Claudio Tamburrino

Amazon, réclame veggenti

Il negozio digitale brevetta un sistema per predire le intenzioni degli utenti in base ai loro spostamenti. Lo scopo è la somministrazione di offerte pubblicitarie

Roma - Amazon ha ottenuto un brevetto su una tecnologia utile per veicolare pubblicità personalizzata in base alla prossima meta cui un utente di dispositivo mobile è presumibilmente destinato.

La questione del tracciamento e della geolocalizzazione chiama in causa la privacy degli utenti ed è al centro di accese discussioni e polemiche. D'altronde, il poter seguire nei loro spostamenti gli utenti attraverso la triangolazione del segnale telefonico oppure via GPS apre a diverse opzioni più o meno preoccupanti per la privacy degli utenti. E una di queste possibilità sembra essere stata brevettata da Amazon.

Il brevetto numero 8,073,460, infatti, descrive un "sistema e metodo per fornire advertising basato sui percorsi seguiti attraverso dispositivi mobile".
I dati geolocalizzati degli utenti di dispositivi mobile possono, secondo la tecnologia rivendicata da Amazon, poter essere analizzati per creare un modello dei spostamenti attraverso cui sembra possibile intuire la prossima destinazione di una persona.

Questa supposizione, naturalmente, ha bisogno di una serie sufficiente di dati consecutivi di spostamenti e può riguardare al massimo una meta già raggiunta oppure un negozio statisticamente legato agli altri già visitati in base a dati aggregati raccolti sugli utenti di un centro commerciale specifico.

In questo modo, comunque, è possibile veicolare contenuti pubblicitari e coupon adatti alla situazione e tagliati su misura dei percorsi dell'utente.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • TecnologiaPrivacy e tracciamento, si muove il W3CIl consorzio che stabilisce gli standard del World Wide Web pubblica la prima bozza di un nuovo framework per la gestione della privacy degli utenti. Troppo logging online fa male alla vita delle persone, avverte ENISA
  • AttualitàUSA, liberato il tracciamento da stradaIl legittimo proprietario di un'auto può decidere di installarvi un dispositivo GPS per monitorare gli spostamenti della moglie. A deciderlo è un giudice del Minnesota, che trova un inghippo nello statuto locale
  • AttualitàTracciamento GPS al vaglio della Corte SupremaLa massima autorità giudiziaria degli USA avvia le consultazioni per lo spinoso caso di un uomo tenuto sotto controllo via GPS e senza il mandato del giudice. In seno alla Corte c'è chi ha già paragonato la pratica a 1984 di Orwell
2 Commenti alla Notizia Amazon, réclame veggenti
Ordina