Claudio Tamburrino

Il sipario si apre su Twitter

Diversi teatri di Boston offriranno posti per utilizzare il servizio di microblogging durante gli spettacoli senza disturbare i vicini

Roma - Dopo le zone per fumatori, i luoghi pubblici iniziano a sperimentare quelle per twittatori: perché alcune volte il bisogno di interagire con la propria timeline è forte quanto quello di una sigaretta.

Secondo alcune fonti, infatti, a pensare alla novità sono stati alcuni teatri di Boston che stanno sperimentando "posti per Tweet" che permettono a chi ci si siede di utilizzare dispositivi mobile per esprimere in diretta i propri commenti sullo spettacolo.

Ciascuno ha diritto ai suoi 140 caratteri da critico teatrale. (C.T.)
Notizie collegate