Mauro Vecchio

USA, carcere per l'anticipatore di Wolverine

Il 49enne Gilberto Sanchez sconterÓ un anno di prigione, per aver caricato su Megaupload una copia in anteprima dello spin-off sulle origini degli X-Men. Un messaggio dal Dipartimento di Giustizia contro i pirati della rete

Roma - C'è chi ha sottolineato che finire in carcere per un film come X-Men Origins: Wolverine sia davvero un efferato scherzo del destino. Il 49enne installatore di vetri Gilberto Sanchez è infatti stato condannato ad un anno esatto di prigione, per aver caricato online una versione non definitiva dello spin-off di X-Men dedicato a Wolverine.

"Un messaggio forte che scoraggerà i pirati di Internet", almeno secondo i legali dell'accusa. La casa di produzione 20th Century Fox aveva trascinato Sanchez in aula dopo il caricamento illecito di una copia del film sulla piattaforma di file hosting Megaupload.

Sanchez si era dichiarato colpevole, avendo trovato il film su una bancarella coreana a New York. Lo spin-off era finito su Megaupload senza il classico lavoro di post-produzione. La major hollywoodiana aveva subito temuto per le vendite al botteghino, cresciute in poco tempo fino a quasi 400 milioni di dollari.
"Il Dipartimento di Giustizia perseguirà tutta questa gente che cerca di rubare la proprietà intellettuale della nostra nazione", hanno sottolineato ancora gli avvocati dell'accusa. Curiosità: il redattore di Fox News Roger Friedman aveva perso il lavoro dopo aver pubblicato una recensione basata sulla copia illecita del film.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
46 Commenti alla Notizia USA, carcere per l'anticipatore di Wolverine
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)