Claudio Tamburrino

HP cerca il pelo nel PC

I possessori di dispositivi in garanzia non possono dire gatto se non ce l'hanno nel sacco. Il PC non funzionante potrebbe essere contaminato dal pelo

Roma - Hewlett-Packard (HP) ha rifiutato di riparare un computer ancora in garanzia perché rappresentava un "rischio biologico".

A far paventare al riparatore uno scenario di malattie e contagio lo spettacolo che si è trovato davanti quando ha aperto il PC: arruffati e disordinati peli di gatto.

Non è dato sapere se chi si è trovato davanti uno spettacolo non sorprendente per un computer usato fosse un tecnico di primo pelo o semplicemente un allergico. In ogni caso non ha avuto peli sulla lingua: quando ha ricontattato il cliente l'ha subito additato come possessore di un "gatto a pelo lungo" (quando invece era a pelo corto).
Allo stesso modo il suo supervisore, cui il cliente è riuscito a rivolgersi, ha definito il computer non riparabile in quanto i troppi peli di gatto lo rendevano un "rischio biologico".

Per quanto il termine possa essere forse esagerato a descrivere la situazione, nelle clausole della licenza si prevede la decadenza della garanzia nei casi in cui il dispositivo smetta di funzionare per "incidenti, abuso, contaminazione, manutenzione impropria o inadeguata, interventi non appropriati o altre cause esterne".

Quindi, nel caso in cui fosse dimostrato che a causare il malfunzionamento del dispositivo fossero i peli di gatto, allora la garanzia non potrebbe essere fatta valere.

Tuttavia non è detto che il problema sia dato dalla contaminazione, e anche nel caso in cui fosse contestato effettivamente il "rischio biologico", questo potrebbe essere facilmente aggirato dal proprietario del dispositivo rimuovendo i peli contestati: allo stesso modo utenti Apple avevano dovuto pulire dai residui di fumo Mac portati in assistenza.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
17 Commenti alla Notizia HP cerca il pelo nel PC
Ordina