Roberto Pulito

C'era un cinese in orbita

Il programma spaziale del gigante asiatico utilizzerà 35 satelliti per creare un suo GPS e manderà un uomo sulla Luna entro 5 anni

Roma - Dopo aver festeggiato i traguardi del 2011, con il lancio del primo modulo che andrà a formare il laboratorio spaziale Tiangong, la Cina rivela i piani futuri del suo programma taikonautico. Da qui a cinque anni i vertici di Pechino puntano a mandare sulla Luna il primo uomo asiatico.

Un documento governativo pubblicato di recente ha confermato che una sonda robotica verrà intanto inviata sul satellite della Terra, entro la fine dell'anno corrente. Un investimento di risorse decisamente impegnativo, in netto contrasto con il resto del mondo, che in questo particolare momento storico ha invece tirato i remi in barca.

Dopo aver vinto la sfida con i russi, la NASA si troverà quindi a competere con un nuova superpotenza interessata all'esplorazione dello spazio. E nonostante le rassicurazioni sullo scopo pacifico di queste missioni, la mente torna al periodo della Guerra Fredda.
Del resto l'ambizioso progetto quinquennale include anche una nuova rete satellitare dedicata al "monitoraggio" della terra. Ufficialmente si punta alla creazione di un sistema tipo GPS indipendente, chiamato Beidou (Orsa maggiore) da contrapporre all'europeo Galileo e al russo GLONASS.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • AttualitàCina, comincia la nuova era spazialePechino riafferma il proprio ruolo di futura superpotenza con la messa in orbita di un modulo sperimentale destinato all'attracco di sonde e astronauti. Perché la Cina "persegue la pace" da sempre
  • TecnologiaNASA e spazio profondo, un sogno che sa di passatoL'agenzia statunitense svela il design del suo nuovo, ambizioso sistema di trasporto spaziale, un "super-razzo" pensato per riportare l'uomo nel cosmo più freddo e buio. Oltre l'atmosfera, sulla Luna, gli asteroidi e poi Marte
  • AttualitàNASA cerca astronautiL'agenzia spaziale statunitense annuncia un nuovo piano di reclutamento per futuri astronauti a stelle e strisce, pionieri di un'era che dovrebbe comprendere il ritorno sulla Luna e viaggi interplanetari
22 Commenti alla Notizia C'era un cinese in orbita
Ordina
  • Buongiorno,

    faccio notare che i russi, sovietici e non, hanno fatto tutto nello spazio prima degli statunitensi. Sulla luna sono arrivati anni prima con una sonda.
    Lo sbarco dell'uomo sulla luna ha solo un valore simbolico e non scientifico.
    I russi hanno avuto una base spaziale per 15 anni mentre nessun'altro l'aveva.
    Il modulo centrale della stazione spaziale intenazionale e' russo.
    Il vettore piu' affidabile mai costruito, quello che porta la soyuz nello spazio, e' russo.
    Diciamo che gli stati uniti stanno tuttora rincorrendo.
    A proposito la tecnologia spaziale cinese e' al 90% di derivazione russa.
    Fonte prevalentemente LIMES

    grazie
    ciao

    Gianni
  • ma l'uomo nn è già andato sulla luna???????????????????????????????????
    non+autenticato
  • ..queste iniziative rilanceranno la corsa allo spazio e probabilmente contemporaneamente determineranno il fallimento degli USA (o meglio, lo riveleranno) un po' come è stata la rincorsa alle armi determinante per il crollo dell'URSS. A quel punto o la Cina resterebbe l'unica superpotenza mondiale ed oltre, oppure ci sarà un reale coordinamento dei vari progetti spaziali "occidentali", quindi una reale gara a vantaggio di tutti
    non+autenticato
  • e invece andrà a finire che sara' il Comandante Xiao Ming Li a comandare la nave spaziale "Celeste Impero" verso Ganimede?
    non+autenticato
  • Nei prossimi cinque anni????

    Permettetemi di esprimere qualche dubbio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: johnny il fenomeno
    > Nei prossimi cinque anni????
    >
    > Permettetemi di esprimere qualche dubbio.

    non siamo piu' negli anni sessanta che si andava a tentoni, ora la balistica spaziale e' già rodata.
    i cinesi hanno dagli anni 70 vettori per testate nucleari/satelliti/altro, quindi la tecnologia ce l'hanno. Sono solo problemi di soldi e volontà politica: staremo a vedere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > - Scritto da: johnny il fenomeno
    > > Nei prossimi cinque anni????
    > >
    > > Permettetemi di esprimere qualche dubbio.
    >
    > non siamo piu' negli anni sessanta che si andava
    > a tentoni, ora la balistica spaziale e' già
    > rodata.
    > i cinesi hanno dagli anni 70 vettori per testate
    > nucleari/satelliti/altro, quindi la tecnologia ce
    > l'hanno. Sono solo problemi di soldi e volontà
    > politica: staremo a
    > vedere.

    Comunque per mandare un uomo sulla Luna serve un missilone ben più grosso di un vettore per satelliti da orbita terrestre. Vai a guardare quant'era grande il Saturn V. Nessuno è più riuscito a fare missili così grandi da allora, anche i russi fallirono.
    E' vero che gli USA sono andati sulla Luna in soli 7 anni partendo da ZERO. Ma avevano fondi illimitati e un tipo che si chiamava von Braun.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacGeek
    > E' vero che gli USA sono andati sulla Luna in
    > soli 7 anni partendo da ZERO. Ma avevano fondi
    > illimitati e un tipo che si chiamava von
    > Braun.
    Per fare i pignoli, il programma Mercury (esseri umani a bordo) è del 1958, l'allunaggio del 1969. Non che io avrei saputo far più in fretta, per carità! Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: OldDog
    > - Scritto da: MacGeek
    > > E' vero che gli USA sono andati sulla Luna in
    > > soli 7 anni partendo da ZERO. Ma avevano fondi
    > > illimitati e un tipo che si chiamava von
    > > Braun.
    > Per fare i pignoli, il programma Mercury (esseri
    > umani a bordo) è del 1958, l'allunaggio del 1969.
    > Non che io avrei saputo far più in fretta, per
    > carità! Sorride

    Con Mercury andarono solo in orbita terrestre.
    Il Saturno V è stato il primo e finora unico missile in grado di arrivare sulla Luna con uomini a bordo. Tutt'altro missile, tutt'altre dimensioni.

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    L'inizio del progetto Apollo si può far partire dal famoso discorso di Kennedy del 1962 (http://www.youtube.com/watch?v=g25G1M4EXrQ) con l'impegno di arrivare sulla Luna entro la fine del decennio (ci riuscirono, appunto, nel luglio del 1969).
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacGeek
    > - Scritto da: attonito
    > > - Scritto da: johnny il fenomeno
    > > > Nei prossimi cinque anni????
    > > >
    > > > Permettetemi di esprimere qualche dubbio.
    > >
    > > non siamo piu' negli anni sessanta che si andava
    > > a tentoni, ora la balistica spaziale e' già
    > > rodata.
    > > i cinesi hanno dagli anni 70 vettori per testate
    > > nucleari/satelliti/altro, quindi la tecnologia
    > ce
    > > l'hanno. Sono solo problemi di soldi e volontà
    > > politica: staremo a
    > > vedere.
    >
    > Comunque per mandare un uomo sulla Luna serve un
    > missilone ben più grosso di un vettore per
    > satelliti da orbita terrestre. Vai a guardare
    > quant'era grande il Saturn V. Nessuno è più
    > riuscito a fare missili così grandi da allora,
    > anche i russi fallirono.
    > E' vero che gli USA sono andati sulla Luna in
    > soli 7 anni partendo da ZERO. Ma avevano fondi
    > illimitati e un tipo che si chiamava von
    > Braun.

    Lo so che i Saturn 5 sono stati i vettori piuà grossi realizzati, e sono stati irripetuti dopo il programma Apollo.
    MA considera: i Saturn 5 andavano direttamnte da Terra a Luna, PORTANDOSI DIETRO tutto il necessario. Magari i cinesi hanno in mente di partire da una stazione geoorbitale come °base° di lancio intermedia (che era una idea orginale di von brawn poi abbandonata): potrebbero "portare su" carburante un po alla volta con lanci automatici e poi un vettore piu piccolo che prima va alla stazione, aggancia un nuovo stadio principale piu piccolo sparato su in precedenza che si occupera del percoso stazione-luna.
    LA mia e' solo una ipotesi, serve fare un po bilanci energetici se la cosa convenga o no.

    Per i soldi, se consideriamo che i Cinesi hanno in mano piu' del 20% del debito pubblico USA, vedi da te che i soldi non gli mancano.
    Per quanto riguarda Von Brown, il tipo sara pure morto, ma quello che ha scritto e detto si sa, e si sa molto bene.
    Resta solo da vedere quanto i cinesi siano motivati o se il discorso "5 anni" sia solo una sparata mediatica.
    Io sono convinto che di sicuro POSSONO, sul VOLERE non lo so, ce lo dirà il futuro, come detto all'inizio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito

    > Lo so che i Saturn 5 sono stati i vettori piuà
    > grossi realizzati, e sono stati irripetuti dopo
    > il programma
    > Apollo.
    > MA considera: i Saturn 5 andavano direttamnte da
    > Terra a Luna, PORTANDOSI DIETRO tutto il
    > necessario. Magari i cinesi hanno in mente di
    > partire da una stazione geoorbitale come °base°
    > di lancio intermedia (che era una idea orginale
    > di von brawn poi abbandonata): potrebbero
    > "portare su" carburante un po alla volta con
    > lanci automatici e poi un vettore piu piccolo che
    > prima va alla stazione, aggancia un nuovo stadio
    > principale piu piccolo sparato su in precedenza
    > che si occupera del percoso stazione-luna.
    > LA mia e' solo una ipotesi, serve fare un po
    > bilanci energetici se la cosa convenga o
    > no.

    In realtà non andarono DIRETTAMENTE sulla Luna. Quella era l'opzione primaria pensata da Von Braun ("direct ascent"), ma sarebbe servito un missilone ancora ben più grosso del Saturn V.

    Il compromesso che trovarono (all'inizio scartato) fu il 'randevouz lunare', con 2 navicelle, 1 che scendeva sulla Luna, l'altra che restava in orbita. Questo gli consentì una sostanziale riduzione della massa da spedire, anche se all'inizio si pensava che tale randevouz in orbita lunare fosse troppo complesso da realizzare.

    Era anche stato preso in considerazione un randevouz in orbita terrestre e quello che tu dici: inviare più missili in orbita terrestre con varie parti e partire dall'orbita terrestre per la Luna. In questo caso sarebbero sufficienti missili più piccoli ma ne servirebbero di più. Certamente potrebbe essere un'ipotesi più semplice (anche se magari con più rischi e più dispendisiosa) per andare sulla Luna. Gli USA comunque l'avevano scartata all'epoca.

    > Resta solo da vedere quanto i cinesi siano
    > motivati o se il discorso "5 anni" sia solo una
    > sparata mediatica.
    > Io sono convinto che di sicuro POSSONO, sul
    > VOLERE non lo so, ce lo dirà il futuro, come
    > detto all'inizio.

    Comunque oggi non ha più molto senso mandare uomini sulla Luna. E' già stato fatto (quindi nessuna novità) ma rimane molto pericoloso e costoso.
    Certo la determinazione della Cina negli ultimi tempi è impressionante.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacGeek
    []
    > In realtà non andarono DIRETTAMENTE sulla Luna.
    > Quella era l'opzione primaria pensata da Von
    > Braun ("direct ascent"), ma sarebbe servito un
    > missilone ancora ben più grosso del Saturn
    > V.
    Yap, o un missile a propulsione nucleare: i russi tuttavia avevano spiegato in modo eloquente che non si poteva fare ed in quei tempi far staccare da terra 5kg di U235 equivaleva scatenare la fine del mondo.

    > Il compromesso che trovarono (all'inizio
    > scartato) fu il 'randevouz lunare', con 2
    > navicelle, 1 che scendeva sulla Luna, l'altra che
    > restava in orbita.
    Tra parentesi: era pure l'ipotesi di un certo J Verne, se pure con le opportune differenze. In realta' in buon Verne arriva ad anticipare gli ammortizzatori inerziali di star trek, ma e' un'altra storia.


    > Questo gli consentì una
    > sostanziale riduzione della massa da spedire,
    > anche se all'inizio si pensava che tale randevouz
    > in orbita lunare fosse troppo complesso da
    > realizzare.
    Rendezvous.
    http://en.wikipedia.org/wiki/Space_rendezvous
    dai, non era difficile.

    > Era anche stato preso in considerazione un
    > randevouz in orbita terrestre e quello che tu
    > dici:
    Ti do atto che sei coerente.

    > inviare più missili in orbita terrestre con
    > varie parti e partire dall'orbita terrestre per
    > la Luna.
    C'e' un limite di efficienza.
    L'energia per spedire in orbita, se il campo gravitazionale fosse "costante" e' pari a:
    E=m*g*h
    in questa prima approssimazione l'energia sarebbe pari alla quota (in metri) moltiplicata per la massa e per la forza di gravita'.
    In realta' e' piu' complicato:
    E=mgh-mv^2
    g=M*m/(h+r)^2 * G
    dove r e' la distanza dal centro della terra nel punto di lancio, a questa quantita' di energia inoltre va tolta quella "presa in prestito" dalla velocita' angolare: piu' sei vicino all'equatore e meno energia ti serve per decollare (il termine mv^2 nella prima equazione).
    E dovrebbe essere ancora un pelino piu' complicata perché anche h varia nel tempo, comunque niente che non si possa fare con un buon foglio di calcolo.

    Quando sai quanta energia devi spendere ad ogni lancio(puo' essere solo superiore a quello indicato dal calcolo di cui sopra) e conosci l'energia che ti serve per costruire ogni missile che mandi in orbita, arrivi a scoprire esattamente di quanti missili hai bisogno per l'impresa.

    Il saturno V e' il "minimo sindacale", anche se costruirlo oggi richiederebbe meno massa e quindi meno energia e un vettore piu' piccolo.
    La stazione orbitale invece diventa utile quando hai anche altre cose da fare in orbita bassa oltre che mandare roba sulla luna.



    > In questo caso sarebbero sufficienti
    > missili più piccoli ma ne servirebbero di più.
    Vedi sopra: piu' aumentano i lanci e piu' energia sprechi a causa dell'entropia.

    > Certamente potrebbe essere un'ipotesi più
    > semplice (anche se magari con più rischi e più
    > dispendisiosa) per andare sulla Luna.
    Sicuramente non ci metti SOLO 5 anni per fare una stazione orbitale E una navicella per la luna (e ritorno).

    > Gli USA
    > comunque l'avevano scartata
    > all'epoca.
    Eccerto: avevano i russi che facevano propaganda.


    > Comunque oggi non ha più molto senso mandare
    > uomini sulla Luna.
    Non direi. Dipende per quale motivo torni lassu'.
    Se e' per fare propaganda hai ragione: e' gia' stato fatto.
    Se e' per restare... be', io un pensierino ce lo farei.

    [...]

    > Certo la determinazione della Cina negli ultimi
    > tempi è
    > impressionante.
    Sai che comodita' spedirci su i dissidenti?
    Scherzi a parte, se i cinesi vanno sulla luna non lo fanno solo per propaganda. Il 2017 e' vicino, vediamo (maya permettendo) che succede.

    GT
  • - Scritto da: Guybrush
    > Rendezvous.
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Space_rendezvous
    > dai, non era difficile.
    >
    > > Era anche stato preso in considerazione un
    > > randevouz in orbita terrestre e quello che tu
    > > dici:
    > Ti do atto che sei coerente.

    Ops. Il francese non è la mia lingua, sorry
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guybrush
    > - Scritto da: MacGeek
    > > Certamente potrebbe essere un'ipotesi più
    > > semplice (anche se magari con più rischi e più
    > > dispendisiosa) per andare sulla Luna.
    > Sicuramente non ci metti SOLO 5 anni per fare una
    > stazione orbitale E una navicella per la luna (e
    > ritorno).

    Il fattore tempo potrebbe essere il motivo per cui è stata scartata. Si erano dati tempi strettissimi (come detto 7 anni, che per un'impresa del genere sono davvero pochissimi).
    Ma non sono sicurissimo sulle ragioni. C'è da dire che le varie opzioni sono state sicuramente analizzate a fondo da gente con le super-palle, quindi se hanno alla fine scelto il RENDEZVOUS Con la lingua fuori lunare qualche buona ragione ce l'avranno avuta.
    non+autenticato
  • Mi limito al concetto dell'utilità dell'andare (tornare) sulla Luna: Elio-3; è un materiale, non presente sulla Terra, forse adatto come "combustibile" per le future centrali a fusione nucleare (http://it.wikipedia.org/wiki/Elio_3); è una tecnologia tutta da sviluppare (e da verificare, come da articolo in Wikipedia), ma, considerando che la Cina sta investendo in ricerche sia internazionali che interne nel settore, sviluppare vettori adatti ed eventualmente impiantare una base, da cui poi estrarre ed inviare materiali (tra cui l'Elio-3) a terra, può solo essere una buona idea; ogni utlile investimento per il futuro è l'ideale farlo quando ci sono i soldi e la Cina è adesso che ne ha e tanti...