Alfonso Maruccia

USA, i soliti sospetti della pirateria

Compilata la nuova revisione del rapporto delle autoritÓ statunitensi sui mercati noti per la dilagante pirateria. "Scende" il search engine cinese Baidu, "salgono" i siti di torrent e di file hosting

Roma - Nuova edizione del rapporto "Special 301", nota lista di proscrizione a cura dell'Office of the United States Trade Representative (USTR) pensata per mettere alla berlina i mercati e i servizi su cui prospera la pirateria. Che si tratti di beni contraffatti o di file digitali replicati online via P2P poco importa: lo Special 301 non salva nessuno.

Il rapporto Special 301 viene in pratica stilato su indicazione delle major multimediali e identifica "più di 30 mercati che tipizzano il problema dei marketplace specializzati in beni e servizi volti a infrangere i diritti di proprietà intellettuale e che aiutano a sostenere la pirateria e la contraffazione globali".

La nuova edizione del rapporto Special 301 chiama fuori dal gioco della "pirateria" globale Baidu, il motore di ricerca cinese che agli occhi delle autorità (e delle major) statunitensi si è praticamente rifatto una verginità digitale dopo aver accettato di versare l'obolo alle Big Four del disco per gli MP3 scaricati "illegalmente" dai netizen asiatici.
Chi invece fa da "ospite fisso" dello Special 301 sono i siti di torrent, noti e meno noti portali "pirata" come The Pirate Bay, isoHunt, BTJunkie, Kat.ph e Torrent.eu che hanno, a dire delle major e delle autorità statunitensi, la criminale responsabilità di "facilitare il download di contenuti non autorizzati".

Ma la colonna infame dello Special 301 riserva spazio anche ai siti di file hosting - o cyber-locker, o "armadietti digitali", che dir si voglia - come Megaupload, un servizio recentemente caduto in disgrazia per aver pestato i piedi a Universal Music Group o qualcosa del genere. E c'è spazio anche per "Vkontakte", il social network russo recentemente salito agli onori delle cronache per fatti di "pirateria" musicali e affini.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, i soliti sospetti del copyrightI nemici del diritto d'autore sono sempre gli stessi, additati nel nuovo Special 301 stilato dalle autoritÓ a stelle e strisce. Russia, Cina e Canada in cima alla lista dei negligenti. L'Italia applaudita grazie all'enforcement di Agcom
  • BusinessBaidu, sinfonia con le majorIl popolare motore di ricerca cinese stringe un patto con tre delle quattro sorelle del disco. Che riceveranno un tot a canzone scaricata dagli utenti asiatici. Siglata la pace dopo gli attacchi anti-pirateria portati dall'industria stessa
  • AttualitàHollywood e l'indice dei siti cattiviTracker torrent e armadietti digitali, piattaforme di streaming e bancarelle: gli studios puntano il dito contro i ladri di proprietÓ intellettuale. La lista nera di MPAA
  • AttualitàMegaSong, il censore è il maggiordomo?YouTube risponde ad Universal negando il supposto diritto di esclusiva quando si tratta di censurare video indesiderati. Al netto del copyright, quella clip l'avrÓ certamente rimossa il maggiordomo...
5 Commenti alla Notizia USA, i soliti sospetti della pirateria
Ordina
  • interessante..

    Italy remains on the Watch List with an Out-of-Cycle review to be conducted this year. Italy
    continued to make progress in improving its IPR protection and enforcement in 2010, including by
    increased cooperation among law enforcement officials and improved enforcement actions against
    certain types of IPR violations. The United States remains concerned that, overall enforcement
    against copyright piracy continues to be inadequate and that piracy over the Internet continues to
    grow, severely damaging the legitimate market for distribution of copyrighted works. The United
    States welcomes recent efforts to address piracy over the Internet, and looks forward to measures to
    help ameliorate this problem. Specifically, proposed regulations by the Italian Communications
    Authority (AGCOM) could provide rights holders with an avenue to curb IPR violations online in an
    effective manner. The United States encourages Italy to ensure that the AGCOM regulations are
    swiftly promulgated and implemented, that these regulations create an effective mechanism against
    copyright piracy over the Internet, and that they address all types of piracy that takes place online.
    The United States also encourages Italy to address other IPR issues, including a troubling Data
    Protection Agency ruling prohibiting the monitoring of peer-to-peer networks. While rights holders
    report good efforts by the Finance Police and the Customs Police, few cases reach final sentencing
    and courts still fail to impose deterrent level sentences. The United States will continue to work with
    Italy to address these and other matters.
    non+autenticato
  • della solita lista
    Che cosa hanno fatto stavolta?
    hanno rubato pasta e fagioli dopo essere andati a lezione da totò?
    Si perché ormai a argomenti siamo ormai a quel punto... da pasta e fagioli appunto!
    Io fossi azionista di una major con markettari e lobbisti di sto' tipo (quali vette! quali novità! quali capacità di innovazione nel modello di business!) prima li caccerei a calci poi (prudenzialmente) vado a investie da un altra parte!
    non+autenticato
  • ...altri siti che non conoscevo e a cui prima o poi daro' un'occhiata.

    GT
  • +1 Grazie PI!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guybrush
    > ...altri siti che non conoscevo e a cui prima o
    > poi daro'
    > un'occhiata.
    >
    > GT
    Torrent.eu che è?
    non+autenticato