Mauro Vecchio

Cina, censura o rivoluzione?

I grandi protagonisti del web asiatico pronti a combattere i contenuti dannosi per il popolo. Accordi in corso con il governo di Pechino. Mentre il leader di Wikipedia Jimbo Wales prevede una nuova primavera in salsa cantonese

Roma - Al tavolo delle trattative hanno preso posto i principali protagonisti del web cinese, dal gigante del search Baidu al colosso dell'e-commerce Alibaba Group. Una tre giorni di intense discussioni su quello che sarà il futuro della più vasta comunità di netizen sul pianeta connesso.

Le grandi piattaforme digitali asiatiche hanno così ricevuto il caloroso benvenuto da parte delle autorità di Pechino, accolti dai responsabili governativi per la propaganda e i mezzi d'informazione. A preoccupare sono ovviamente i nuovi ambienti di Internet, dai social network a blog e motori di ricerca.

I protagonisti del web cinese hanno così trovato accordi per combattere la proliferazione online di contenuti dannosi per i 500 milioni di utenti in terra asiatica. Pornografia, frodi elettroniche, persino indiscrezioni pericolose. Per ripulire la Rete da contenuti che potrebbero attentare alla salute del popolo.
Le stesse autorità di Pechino avevano annunciato una nuova stretta sulle principali piattaforme social, con controlli governativi intensificati anche sui sistemi di messaggistica istantanea. Nelle parole di un portavoce del ministero degli Esteri, una gestione legale della Rete per tutelare la serenità del popolo.

Questa stessa serenità è stata però messa in dubbio dal leader di Wikipedia Jimmy Jimbo Wales, recentemente intervenuto via radio in terra britannica. La comunità asiatica dei netizen - blogger, wikipediani, utenti di Twitter - starebbe preparando un'autentica primavera cinese, sulla scia di quanto fatto nei paesi arabi.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàIn Cina c'è stata la moria dei siti webCirca 1,3 milioni di spazi online spazzati via dai meandri della Rete cinese. Cresce invece il numero complessivo delle pagine web. Per Pechino è la dimostrazione di contenuti forti, e soprattutto sotto controllo
  • AttualitàCina: Google la pagherà caraAttacco frontale a BigG in un editoriale apparso tra le pagine di un quotidiano ufficiale. L'azienda di Mountain View agirebbe come un soggetto politico per gettare fango sul governo di Pechino. Alta tensione dopo gli attacchi a Gmail
  • AttualitàCina, nuova stretta al web?Alle autorità di Pechino non è piaciuto il recente discorso del Segretario di Stato Hillary Clinton. Gli Stati Uniti vorrebbero interferire nella politica estera cinese. Intanto si pensa a nuovi blocchi per la Rete
1 Commenti alla Notizia Cina, censura o rivoluzione?
Ordina