Confessioni di un webmaster pentito

Aveva pubblicato una serie di dialer ma vendevano ben poco, forse a causa delle avvertenze, per una volta trasparenti e in evidenza. Togliendo i dialer ci ha guadagnato... altro

Roma - Ok, lo ammetto: ho usato i dialer. Per un bel po' di tempo ho distribuito dialer sul mio sito, una mail-zine musicale indipendente molto apprezzata dai suoi lettori. Ma, non ci crederete, il vero successo l'ho avuto quando li ho tolti! Ora vi spiego...

Qualche tempo fa vengo a sapere che qualcuno ha inventato un sistema che riesce finalmente a far guadagnare qualche soldo ai webmaster dei piccoli siti. Questo "sistema" sono, ovviamente, i famigerati dialer.

Il fatto che, fino a quel momento, non ci avevo ancora guadagnato una lira con il mio sitarello (nonostante una buona affluenza di utenti), unito alla presunzione di perfetta legalità di questa nuova e strabiliante tecnologia che prometteva lauti guadagni, mi hanno convinto che poteva essere una buona strada per racimolare qualche denaro dopo un lungo lavoro non retribuito. Decido quindi di mettere on-line una pagina, adeguatamente pubblicizzata, dalla quale è possibile scaricarsi un po' di questi dialer, ma qualcosa mi spinge a volerlo fare con la maggiore onestà e trasparenza possibile: scrivo in bella vista di leggere attentamente le avvertenze prima di usare questi software perchè sono programmi che stabiliscono una connessione a pagamento (non dimentichiamoci che, ove sia esplicita questa dichiarazione, la distribuzione on-line di dialer è perfettamente legale). Il risultato è che centinaia di utenti del mio sito scaricano questi subdoli programmini che promettono meraviglie ma, una volta lette le avvertenze, nessuno li usa (mentre girano voci on-line di webmaster che abbiano tirato su stipendi interi grazie a questi software)!
In poche parole il fatto stesso di essermi preso la briga di voler fare tutto nel modo più onesto possibile ha avuto l'immediata conseguenza di impedirmi di guadagnarci granchè. Ciò dovrebbe far quantomeno riflettere.

Un giorno mi rendo conto che, se voglio continuare a poter vantare una fedina morale immacolata, non potrò mai guadagnarci nulla da questi dialer e così mi convinco a "passare dall'altra sponda": tolgo questi famigerati programmi in distribuzione sul mio sito e li sostituisco con un promemoria con cui tento di spiegare, a chi non lo sapesse ancora, cosa sono, come funzionano e in quali rischi si può incorrere una volta installati sul proprio PC.

Da quel giorno gli accessi sul mio sito sono più che raddoppiati perchè moltissimi utenti in cerca di informazioni sui dialer, su cosa siano e come difendersi, finisce per trovare nei motori di ricerca il link alla pagina precedentemente citata e ci clicca sopra per curiosità, interesse o per paura di rimanerne vittima. Un bel successo, no? Inaspettato, imprevedibile, ma giusto, onesto, vero.

Così probabilmente dovrebbero stare le cose: se mi comporto bene ottengo dei risultati, altrimenti no... Certo l'ingenuità non è una dote tipica dei capitani di industria ed io mi sono limitato a mantenere un comportamento corretto. Tuttavia è una luce nel buio più pesto sapere che si possono sfruttare i dialer per portare gente sul proprio sito senza utilizzarli. Anzi, combattendoli!

Marco C.
192 Commenti alla Notizia Confessioni di un webmaster pentito
Ordina
  • I fondatori di eBay erano convinti che la maggior parte della gente è onesta e che un progetto e-business basato sulla fiducia reciproca di compratore e venditore avrebbe avuto successo. Adesso hanno 75 milioni di utenti registrati e 35 milioni di utenti che hanno comprato e venduto oggetti nell'ultimo anno.
    Dimenticavo...eBay fa centinaia di milioni di dollari di profitto!
    Questo tanto per rispondere ad alcuni dei miei connazionali che ritengono che i soldi si possano fare solo in maniera spregiudicata.
    Per quanto riguarda il tuo caso posso dirti che hai fatto solamente il tuo dovere evitando di commettere una truffa.
    Quanto racconti è la prova del nove sul fatto che non è sufficente avvisare gli internauti che il sito utilizza dialer.
    La maggior parte degli utenti non vuole pagare centinaia di euro l'ora e quando viene avvisata correttamente se la da a gambe levate come è normale che sia.
    E' una vergogna che motori di ricerca del calibro di Google ancora facciano finta di ignorare questa evidenza inserendo solo la dizione dialer anziche il più esplicito "servizio a pagamento".
    Se Vin Cerf ha definito lo spamming il flagello della Rete mi permetto, in tutta umiltà, di considerare i dialer come la più oltraggiosa ed imprudente iniziativa di Telecom contro la
    crescita dell'e-business in Italia.

    Max
    non+autenticato
  • L'Italia si sta concentrando, mi pare, esclusivamente su pagamenti in forma di dialer, o comunque di qualcosa che ha per forza a che fare con le tariffe telefoniche. E questo e` molto, ma molto, ma molto piu` sciocco che usare carte di credito (magari prepagate, con pochi soldi sopra). E si presta molto, ma molto, ma molto di piu` a truffe di ogni genere. Ora son 27 anni che ci vivo qui e come tutti so che l'Italia e` fatta cosi`, a un certo punto non t'incazzi piu` nemmeno. Per ora non mi servono soldi in aggiunta per mandare avanti il mio spazio (peraltro ospitato ovviamente su server rigorosamente americani, rigorosamente a base di Linux, con pagine rigorosamente in inglese, e rigorosamente niente dialers), pero` e` vero che quando e se mi serviranno saranno dolori, ma piuttosto che metter dialers chiudo tutto, oppure straottimizzo per rientrare nella banda. Internet in Italia e` tutta una barzelletta, e il successo dei dialers e` dovuto all'altra barzelletta sulla banda quasi larga dell'adsl mancante o malfunzionante. E il peggio e` che molti non se ne preoccupano, fintanto che possono scaricare loghi & suonerie per il vero attrezzo che riflette la mentalita` del paese. Dal governo alla popolazione, ce ne strafreghiamo del progresso.

    Ah ecco m'ha gia` staccato perche` ho impiegato piu` di 6 minuti per scrivere questo, e certamente le connessioni always-up sono aliene all'Italia. Poi il governo non si lamenti perche` i cervelli se ne vanno... ma in effetti sembra non importargliene granche`. Chissa` se si lamenteranno quando ci sara` una gran bella recessione? Sono stato polemico, ma questa situazione non si merita altro che polemiche.
    non+autenticato
  • Cosa si aspetta a varare un sistema di micropagamenti? Paypal & compagnia non permettono di scaricare soldi su un c/c basato in Italia. Per via della nostra burocrazia, mi chiedo? E in Italia? Micropagamenti? Io ho cercato dovunque, trovando solo accenni molto dubbi.

    Come mai questo paese dev'essere sempre indietro?
    Ma sempre, proprio sempre.
    non+autenticato
  • Il sistema c'e': le carte di credito prepagate.
    Il metodo e' sicurissimo, richiede pero' che
    gli utenti interessati si dotino di queste carte,
    e che le Banche le sappiano promuovere
    senza spese almeno inizialmente.
    non+autenticato
  • Da novembre 2003 è possibile trasferire i propri soldi da PayPal ad una banca italiana.
    Le commissioni sono di 1 euro a transazione.
  • Incredibile!
    si e' davvero passata la misura!
    Oggi il TG5 e altri telegiornali hanno
    riciclato la notizia delle solite denunce
    anti-dialer finalizzate al recupero-soldi-spesi.

    Le connessioni a pagamento sono state
    tout-court definite SEMPRE e COMUNQUE
    una "truffa".
    EPPURE...... nel sito www.tg5.it cosa ti trovo?
    ALMENO 3 DIALER!!! (chissa', cercando bene
    ce ne saranno anche altri!!!)
    ovvero:
    uno di videochat-webcams
    uno di SMS animati
    uno di suonerie !!!!

    una contraddizione assolutamente
    INCREDIBILE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    non+autenticato
  • Condivido il tuo comportamento... però motivo il titolo volutamente provocatorio citando delle tue parole in qualche modo contraddittorie:


    "Ok, lo ammetto: ho usato i dialer. Per un bel po' di tempo ho distribuito dialer sul mio sito (...). Ma, non ci crederete, il vero successo l'ho avuto quando li ho tolti! Ora vi spiego..."

    Il fatto che, fino a quel momento, non ci avevo ancora guadagnato una lira con il mio sitarello (nonostante una buona affluenza di utenti), unito alla presunzione di perfetta legalità di questa nuova e strabiliante tecnologia che prometteva lauti guadagni, mi hanno convinto che poteva essere una buona strada per racimolare qualche denaro dopo un lungo lavoro non retribuito.

    tolgo questi famigerati programmi in distribuzione sul mio sito
    (...)
    Da quel giorno gli accessi sul mio sito sono più che raddoppiati
    (...)
    Un bel successo, no? Inaspettato, imprevedibile, ma giusto, onesto, vero.


    A me sembra che il tuo problema rimanga tale e quale: hai molti utenti e continui non guadagnarci una lira...

    E adesso, da webmaster, vengo al sodo: purtroppo il mercato della pubblicità su Internet è molto iniquo (vuoi pure per l'eccesso di "offerta", ovvero di siti che possono ospitarla),
    e molti webmaster hanno difficoltà a portare avanti il loro lavoro, dal quale non guadagnano niente e anzi hanno solo spese (e pure tante). Poiché è molto difficile far pagare i propri visitatori, allora è facile cadere in questi miraggi di facili guadagni, veri o presunti. D'altronde finché non si troverà un sistema perché anche i webmaster di piccole e medie dimensioni possano pagare le proprie bollette, e magari pure vivere del proprio lavoro, credo che questi sistemi continueranno a proliferare.

    Elf Qrin -- www.ElfQrin.com

    non+autenticato
  • Questa è la verità sacrosanta.
    Fa piacerla sentirla da un wm onesto come te...

    --
    Davide
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > D'altronde finché non si
    > troverà un sistema perché anche i webmaster
    > di piccole e medie dimensioni possano pagare
    > le proprie bollette, e magari pure vivere
    > del proprio lavoro, credo che questi sistemi
    > continueranno a proliferare.

    micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti micropagamenti

    In Italia non sono possibili.
    Fate qualcosa.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 35 discussioni)