Mauro Vecchio

Twitter e la recessione sentimentale

Drammatica flessione nel livello di felicità degli utenti del tecnofringuello. A rivelarlo è un grafico dei sentimenti sviluppato dalla University of Vermont. Che ha sfruttato quasi 50 miliardi di parole cinguettate

Roma - Un curioso grafico della felicità, realizzato da un gruppo di ricercatori della University of Vermont per fotografare i sentimenti della popolazione connessa ai social network. In particolare quella legata alla piattaforma di microblogging Twitter, che vivrebbe una drammatica flessione nel livello medio di soddisfazione nella vita.

"Sembra che la felicità stia progressivamente sparendo", hanno commentato gli autori della ricerca statunitense. Il trend negativo sarebbe esploso nella prima parte di questo 2011, osservato dall'ateneo del Vermont a partire da 46 miliardi di parole cinguettate da 63 milioni di utenti in tutto il mondo.

Da pancake a suicidio, i cinguettii sono stati raggruppati in categorie sentimentali con la collaborazione del servizio di Amazon Mechanical Turk. Ovvero un sito in cui un gruppo di volontari ha assegnato un punteggio da 1 a 9 a circa 10mila parole inglesi su una sorta di termometro dei sentimenti.
I ricercatori hanno dunque sfruttato queste votazioni per passare al setaccio miliardi di parole apparse su Twitter nel corso degli anni. Tenendo ovviamente in considerazioni variabili come l'età, la residenza e il sesso degli utenti di Twitter. Con qualche scoperta non esattamente illuminante: le persone sarebbero meno felici di lunedì e più allegre nei week-end.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Digital LifeContrappunti/ Social, vado a nanna!di M. Mantellini - Facebook no, Twitter neppure, Google+ neanche. C'è bisogno di ritrovare la dimensione intima del sociale. Perché raccontare i fatti i propri in broadcast richiede un'attenta selezione
  • AttualitàFacebook Timeline, ora su tutti gli schermiLa nuova interfaccia grafica lanciata su tutto il globo social dopo l'esperimento neozelandese. Non sarà valida per i brand. In versione mobile, c'è solo Android. E piovono le prime critiche da parte degli attivisti per la privacy
  • Digital LifeGoogle, la ricerca e lo spirito dei tempiPubblicate le classifiche delle query di ricerca più sfruttate dagli utenti di BigG. Sul podio ci sono teen-star e il nuovo social network Plus. Poi la morte di Steve Jobs e la tragedia di Fukushima