Chiuso sito di critica a Monte Paschi

Lo annuncia con sdegno l'Associazione degli utenti e dei consumatori. Il motivo ufficiale è la sigla MPS contenuta nel dominio del sito dei clienti delusi della banca. Ma i consumatori parlano di inaudita censura

Roma - Si chiama mpsclientidelusi.it il sito web che è finito sotto la scure delle autorità giudiziarie italiane perché il suo dominio contiene la sigla "MPS", riconducibile direttamente al Monte dei Paschi di Siena.

Stando alla ricostruzione della vicenda fornita dall'Associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori, ADUC, il Tribunale di Siena su ricorso dell'istituto senese ha ordinato la sospensione dei contenuti del sito che fino a ieri ospitava commenti negativi sul Monte dei Paschi (vedi la cache di Google) e che oggi invece risulta "in costruzione".

Nell'ordinanza del Tribunale si legge che "l'uso del segno mps o MPS, tanto più unito all'espressione clienti delusi, certamente ha il potere di captare l'attenzione di chi naviga in Internet (magari alla ricerca di uno dei numerosi siti della Banca ricorrente), sia esso un cliente della Banca Monte dei Paschi di Siena, sia esso un qualsivoglia consumatore, mentre lo stesso potere attrattivo certamente non deriverebbe dall'utilizzo di un sito privo di segni così distintivi".
Da quel che si legge nella cache di Google è peraltro ovvio che l'intento dei "clienti delusi" fosse appunto quello di informare altri utenti e clienti del Monte dei Paschi. Secondo l'ADUC siamo di fronte ad una censura che mette a rischio la libertà di critica in internet.

L'associazione, che ha già preannunciato di voler ripubblicare sul proprio sito al più presto i contenuti che si trovavano su mpsclientidelusi.it, considera la scelta del Tribunale "pericolosissima". "Perché - spiega una nota - tende a inibire qualunque scritto in Internet, se non di elogi e compiacimenti, cioè tende ad inibire la critica, il dissenso e le conseguenti azioni legali per rivalersi: i motori di ricerca non segnalano solo i nomi dei domini, ma tutte le parole che sono state registrate. Per cui è pacifico che possa essere segnalato anche uno scritto che parli male della banca MPS. A tutti questi scritti e rispettivi siti deve essere aggiudicata altrettanta sorte?"

Il 7 agosto ci sarà la prima udienza di quello che si annuncia come un caso importante per determinare i limiti della libertà di parola su Internet in Italia.
TAG: censura
108 Commenti alla Notizia Chiuso sito di critica a Monte Paschi
Ordina
  • Non vorrei essere nei panni del direttore marketing di MPS. Questo è un gravissiomo errore di comunicazione, tipico delle aziende che:
    1) hanno scarsa dimestichezza e attenzione ai rapporti coi clienti (tipico di tutte le banche)
    2) non conoscono gli effetti moltiplicatori di internet (tipico di MPS)

    Avevano due alternative migliori:
    a) ignorare il problema e cercare di affrontarlo in classica modalità bancaria (nega e paga)
    b) prenderlo di petto (ammesso di avere buoni argomenti) e impostare una offensiva informativa, onesta e trasparente, per contrastare l'effetto negativo del sito (sconosciuto persino alla maggioranza degli stessi clienti MPS)

    I polli invece hanno scelto la strategia c), ovvero l'arroganza, ma non si sono resi conto di cosa vuol dire veramente la "e" che tutte le banche ormai mettono nelle loro strategie ma in realtà non conoscono affatto.

    Non mi interessa entrare nel merito della questione e quindi non mi schiero pro o contro MPS, ma è del tutto evidente che uscirà comunque con le ossa rotte anche se dovesse vincere eventuali cause.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non vorrei essere nei panni del direttore
    > marketing di MPS. Questo è un gravissiomo
    > errore di comunicazione, tipico delle
    > aziende che:
    > 1) hanno scarsa dimestichezza e attenzione
    > ai rapporti coi clienti (tipico di tutte le
    > banche)
    > 2) non conoscono gli effetti moltiplicatori
    > di internet (tipico di MPS)
    >
    > Avevano due alternative migliori:
    > a) ignorare il problema e cercare di
    > affrontarlo in classica modalità bancaria
    > (nega e paga)
    > b) prenderlo di petto (ammesso di avere
    > buoni argomenti) e impostare una offensiva
    > informativa, onesta e trasparente, per
    > contrastare l'effetto negativo del sito
    > (sconosciuto persino alla maggioranza degli
    > stessi clienti MPS)
    >
    > I polli invece hanno scelto la strategia c),
    > ovvero l'arroganza, ma non si sono resi
    > conto di cosa vuol dire veramente la "e" che
    > tutte le banche ormai mettono nelle loro
    > strategie ma in realtà non conoscono
    > affatto.
    >
    > Non mi interessa entrare nel merito della
    > questione e quindi non mi schiero pro o
    > contro MPS, ma è del tutto evidente che
    > uscirà comunque con le ossa rotte anche se
    > dovesse vincere eventuali cause.

    Purtroppo non solo hai ragione il peggio consiste nel fatto che in genere queste storie vanno così

    1) a forza di errori e "sgrunate" come questo presi dal (dai) grandi managers l'azienda comincia a perdere mercato.
    2) l'azionista(i) comincia a spazientirsi e dice questa è lultima comincia a rimediare
    3) il grande (si fa per dire) manager comincia con spendere diversi miliardi in consulenza per organizzare la "ristrutturazione tecnologica e organizzativa delle aziende del gruppo" e ottimizzare le sinergie per trarre benefici maggiori dai "fattori di scala".
    4) mentre cominciano a partire i licenziamenti (a cominciare dalla chiusura dei call center e la eliminazione dei cococo) i consulenti (accenture artur andersen e simili ... facciamo pure nomi e cognomi di questa bella gente!) consumano un poco delle (riducende) "risorse".
    5) a metà operazione gli azionisti si sono rotti le .... e qualcuno (con l'idea di trarne un tornaconto) comincia a prendere accordi per una operazione di "scambio di valore" e fusione che metta a posto queste grane del "management".
    6) parte l'operazione fusione... il grande manager se ne va (con lauta liquidazione sennò non te ne liberi) a far danno alla "finanza e luminoso futuro" (una società che ha appena ottenuto finanziamenti e investimenti da investitori "istituzionali" del calibro di telecom italia)... ovviamente fra 12 o 18 mesi la "finanza e luminoso futuro" si rivelerà per una scatola vuota che è servita a spostare soldi e a catturare finanziamenti e srofonderà nella voragine creata.
    6bis ) l' operazione fusione prevede la riorganizzazione e la eliminazione della duplicazione dei servizi e delle funzioni del nuovo gruppo.
    L'operazione viene affidata al nuovo A.D e grande manager Pinco provetti Pallini (cognato dell'azionista che ha avuto l'idea della fusione).
    Il nostro Pinco comincia col fornirsi di consulenti (questa volta microsozz e ibm) oltre ai precedenti.. e lancia l'operazione "nuovo corso" e si ricomincia dal punto 1...........

    La vera costante (iun tutto questo) sono i nostri soldi invariabilmente nelle mani di questi INCAPACI.
    A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La vera costante (iun tutto questo) sono i
    > nostri soldi invariabilmente nelle mani di
    > questi INCAPACI.
    > A bocca aperta

    Xchè incapaci? Il loro tornaconto loro lo hanno... cosa gliene frega del nostro?

  • - Scritto da: Attila Xihar
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > La vera costante (iun tutto questo) sono i
    > > nostri soldi invariabilmente nelle mani di
    > > questi INCAPACI.
    > > A bocca aperta
    >
    > Xchè incapaci? Il loro tornaconto loro lo
    > hanno... cosa gliene frega del nostro?

    Vedi il punto è proprio questo "il manager" è pagato per fare gli interessi (i soldi non sono certo i suoi) di chi lo paga.
    Questo vale per chiunque (persino me che sono ...sorpresa! un consulente).. in parole povere ti pagano per fare i loro interessi se non lo sai fare sei incapace e incompetente! mi pare semplice!
    Il "nostro" tornaconto è invece cosa diversa noi "siamo mercato" e come tale (in teoria) ci dovremmo comportare... premiare (successo di mercato) le aziende che fanno il "nostro interesse" (cioè ci danno migliori prodotti/servizi) e punire ... invece i servizi e i prodotti di cattiva qualità.

    L'interesse del manager in teoria dovrebbe (successo dell'azienda) essere "consistente" con tale teoria.

    Per questo dico INCAPACI!

    O almeno questo direbbe la teoria "liberal" che lorsignori dicono di sostenere!
    non+autenticato
  • Concordo con te.
    Purtroppo in Italia esiste ancora un'imprenditoria pelosa che supportata da un management inetto si sbrodola continuamente di sacre parole come MERCATO, CONCORRENZA, COMPETITIVITA' e via così. Alla prova dei fatti però non esita a ricorrere alle solite pratiche fatte di colpi bassi e di furberie italiote.
    Da Italiano sto preoccupato: prima che ci svegliamo e diventiamo veramente un paese CAPITALISTA, nel senso compiuto e positivo del termine, la concorrenza mondiale ci avrà ridotti a brandelli...e noi qui a chiudere siti in nome del prestigio e dell'onorabilità di una banchetta che crede di essere rispettabile perchè nata nel 15° secolo senza rendersi conto che non vedrà la fine del 21°.
    non+autenticato
  • Di questo passo dove andrà a finire la
    libertà d'espressione sancita dalla Costituzione?

    Sul sito non mi sembra di ravvisare alcuna diffamazione
    o atto fine al danneggiamento dell'azienda più di quanto
    gli stessi dirigenti abbiano già fatto con le loro scelte commerciali!

    Sono veramente indignato!
  • come sapete la banca citata è nata dalla fusione tra il monte dei pegni e i paschi(ora non ricordo bene il nome esteso) ma cosa mai poteva nascere da una fusione di due grossi strozzini? Un cravattato ancora più grande!!!
    Ora il cravattaro ti chiede interessi spropositati, mps invece idem. Se non paghi il cravattaro te rompe le ossa un po' per volta, il monte dei paschi ti porta via tutto un po'ì per volta ma anche insieme. Se non sei d'accordo col cravattaro lui ti manda gli scagnozzi, il monte dei paschi fa la stessa cosa (solo che gli scagnozzi sono i giudici e i magistrati).
    Quindi a parte il fatto che non vedo differenze tra un cravattaro e il monte dei paschi, veh adesso sapete cosa aspettarsi
  • ripeto: il problema non e' il comportamento di MPS, che e' prevedibile.

    il problema sono le leggi e la magistratura italiana che consentono questo atto di censura.

    in italia siamo in una dittatura. e alle dittature da fastidio la liberta' di opinone che si esercita su internet, e quindi fa di tutto per controllarla.

    questo episodio lancia anche un segnale preventivo per scoraggiare altri cittadini ad esprimere liberamente le proprie opinioni.

    non+autenticato
  • -------------------
    in italia un pinco pallino armani ha preso il dominio armani.it? giorgio armani si infastidisce e la magistratura lo sottrae al pinco pallino e lo da al potente giorgio.

    in america un pornista ha preso il il dominio whitehouse.com e ne ha fatto un sito porno? la casa bianca si infastidisce. ma il sito whitehouse.com rimane un sito porno.
    -------------------
    in italia un pinco pallino si arrabbia con la grossa azienda e fa il sito contro? la grossa azienda si infastidisce e la magistratura chiude il sito.

    in america un pinco pallino si arrabbia con la grossa azienda e fa il sito contro? la grossa azienda si infastidisce. ma il sito rimane li.
    non+autenticato
  • Che senso ha prendersela con MPS? MPS prova a fare tutto quello che e' nel suo interesse, quindi prova a chiudere il sito che parla contro MPS.

    IL problema vero e' l'ordinamento e/o magistratura da paese dittatoriale che glielo consente

    Siamo entrati nella stessa categoria della Cina per quanto riguarda diritti civili.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Che senso ha prendersela con MPS? MPS prova
    > a fare tutto quello che e' nel suo
    > interesse, quindi prova a chiudere il sito
    > che parla contro MPS.
    >
    > IL problema vero e' l'ordinamento e/o
    > magistratura da paese dittatoriale che
    > glielo consente
    >
    > Siamo entrati nella stessa categoria della
    > Cina per quanto riguarda diritti civili.

    E' vero! Se parli male di *lusconi ti censurano, se parli male dei comunisti allora t'invitano come ospite d'onore in tutte le trasmissioni di Mediaset...

    E' vero! Se parli male di *tinotti ti censurano, se parli male dei fascisti allora t'invitano come ospite d'onore in tutte le trasmissioni di RAI 3...

    GiGiO

    P.S. Sostituire all'asterisco la stringa "Ber".
    non+autenticato
  • > IL problema vero e' l'ordinamento e/o
    > magistratura da paese dittatoriale che
    > glielo consente

    la magistratura non fa altro che applicare le leggi. E' il parlamento il responsabile di queste leggi di m*.

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 35 discussioni)