Apple/Una questione di standard?

In un'epoca di sistemi aperti le politiche "protezioniste" di Apple appaiono, agli occhi di molti, anacronistiche. Ma quella di Apple potrebbe rivelarsi ancora la giusta strada

Quali sarebbero le due possibili vie che renderebbero Apple e il suo sistema meno "chiusi"? Una "strada software" potrebbe essere quella di portare il nuovo sistema operativo MacOSX anche su piattaforma PC.
Una "strada hardware" potrebbe invece essere quella di permettere a terzi di costruire cloni.

Cosa succederebbe in questi casi? Supponiamo che Apple decida di rilasciare MacOSX in versione PC. Vista l'architettura nel nuovo sistema non dovrebbe nemmeno richiedere uno sforzo enorme, ma si tratterebbe di un'arma a doppio taglio: nel migliore dei casi Apple potrebbe dimostrare che a parità di macchina il suo sistema operativo funziona meglio di Windows; inoltre potrebbe dimostrare che a parità di sistema operativo l'architettura delle sue macchine é migliore di quella dei PC. Se però il sistema funziona "troppo" bene, Apple rischia di perdere quote di mercato nel settore hardware, e nel caso in cui il sistema dovesse funzionare male, Apple perderebbe molta della sua credibilità.

Al di là delle intenzioni e delle scelte strategiche della società, la "strada software" appare comunque una scelta troppo rischiosa per Apple, almeno in questa situazione di mercato. La "strada hardware" in realtà é già stata provata: qualche anno fa Apple aveva concesso ad alcune società di produrre cloni. Non si trattò di un'apertura vera e propria: solo Apple aveva la facoltà di decidere chi poteva costruire le macchine e ogni macchina veniva prima testata per assicurarne la completa compatibilità. L'intento era quello di espandere il parco macchine funzionanti con MacOS, ma in realtà questo non avvenne e i cloni rubavano quote di mercato alla Apple stessa. Non credo che una liberalizzazione più spinta avrebbe cambiato le cose: Apple si trovava in quegli anni in una situazione troppo critica, con il progetto per il nuovo sistema operativo (Copland) che naufragava, una linea di produzione che faceva acqua da tutte le parti e un deficit finanziario spaventoso. Difficilmente Apple ripercorrerebbe la stessa strada, a meno di ritrovarsi con una quota di mercato abbastanza elevata (almeno il 25/30%) che la possa cautelare contro eventuali perdite iniziali .
TAG: apple