    non+autenticato
  • ah ecco, hai ragione, questa cosa non l'avevo considerata.
    Però solitamente qui quando parlano di "ecosistema apple" considerano la trinita iMac(ed altri computer apple) icosini (ipod, ipod touch, iphone ecc ecc) e iTunes e affini.

    Comunque facendo un paio di congetture, credo che il rilascio open di questo codec non sia un caso! Mesi fa la apple aveva espresso la volontà di vendere brani lossless o addirittura qualitvamente superiori ai CD, pari ad uno studio di registrazione.

    Che questo sia il primo passo ?
    Sgabbio
    26178
  • Certo....e le marmotte incartavano la cioccolata.


    Mi fai vedere come compilare i sorgenti di quei fantastici software?

    Come? Davvero? Basta solo usare Xcode? Caspita! Non ci avevo pensato!!!
    E si! Apple e buona e santa!! AngiolettoAngiolettoAngiolettoAngiolettoAngioletto


    Ma....un momento...XCode è solo disponibile per Mac!   Arrabbiato

    Bell'esempio di Open Source. Facevi prima a non postare nulla. A bocca storta
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin

    > Come? Davvero? Basta solo usare Xcode? Caspita!
    > Non ci avevo
    > pensato!!!

    Il progetto per XCode non è realmente un problema. Se vuoi il progetto te lo compili come vuoi. Al liminte sarebbe un problema la dipendenza da librerie di OS X. Ma lo stesso discorso vale per tutto il software che dipende da windows (linux o quello che vuoi).
    FDG
    10910
  • - Scritto da: FDG
    > Il progetto per XCode non è realmente un
    > problema. Se vuoi il progetto te lo compili come
    > vuoi.
    Non proprio. Non basta scriversi un Makefile nuovo.
    XNU dipende da xcrun.
    Cosa veramente assurda, visto che XCode in realtà non serve a niente (nel caso della compilazione dei sorgenti).

    > Al liminte sarebbe un problema la
    > dipendenza da librerie di OS X.
    Non ci sono dipendenze specifiche che mi impediscano di compilare i sorgenti. C'è solo XCode che è obbligatoriamente richiesto. Occhiolino

    > Ma lo stesso
    > discorso vale per tutto il software che dipende
    > da windows (linux o quello che
    > vuoi).
    Beh aspetta: un conto è un software come Notepad++ che dipende dalle API di Windows, un conto è un kernel che dipende da un IDE.
    È un pò diverso. Sorride
    Darwin
    5126
  • utilissimo rilasciarlo open source visto che viene usato solo nel mondo apple, senza dubbio apporta alla comunità open source un pezzo di gran valore
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ego
    > utilissimo rilasciarlo open source visto che
    > viene usato solo nel mondo apple

    Magari adesso verrà usato anche al di fuori. È sempre una buona notizia quando un nuovo pezzo di codice diventa open.
    non+autenticato
  • > Magari adesso verrà usato anche al di fuori.
    > È sempre una buona notizia quando un nuovo
    > pezzo di codice diventa
    > open.

    MAH !

    Bisogna vedere la questione brevetti.

    Magari l'hanno fatto solo per permettere agli apparecchi audio non Apple di diventare compatibili con i loro apparecchi.

    Ricordo che l'unica volta che ho visto un apparecchio APPLE interfacciarsi fisicamente con qualcosa non certificato Apple è stato quando hanno sviluppato su Linux un driver per collegare l'iPOD ad Amarok, tempo tre mesi e i nuovi iPOD appena COLLEGATI ad una macchina Linux si autoformattavano ...

    Bah !
    non+autenticato
  • quando ipod esordi anche per windows, non usava itunes per sincronizzarsi.
    Sgabbio
    26178
  • molto difficile visto che il flac è ben testato e supportato
    non+autenticato
  • però, nonostante sia molto più compresso, flac è lento... almeno, su mac. ho un buco di 10 secondi quasi quando cerco di aprire un file da 20 minuti (ambient), in flac, con itunes+fluke.... preferisco di gran lunga in aiff, anche perché mi salva i tag, oltre al fatto che se faccio "drag&drop" me li salva in quel formato
    non+autenticato
  • Dev'esserci qualcosa di sbagliato nel tuo sistema, io ascolto file FLAC senza problemi in gapless e con replaygain sul mio Sansa Fuze con Rockbox.
  • Anch'io su sistema Mac uso Flac e va tutto alla perfezione, nessun ritardo nemmeno tramite Quicklook...
    non+autenticato
  • itunes non legge nativamente i flac hai bisogno di un plugin come
    Fluke che logicamente per lion non funziona bene visto che lo deve far funzionare a 32 bit e naturalmente puo andare solo sui 16bit/44.1KHz e quindi hai un rallentamento della traccia, itunes continua ad essere uno dei programmi peggiori della storia dell'informatica
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ego
    > itunes non legge nativamente i flac hai bisogno
    > di un plugin come
    >
    > Fluke che logicamente per lion non funziona bene
    > visto che lo deve far funzionare a 32 bit e
    > naturalmente puo andare solo sui 16bit/44.1KHz e
    > quindi hai un rallentamento della traccia, itunes
    > continua ad essere uno dei programmi peggiori
    > della storia
    > dell'informatica

    Cioè scusa, un plugin che gira a 32 bit su un OS a 64 bit non gira bene e la colpa è di iTunes? Se il plugin non è scritto con i piedi "DEVE" funzionare e funzionare BENE...

    Mi dispiace per voi ma iTunes ha fatto la fortuna di Apple (tramite iPod) per la sua praticità e praticità d'uso. Se poi a queste ci aggiungi un minimo di cervello gestisci musica e film e fai fare ad iTunes cose che gli altri software non fanno. E per quanto questa realtà risulti sgradita a voi troll apple-hater rimane pur sempre una verità imprescindibile...

    Buona rosicata....

    Fan AppleFan Linux
  • - Scritto da: FinalCut
    > - Scritto da: Ego
    > > itunes non legge nativamente i flac hai
    > bisogno
    > > di un plugin come
    > >
    > > Fluke che logicamente per lion non funziona
    > bene
    > > visto che lo deve far funzionare a 32 bit e
    > > naturalmente puo andare solo sui
    > 16bit/44.1KHz
    > e
    > > quindi hai un rallentamento della traccia,
    > itunes
    > > continua ad essere uno dei programmi peggiori
    > > della storia
    > > dell'informatica
    >
    > Cioè scusa, un plugin che gira a 32 bit su un OS
    > a 64 bit non gira bene e la colpa è di iTunes? Se
    > il plugin non è scritto con i piedi "DEVE"
    > funzionare e funzionare
    > BENE...
    >
    > Mi dispiace per voi ma iTunes ha fatto la fortuna
    > di Apple (tramite iPod) per la sua praticità e
    > praticità d'uso. Se poi a queste ci aggiungi un
    > minimo di cervello gestisci musica e film e fai
    > fare ad iTunes cose che gli altri software non
    > fanno. E per quanto questa realtà risulti
    > sgradita a voi troll apple-hater rimane pur
    > sempre una verità
    > imprescindibile...
    >
    > Buona rosicata....
    >
    > Fan Apple

    beh, a dire il vero sia per gestire che per ascoltare ci sta di estremamente meglio di itunes, se itunes ha fatto la fortuna di apple pensa tu chme stavate messi a software, se poi dici che quell'accrocchio che tutti odiano tranne gli applefan è semplice e comodo allora significa che tu e l'informatica siete su galassie diverse, se poi credi come mai la colpa viene data ad un programma che non riesce a gestire in maniera nativa i flac e col plugin su lion (altra porcheria di apple) chiediti come mai non accetta file flac cosi cominci a renderti conto di come ti infila la trave la cara ed amata apple
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)