Claudio Tamburrino

Kindle anche in Italia

99 euro per il nuovo e-reader (versione base). Disponibile su Amazon insieme a ebook in italiano scontati anche in modo sostanziale. In tempo per i regali di Natale

Roma - Amazon esordisce in tempo per natale sul mercato italiano con il suo e-reader Kindle, modello base: ad un prezzo apparentemente superiore per il cambio, 99 euro contro i 109 dollari cui è offerto su amazon.com (ma in quel caso vanno sommate le tasse), può sfruttare la concorrenza molto inferiore che gli e-reader hanno nel nostro paese e cercare così di far ingranare il mercato degli ebook anche in Italia.

D'altronde, l'esordio di Amazon con Kindle e con ebook in italiano è di quelli importanti: più di 16mila titoli ci sarebbergo già disponibili sulla piattaforma tra cui, dice Amazon, 64 dei primi 100 titoli della classifica dei libri più venduti in Italia.

Tra i volumi messi in vendita in formato elettronico dal negozio digitale, d'altronde, vi sono titoli di Rizzoli, Mondadori (insieme a Einaudi, Sperling&Kupfer) e gli altri grandi editori, ma anche case editrici minori come 40k. Sono molti, dice d'altronde Amazon, gli editori che si sono resi disponibili per portare i loro contenuti sullo store: molti di più, almeno, di quelli che vi erano appena un anno fa all'esordio della versione italiana del negozio digitale.
La cosa interessante e che ha permesso ad Amazon di esordire con prezzi competitivi è che gli editori hanno sottoscritto due tipi di accordi: alcuni hanno voluto mantenere il controllo sul prezzo con la licenza detta agency model, altri hanno accettato licenze che consentono ad Amazon libertà di scelta del prezzo, che nel nostro paese deve tuttavia rispettare i recenti limiti sugli sconti introdotti dalla normativa italiana.

Tra essi vi sono così nuove uscite a prezzi visibilmente inferiori rispetto alle edizioni cartacee, come gli ultimi di Licia Troisi e di Sophie Kinsella a 6,99 euro, la biografia di Ibraimovich a 8 euro o La macchia umana di un mostro della letteratura come Philip Roth a 4 euro.

Amazon, inoltre, propone offerte che cambieranno ogni settimana, fino a Natale. E con Kindle arrivano in Italia anche servizi ad esso correlati come la sua piattaforma di self pubblishing

Qualche problema per gli utenti che hanno già un account Kindle USA: nel passaggio alla versione italiana non si perde nulla degli acquisti già effettuati, ma occorre necessariamente "tasferirsi" per acquisire i titolo dello store italiano. In ogni caso è possibile acquistare numerosi volumi in lingua inglese anche a partire dal Belpaese, oppure traslocare periodicamente al di qua e al di là dell'oceano alla bisogna.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
188 Commenti alla Notizia Kindle anche in Italia
Ordina
  • Peccato che mi son già preso un tablet, e leggo su quello...Vabbè ho un amico che forse sarà contento!
    Piuttosto incoraggianti i prezzi dei libri in formato elettronico, a parte quello di Ibraimovich (8 euro? ma va a dare calci al pallone, va!)

    Adesso aspetto l'apertura ufficiale dell'mp3 e dell'app store anche in Italia!
  • > Piuttosto incoraggianti i prezzi dei libri in
    > formato elettronico, a parte quello di
    > Ibraimovich (8 euro? ma va a dare calci al
    > pallone,
    > va!)
    Può non piacere Ibra e/o il calcio, comunque 8 euro è circa un terzo del valore del cartaceo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fesion
    > > Piuttosto incoraggianti i prezzi dei libri in
    > > formato elettronico, a parte quello di
    > > Ibraimovich (8 euro? ma va a dare calci al
    > > pallone,
    > > va!)
    > Può non piacere Ibra e/o il calcio, comunque 8
    > euro è circa un terzo del valore del
    > cartaceo...

    Non confondere il prezzo col valore.
    Quel libro li' ha un prezzo ben definito sul cartaceo, ma il valore del contenuto e' zero.
  • - Scritto da: Fesion
    > > Piuttosto incoraggianti i prezzi dei libri in
    > > formato elettronico, a parte quello di
    > > Ibraimovich (8 euro? ma va a dare calci al
    > > pallone,
    > > va!)
    > Può non piacere Ibra e/o il calcio, comunque 8
    > euro è circa un terzo del valore del
    > cartaceo...

    un terzo del prezzo cartaceo.. ma almeno 10 volte il valore (cartaceo e non)
    non+autenticato
  • c'è gente che compra i libri di ibra, paolo fox e il mago othelma.. che ci volete fare? ognuno spenda come gli pare, basta che non vendano solo quello
    non+autenticato
  • - Scritto da: gullio
    > c'è gente che compra i libri di ibra, paolo fox e
    > il mago othelma.. che ci volete fare? ognuno
    > spenda come gli pare, basta che non vendano solo
    > quello

    Io resto dell'idea che certi libri, se li vendessero in rotoli doppio velo invece che in pagine rilegate, sarebbero molto piu' pratici.
  • - Scritto da: Fesion
    > > Piuttosto incoraggianti i prezzi dei libri in
    > > formato elettronico, a parte quello di
    > > Ibraimovich (8 euro? ma va a dare calci al
    > > pallone,
    > > va!)
    > Può non piacere Ibra e/o il calcio, comunque 8
    > euro è circa un terzo del valore del
    > cartaceo...

    Il valore di quel libro è 50 cents...e mi sono tenuto abbondante!Occhiolino
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > Peccato che mi son già preso un tablet, e leggo
    > su quello...

    Peccato che un tablet non sia neanche lontanamente paragonabile a Kindle... leggere su un tablet fa pena.
    non+autenticato
  • Trasferire la residenza negli USA per poter avere i libri in lingua inglese e' una immensa idiozia.

    Poi si stupiscono perche' la gente si procura i files tramite canali che se ne fregano di dove uno e' residente.
  • Concordo che le restrizioni regionali nel 2011 non hanno più senso di esistere, soprattutto per la "merce digitale".

    Ma come pretendi di avere un mercato unificato mondiale, quando in certi paesi lo stipendio di un mese è uguale al prezzo di un tuo caffè?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Roby10
    > Concordo che le restrizioni regionali nel 2011
    > non hanno più senso di esistere, soprattutto per
    > la "merce
    > digitale".
    >
    > Ma come pretendi di avere un mercato unificato
    > mondiale, quando in certi paesi lo stipendio di
    > un mese è uguale al prezzo di un tuo
    > caffè?

    Io non pretendo proprio niente.
    Io sono in grado di farmi il caffe' da solo! Occhiolino
  • - Scritto da: Roby10
    > Concordo che le restrizioni regionali nel 2011
    > non hanno più senso di esistere, soprattutto per
    > la "merce
    > digitale".
    >
    > Ma come pretendi di avere un mercato unificato
    > mondiale, quando in certi paesi lo stipendio di
    > un mese è uguale al prezzo di un tuo
    > caffè?

    Non credo che gli freghi poi molto dello stipendio a questi qui.. Pensa ai generi tecnologici gli smartphone in primis, costano uguali in tutta europa ma il nostro stipendio è la metà di quello tedesco.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Roby10
    > Concordo che le restrizioni regionali nel 2011
    > non hanno più senso di esistere, soprattutto per
    > la "merce
    > digitale".
    >
    > Ma come pretendi di avere un mercato unificato
    > mondiale, quando in certi paesi lo stipendio di
    > un mese è uguale al prezzo di un tuo
    > caffè?
    Beh in India i libri tecnici costano più o meno un decimo dell'equivalente americano...
    non+autenticato
  • - Scritto da: malto
    > - Scritto da: Roby10
    > > Concordo che le restrizioni regionali nel
    > 2011
    > > non hanno più senso di esistere, soprattutto
    > per
    > > la "merce
    > > digitale".
    > >
    > > Ma come pretendi di avere un mercato
    > unificato
    > > mondiale, quando in certi paesi lo stipendio
    > di
    > > un mese è uguale al prezzo di un tuo
    > > caffè?
    > Beh in India i libri tecnici costano più o meno
    > un decimo dell'equivalente
    > americano...

    anche quelli di yoga Sorride (mi sono fatto la scorta) alla fine tutti i libri in India costano un decimo...

    ciao igor
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > Trasferire la residenza negli USA per poter avere
    > i libri in lingua inglese e' una immensa
    > idiozia.
    >
    > Poi si stupiscono perche' la gente si procura i
    > files tramite canali che se ne fregano di dove
    > uno e'
    > residente.

    Quotone. Il mercato è globale, ma solo quando sta bene a lor signori...Figuararsi che non è possibile acquistare nemmeno un mp3 su Play.com se non si possiede un carta di credito con indirizzo britannico!
  • almeno su play.com il cd costa ad un prezzo che ritengo decente, per cui piuttosto di un mp3 ti compri il cd e l'mp3 te lo fai te
    non+autenticato
  • - Scritto da: Jacopo Monegato
    > almeno su play.com il cd costa ad un prezzo che
    > ritengo decente, per cui piuttosto di un mp3 ti
    > compri il cd e l'mp3 te lo fai
    > te

    Vero, ma ho beccato l'unica release SOLO digitale di un artista che mi interessava, che ovviamente conoscono in pochi...alla fine l'ho preso su CdBaby, dove per fortuna non guardano alla provenienza dei soldi (però mi è costato un euro in più rispetto a quello che mi sarebbe costato su Play.com!), ed accettano Paypal!
  • ... io voglio acquistare un brano musicale, non mi viene venduto? ... ok se l'è cercata! Fine del discorso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123
    > ... io voglio acquistare un brano musicale, non
    > mi viene venduto? ... ok se l'è cercata! Fine del
    > discorso.

    Già, proprio fine, purtroppo...Triste
    Per chi non ci crede, guardi pure qua:
    http://www.play.com/Music/MP3-Download-Album/4-/22...
    "Music downloads can only be purchased by customers with a UK credit/debit card billing address."

    Stessa cosa su Amazon.com!
    Già che ci siete comprate pure questo EP su CdBaby, non è male!
    http://www.cdbaby.com/cd/TyTaborTripMagnet
  • finalmente un po' di tecnologia libraria anche in Italia
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Precedente | 1 | 2 | 3 |
(pagina 3/3 - 13 discussioni)