Mauro Vecchio

PayPal e donazioni online, il Canto di Natale

Il colosso dei micropagamenti blocca i regali di beneficenza sul sito Regretsy.com. Il pulsante per le donazioni sarebbe previsto solo per le società non profit. Poi si scusa e annuncia un versamento benefico

Roma - C'è chi ha sottolineato come PayPal si sia trasformato in un Grinch del Natale digitale. Il colosso dei micropagamenti ha infatti congelato l'account del sito Regretsy.com, una sorta di fail blog dedicato ai più svariati oggetti fatti a mano. Una decisione che ha scatenato un turbinio di proteste tra gli utenti della Rete.

Alla base della controversia, una specifica campagna avviata da Regretsy per donare giocattoli artigianali a circa 200 bambini poveri. Ai vertici di PayPal non è però andata giù la presenza sul sito di un pulsante per fare regali online nel periodo natalizio. Il bottone donate rappresenterebbe una violazione delle policy interne all'azienda.

"Solo un'organizzazione non profit può sfruttare il pulsante per le donazioni", si legge tra le righe di una conversazione avuta con i gestori di Regretsy. Che hanno però sottolineato come le stesse policy legate al pulsante prevedano cause significative come quella per i bimbi poveri.
"Quello che state facendo è beneficenza - si legge ancora - Potete usare il pulsante per le donazioni per un gatto ammalato, non per le persone povere". Il finimondo. Un post apparso tra le pagine del blog ufficiale di PayPal ha ora ammesso l'errore, annunciando una donazione allo stesso blog per supportare la causa.

"Abbiamo delle linee guida chiare per tutte quelle società che usano PayPal per accettare donazioni - si legge nel post di PayPal - Richiediamo certe documentazioni per prevenire eventuali abusi del flusso delle donazioni. Lo facciamo per proteggere i consumatori e il nostro business".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
3 Commenti alla Notizia PayPal e donazioni online, il Canto di Natale
Ordina