Domini, il caso giovanni.it

Un caso accaduto nelle scorse ore rappresenta un'occasione per capire quali sono i binari da seguire e cosa ci si può aspettare nella registrazione di un dominio .it

Web - Ha tentato di registrare il dominio giovanni.it ma non ci è riuscito per problemi formali. Intanto il dominio è stato assegnato ad un altro. Alla denuncia, che riportiamo di seguito, ha risposto la Registration Authority che consente così di comprendere meglio problemi e opportunità legati alla registrazione dei domini .it.

Questa la lettera di contestazione:
"Scrivo per denunciare una grave irregolarità nella assegnazione del nome a dominio: www.giovanni.it da me prenotato in data 12/01/2000 direttamente alla R.A.I. tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno. Contemporaneamente il dominio è stato richiesto per mio conto dal provider DADA ottemperando correttamente a tutte le procedure di rito.
Per qualche distrazione il dominio è scaduto (credo di aver capito per un errore di data nell'inserimento del database della registration authority che da me controllato evidenzia una data addirittura antecedente a quella reale di invio -da quì la scadenza-).
Avendo, spiacevolmente notato che il dominio rischia di essere registrato da altro provider per conto di altro utente, gradirei un Vostro sollecito intervento onde evitare spiacevoli procedure da parte della mia sacietà per accertare per vie legali le responsabilità di un palese non rispetto delle regole da Voi stesse stabilite in merito alla priorità cronologica delle prenotazioni dei nomi a dominio."

Questa la risposta della Registration Authority:
"la motivazione da lei riportata precedentemente non è corrispondente a quanto realmente accaduto. Per il dominio giovanni.it, richiesto attraverso il provider/maintainer DADA-MNT, risultano pervenute alla RA le seguenti lettere di AR:
in data 22 dicembre 1999 una prima lettera di AR,
in data 18 gennaio 2000 una seconda lettera di AR.
Nel mese di gennaio abbiamo poi ricevuto da DADA un modulo elettronico che non era congruente con la lettera di AR, la non congruità tra lettera di AR e modulo è stata segnalata da noi a DADA alla fine di gennaio. Non essendo intervenuto nessun fatto nuovo dalla nostra comunicazione a DADA in data 28 febbraio 2000 il dominio è "scaduto" ed è quindi tornato tra i nomi a dominio "liberi".
In data 29 febbraio 2000 è pervenuta la lettera di AR da parte di un altro provider/maintainer corredata nei giorni successivi di un modulo tecnico che risulta al momento in fase di registrazione.
Dai fatti sopra riportati ritengo si possa dedurre che non vi è stato da parte della RA nessuna violazione delle regole e procedure di naming per l'assegnazione del dominio giovanni.it."
TAG: domini