Claudio Tamburrino

Facebook, sbloccato il caso Rushdie

Lo scrittore Salman Rushdie era stato tacciato come impostore perché il suo primo nome sui documenti è Ahmed. Crisi Facebook risolta via Twitter

Roma - Lo scrittore britannico Salman Rushdie potrà riempire Facebook di post autoriali: dopo essere stato per sbaglio bloccato, il social network gli ha riconosciuto il via libera.

Il problema ha avuto origine per la politica relativa ai nomi propri del social network: pur essendo famoso come Salman, questo è solo il suo secondo nome.
Così, registrandosi, gli amministratori di Facebook non lo hanno riconosciuto come nome reale e lo hanno bloccato come impostore.

Per riattivare il suo account l'autore che scala i vertici delle classifiche di vendita mondiali è stato costretto ad inviare una fotocopia del suo passaporto per provare la sua identità.
Tuttavia, il primo nome di Rushdie è Ahmed e con quel nome gli addetti alla sicurezza di Facebook gli avevano quindi sbloccato la pagina.
La situazione si era dunque rilevata sufficientemente stressante per l'autore da spingerlo a sfogarsi in maniera molto poco letteraria su Twitter: "Idioti, @MarkZuckerbergF? Stai Ascoltando?".
Dopo lo sfogo, l'ironia: "Se F. Scott Fitzgerald fosse stato su #Facebook. l'avrebbero forse costretto ad essere Francis Fitzgerald? E F. Murray Abraham?".

Proprio Twitter, peraltro, poco meno di un mese prima, aveva verificato che il suo account ufficiale era @salmanrushdie1 e non @SalmanRushdie, utente costretto dunque a cedere l'utilizzo del nome: ora l'account con l'1 finale indirizza nella bio al sito "fakesalmanrushdire.com", mentre l'altro è diventato quello dello scrittore. Anche se, dal momento che nella bio fa riferimento a Braccio di Ferro, un minimo di confusione potrebbe restare.

Ora è proprio attraverso l'impiego di Twitter che l'autore è riuscito a far sbloccare la situazione. Ancora sul tecnofringuello è arrivata alla fine la soddisfazione per aver risolto la questione e aver ricevuto le scuse di Facebook: "Sono di nuovo Salman Rushdie. Mi sento così meglio. Una crisi di identità alla mia età non è affatto divertente. Grazie Twitter".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàJustin Bieber bandito da YouTubeLa star mondiale del pop cerca di caricare alcune sue cover sul Tubo, ma viene bloccato dal sistema di riconoscimento. Adirato per l'accaduto, decide di traslocare su Facebook. Google si smarca
  • AttualitàSe il copyright fasullo fa fuori Justin BieberRimossi da YouTube numerosi filmati della stella del teen-pop. Un misterioso account ha inviato una serie di richieste in base ai dettami del DMCA. Ma si tratta di notifiche fasulle, che sfruttano le pieghe della policy di Google
  • BusinessTwitter, problemi da VIPDenunciata per violazione di un brevetto. Quello che descrive la tecnologia per creare una comunità online intessuta con anche personaggi famosi
2 Commenti alla Notizia Facebook, sbloccato il caso Rushdie
Ordina