Mauro Vecchio

Giappone, liberato il pap di Winny

La Corte Suprema nipponica scagiona lo sviluppatore del software P2P da un milione di utenti. Non avrebbe mai avuto l'obiettivo di distribuire contenuti in violazione del copyright. L'abuso non insito nel client

Roma - Ad intervenire sono stati i giudici della Corte Suprema in terra nipponica: Isamu Kaneko, creatore della piattaforma P2P Winny, è stato definitivamente scagionato dalle accuse mosse nel 2004 per violazione massiva del copyright. Dichiarato non responsabile delle attività illecite intraprese da oltre un milione di netizen del Sol Levante.

stata dunque confermata la sentenza in appello che aveva annullato la multa da 1,5 milioni di yen (12mila euro circa) stabilita dai legittimi detentori dei diritti. Il ricercatore dell'Università di Tokyo non avrebbe sviluppato il software Winny con l'obiettivo di distribuire materiale non autorizzato.

Sempre secondo i giudici della Corte Suprema - 4 a 1 l'esito delle votazioni - l'informatico giapponese non avrebbe mai incoraggiato gli utenti del suo programma a violare le vigenti leggi sul copyright. L'uso più o meno legale del programma verrebbe deciso solo ed esclusivamente dai netizen.
Ha così vinto ancora la posizione portata avanti in aula dalla difesa: l'unico proposito del software sarebbe la verifica pratica di una tecnologia, non essendoci peraltro nessun contatto diretto con un numero indefinito di utenti che avrebbero caricato contenuti non autorizzati.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
47 Commenti alla Notizia Giappone, liberato il pap di Winny
Ordina
  • Questo si è fatto 6 anni di cause legali con l'aspettativa di pagare milioni di euro di multa e gli incubi di notte per sei anni.

    Molto meglio darla vinta a loro piuttosto di rovinarsi un decimo della propria vita con prospettive di essere rovinati economicamente a vita.

    Hanno vinto non perché hanno ragione legalmente ma perché hanno il sistema dallo loro parte.
  • - Scritto da: Sandro kensan

    > Hanno vinto non perché hanno ragione legalmente
    > ma perché hanno il sistema dallo loro parte.

    mah, a giudicare dal contenuto dell'articolo, più che "vinto" direi che hanno "perso".

    il fatto che ci siano voluti 6 anni non è poi così importante, e penso che anche il povero malcapitato di turno, tutto sommato, sia contento del risultato e si sia fatto una bella sghignazzata interiore all'annuncio del verdetto della Corte Suprema (io me la sarei fatta).
    non+autenticato
  • Beh, veramente nell'articolo si parla di 12.000 Euro....certo non son pochi ma dire milioni di euro non è esattamente la stessa cosa...
    non+autenticato
  • - Scritto da: sbr79
    > Beh, veramente nell'articolo si parla di 12.000
    > Euro....certo non son pochi ma dire milioni di
    > euro non è esattamente la stessa
    > cosa...

    Sicuro? Non vado a controllare. Però le cause dove ti chiedono milioni di danni sono all'ordine del giorno per queste questioni.
  • - Scritto da: Sandro kensan
    > Questo si è fatto 6 anni di cause legali con
    > l'aspettativa di pagare milioni di euro di multa
    > e gli incubi di notte per sei anni.
    >
    > Molto meglio darla vinta a loro piuttosto di
    > rovinarsi un decimo della propria vita con
    > prospettive di essere rovinati economicamente a
    > vita.

    E' esattamente il motivo per cui tanti innocenti in Italia finiscono per patteggiare una pena pur sapendo che se avessero la certezza che il processo fosse equo e oggettivo verrebbero scagionati da ogni accusa.
    Che la giustizia in generale (in Italia ma anche in Giappone) sia lenta e funzioni generalmente male è un dato di fatto. Che sia giusto dargliela vinta avendo la ragione dalla propria parte, no. Capisco chi non ce la fa ma non posso giustificarlo, in questo modo sarà sempre peggio perché loro puntano sul prenderti per sfinimento.
  • Ed i Pirate Haters rosicano.
    Sgabbio
    26178
  • Quali pirate haters? Ce ne sono sempre meno (man mano che chiudono le videoteche).
    non+autenticato
  • i pirate haters non sono solo i videotechini, ma gente intortata dalla propaganda.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > i pirate haters non sono solo i videotechini, ma
    > gente intortata dalla
    > propaganda.

    Io vedo solo i videotecari che hanno la bava che gli cola dalla bocca.
    Questi altri intortati chi sarebbero?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > i pirate haters non sono solo i
    > videotechini,
    > ma
    > > gente intortata dalla
    > > propaganda.
    >
    > Io vedo solo i videotecari che hanno la bava che
    > gli cola dalla
    > bocca.
    > Questi altri intortati chi sarebbero?
    Ruppolo, tanto per citarne uno ben noto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > i pirate haters non sono solo i
    > videotechini,
    > ma
    > > gente intortata dalla
    > > propaganda.
    >
    > Io vedo solo i videotecari che hanno la bava che
    > gli cola dalla
    > bocca.
    > Questi altri intortati chi sarebbero?

    basta che vai in forum come multiplayer.it, Everyeye o Hwupgrade e ne vedi a pacchi.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Ed i Pirate Haters rosicano.

    Affatto. Io non voglio vedere gente in galera. Siete voi amanti della pirateria che siete pieni di odio verso gli attori, i registi, i produttori, i musicisti, le etichette discografiche, le case editrici, gli scrittori, le videoteche, le edicole, i giornali. Tutto ciò solo perché non vogliono regalarvi i loro prodotti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > Ed i Pirate Haters rosicano.
    >
    > Affatto. Io non voglio vedere gente in galera.
    > Siete voi amanti della pirateria che siete pieni
    > di odio verso gli attori, i registi, i
    > produttori, i musicisti, le etichette
    > discografiche, le case editrici, gli scrittori,
    > le videoteche, le edicole, i giornali. Tutto ciò
    > solo perché non vogliono regalarvi i loro
    > prodotti.

    Non ci vuole repressione, ci vuole responsalizzazione...sai, quelle cose che dovrebbero insegnare a scuola, o i genitori...e soprattutto ci vogliono leggi sul copyright meno restrittive, con buona pace di tutti gli autori e detentori di diritti annessi e connessi! Come dire, se pretendi qualcosa devi dare qualcosa in cambio!
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > - Scritto da: Dottor Stranamore
    > > - Scritto da: Sgabbio
    > > > Ed i Pirate Haters rosicano.
    > >
    > > Affatto. Io non voglio vedere gente in
    > galera.
    > > Siete voi amanti della pirateria che siete
    > pieni
    > > di odio verso gli attori, i registi, i
    > > produttori, i musicisti, le etichette
    > > discografiche, le case editrici, gli
    > scrittori,
    > > le videoteche, le edicole, i giornali. Tutto
    > ciò
    > > solo perché non vogliono regalarvi i loro
    > > prodotti.
    >
    > Non ci vuole repressione, ci vuole
    > responsalizzazione...sai, quelle cose che
    > dovrebbero insegnare a scuola, o i genitori...e
    > soprattutto ci vogliono leggi sul copyright meno
    > restrittive, con buona pace di tutti gli autori e
    > detentori di diritti annessi e connessi! Come
    > dire, se pretendi qualcosa devi dare qualcosa in
    > cambio!
    Ma lui e la sua cricca non intendono rinunciare al "nessun valore aggiunto" che forniscono all'opera. Implicherebbe necessariamente dover lavorare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > - Scritto da: Dottor Stranamore
    > > - Scritto da: Sgabbio
    > > > Ed i Pirate Haters rosicano.
    > >
    > > Affatto. Io non voglio vedere gente in
    > galera.
    > > Siete voi amanti della pirateria che siete
    > pieni
    > > di odio verso gli attori, i registi, i
    > > produttori, i musicisti, le etichette
    > > discografiche, le case editrici, gli
    > scrittori,
    > > le videoteche, le edicole, i giornali. Tutto
    > ciò
    > > solo perché non vogliono regalarvi i loro
    > > prodotti.
    >
    > Non ci vuole repressione, ci vuole
    > responsalizzazione...sai, quelle cose che
    > dovrebbero insegnare a scuola, o i genitori...e
    > soprattutto ci vogliono leggi sul copyright meno
    > restrittive, con buona pace di tutti gli autori e
    > detentori di diritti annessi e connessi! Come
    > dire, se pretendi qualcosa devi dare qualcosa in
    > cambio!

    Anche se fosse scaricherebbero lo stesso gratis.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > Anche se fosse scaricherebbero lo stesso gratis.

    Certo, e perche' sono scemi.

    Se c'e' un giusto compenso e una giusta equità conviene semplicemente comprare.

    Ma e' più comodo arrestare la genteA bocca aperta
    harvey
    1481