Roberto Pulito

La risposta AMD agli Ultrabook

Il chipmaker USA pensa a portatili ultrasottili da contrapporre ai superleggeri Intel. Nel frattempo spuntano i primi benchmark degli Atom N2600, che ridanno smalto agli appannati netbook

Roma - Advanced Micro Devices sta collaborando con un manipolo di partner per realizzare un computer portatile "ultrathin" da contrapporre agli Ultrabook con tecnologia Intel. Il country manager australiano, Brian Slattery, dichiara che i primi modelli arriveranno già il mese prossimo.

Il chipmaker USA ha sempre messo le sue piattaforme al servizio dei laptop come l'HP Pavilion DM1, ma nessuno di questi computer è abbastanza sottile e leggero da competere con gli Ultrabook. Dispositivi pensati per combattere l'avanzata dei tablet e rendere "popolare" il concept slim del MacBook Air.

Funzionalità istantanee e consumi contenuti dovranno essere ingredienti base anche per gli ultrathin AMD. Per riuscire nell'impresa il produttore di Sunnyvale dovrà probabilmente utilizzare una qualche variante delle APU Fusion, vincente combinazione tra CPU e GPU integrata Radeon che ha già dimostrato di poter dare filo da torcere alle soluzioni Intel in certi ambiti. Probabilmente se ne saprà di più durante il prossimo Consumer Electronic Show di Las Vegas.
Nel frattempo, spuntano online i primi benchmark dei nuovi Cedar View Intel. L' Atom N2600 montato sul laptop Asus Eee PC X101CH può funzionare a 1,6GHz o 1,8GHz con un invidiabile TDP di 3,5W. La piattaforma non brilla in quanto a velocità della CPU ma guadagna consensi in ambito video, grazie al sottosistema grafico (Intel GMA 3600 HD) che lavora a 400MHz.

Roberto Pulito
Notizie collegate