Mauro Vecchio

Microsoft dice no ai dischi di recupero

Il distributore britannico Comet nel mirino legale del colosso di Redmond. Avrebbe prodotto e distribuito quasi 100mila CD "contraffatti"

Roma - A scatenare il fuoco legale sono stati gli avvocati di Microsoft, contro uno dei principali rivenditori nel mercato britannico dell'elettronica di consumo. I vertici di Comet sono stati accusati di aver realizzato e venduto più di 94mila dischi di recupero contenenti versioni contraffatte dei sistemi operativi Windows Vista e XP.

Stando ai dettagli della causa avviata da BigM, Comet avrebbe distribuito software non licenziato ai suoi clienti, al momento dell'acquisto di laptop e PC targati Windows. Nel mirino è finita una specifica sede di produzione situata nella contea britannica dell'Hampshire.

Le accuse sono però state rispedite al mittente, in un comunicato di risposta diramato dai responsabili di Comet. Secondo il retailer d'Albione, la produzione dei dischi di recupero non costituirebbe una violazione della proprietà intellettuale detenuta dal gigante di Redmond.
"Comet è fermamente convinta di aver agito nel miglior interesse dei suoi clienti", si legge nel comunicato del distributore. La distribuzione di Comet sarebbe avvenuta in seguito alle scelte operate dalla stessa Microsoft, che aveva interrotto la fornitura dei dischi di recupero legati ai suoi sistemi operativi.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessTutte le licenze della MelaDagli incartamenti della disfida brevettuale statunitense tra Apple e Samsung emergono retroscena sui rapporti tra le due aziende e sulle licenze sui brevetti di Cupertino
  • AttualitàADUC, fermato l'attacco a MicrosoftIl Tribunale di Milano ferma la class action per il rimborso delle licenze di Windows preinstallato sui PC. L'associazione è stata condannata al pagamento delle spese processuali. Il software sarebbe parte integrante dei PC
  • AttualitàRimborso Windows, ADUC vince anche in appelloL'associazione dei consumatori ottiene una nuova, importante vittoria nei confronti di HP: ora sarà costretta a riconoscere il rimborso richiesto dalla difesa. E all'orizzonte si staglia la class action
86 Commenti alla Notizia Microsoft dice no ai dischi di recupero
Ordina
  • ...una mia amica mi ha chiesto di rimetterle a posto
    il pc (un portatile hp trattato malissimo) a cui si è scassato l'hard disk.

    il codice seriale sull'etichetta era semi-illegibile, dopo vari tentativi (3 ore)…

    le ho installato Ubuntu (15 minuti)

    tiè!
    non+autenticato
  • E probabilmente neanche se ne accorgerà del cambiamento, tanto gli unici software che usa il 90% della gente sono: browser e skype.

    FYI: mia madre ha preso un nuovo portatile verso natale, ha provato Windows 7 e fa "non mi trovo, volevo solo vedere com'era prima di farti mettere Ubuntu"
    Wolf01
    3342
  • > il codice seriale sull'etichetta era
    > semi-illegibile, dopo vari tentativi (3
    > ore)…

    3 ore per leggere un'etichetta? Che sei? un macaco?

    >
    > le ho installato Ubuntu (15 minuti)

    ah scusa..un linaro, ecco.
    La tua amica avrebbe voluto tornare alla situazione di partenza, non ha mica chiesto di esser convertita...tsk...solite leggende metropolitane, tutta roba già vista.
  • una risposta senza senso era riferita a questo contenuto "Pensa un po' se la legge obbligasse a vendere auto senza motore, telefoni senza OS, stampanti senza cartucce, e via di questo passo...."
    non+autenticato
  • Se comprando un PC si comprasse "solo" il PC non sarebbe meglio?

    Il S.O. lo si sceglierebbe a parte e l'eventuale installazione sarebbe un servizio aggiuntivo. Chi ha voglia, conoscenza e tempo farebbe da solo, gli altri acquisterebbero il "valore aggiunto" con la possibilità di rivolgersi anche a fornitori diversi.

    In fondo prima che i PC divenissero dei prodotti da scaffale le cose andavano più o meno così.
  • Ma in realtà, oggi, se hai dei PC/notebook blank e proponi questo servizio come post-vendita ne vendi pochi. Molti comprano presi dall'impulso, e se passa l'impulso...addio!
    non+autenticato
  • Se la legge *proibisse* di vendere dei PC con un sistema operativo preinstallato (invece di imporre l'esatto contrario), la tua osservazione non avrebbe sensoSorride

    La mia era proprio una critica a questo status quo.
  • Pensa un po' se la legge obbligasse a vendere auto senza motore, telefoni senza OS, stampanti senza cartucce, e via di questo passo....
    non+autenticato
  • Complimenti per la dialettica, ma...

    qual e' il mestiere di un auto-mobile? spostarsi.
    qual e' il mestiere di un calcolatore? calcolare.

    se parli di auto senza motore, il parallelo e' calcolatore senza processore.

    Se comprando una macchina ti dessero la licenza per l'uso di un autista? E se l'autista fosse l'unico a conoscere certi aspetti dell'auto e non lasciasse volentieri sedere altri al posto di guida? E se obbedisse a te ma telefonasse al concessionario spiandoti? E tutto questo mentre potresti fare a meno dell'autista mettendoti al volante grazie a manuali distribuiti gratuitamente?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rover
    > Pensa un po' se la legge obbligasse a vendere
    > auto senza motore, telefoni senza OS, stampanti
    > senza cartucce, e via di questo
    > passo....

    Stai travisando (volutamente?) un'affermazione che voleva essere provocatoriaSorride

    E' chiaro che una legge che "proibisca" di vendere un PC con un OS preinstallato sarebbe una follia, ma non puoi ostinarti a dire che non sia follia pretendere che ci sia un OS installato per legge allora siamo qui a pettinare le bambole (cit.)
  • Guarda che ci sono anche i PC senza OS preinstallato.
    Bisogna cercarli, e non certo da MW, Comet, ecc.
    HP sono sicuro, ma penso anche altri
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rover
    > Guarda che ci sono anche i PC senza OS
    > preinstallato.
    > Bisogna cercarli, e non certo da MW, Comet, ecc.
    > HP sono sicuro, ma penso anche altri

    E' vero, ma non sono facilmente reperibili dall'utente "tipo". Diciamo che non sono i computer da scaffale.
  • In certi paesi li trovi con free DOS, poi sta all'utente decidere se scaricarsi win dal torrente o prenderlo alla bancarella del sottopassaggio stradale vicino al negozio (a meno che sia il primo pc)
    non+autenticato
  • Non c'è legge che obbliga o nega la vendita di PC con OS pre-installato.

    C'è stata però una scarsa incisività nel punire Microsoft quando ha taglieggiato e ricattato quei produttori che vendevano PC senza Windows pre-installato o con sistemi alternativi.
    Si è presa solo dei boffetti ed ha reiterato nel comportamento.

    Microsoft è arrivata al ridicolo di regalare software a quei commessi di centri commerciali che gli segnalavano marche e modelli di PC senza Windows o con sistemi alternativi, per poter andare da quei produttori e minacciarli di revocargli la vendita di licenze OEM o alzargliene il prezzo se continuava a proporre alternative.

    Non sono mie invenzioni ma gli atti dei processi in cui è stata più volte coinvolta Microsoft.
    iRoby
    9147
  • Nel tuo esempio hai un solo contratto giuridico: la vendita.
    Tu compri un bene fisico (auto) da un solo venditore (concessionario), anche se è fatto di più parti.

    Invece nel mondo dei pc tu compri un bene fisico (pc) e un bene immateriale (una licenza di uso di un software), la quale non può essere imposta dal produttore del pc, proprio perché egli è terzo rispetto al rapporto tra te e chi offre la licenza (microsoft).
    Qui hai 2 contratti differenti e siccome tu instauri il rapporto con due società differenti non ti può essere imposto l'accordo di licenza dal produttore del pc.

    Il tuo paragone non sussite .___.

    - Scritto da: Rover
    > Pensa un po' se la legge obbligasse a vendere
    > auto senza motore, telefoni senza OS, stampanti
    > senza cartucce, e via di questo
    > passo....
  • Le solite pratiche commerciali scorrette.
    Non so se sia più "scorretta" la come o la Microzozz.
    Insomma se si acquista un PC e si paga una licenza si ha il diritto di avere un disco di ripristino o pennetta USB per ripristinare il sistema con i relativi drivers come succedeva 10 anni fa.
    Se poi si vuol vendere assieme anche la spazzatura, la mettano pure su altri DVD, ma la spazzatura non va mischiata al sistema.
    Questo serve per l'utente normale che se deve formattare e ripristinare lo può fare anche senza essere esperto.
    E' inutile che qualcuno dica: "ma basta fare così e cosà", perchè l'utente inesperto all'inizio sa solo accendere l'interruttore e mettere un disco nel lettore, quindi il tutto deve essere predisposto senza tanti meccanismi inopportuni.
    Soluzione forse troppo semplice per chi vuol fare pratiche commerciali scorrette naturalmente.
  • Anche premere F11 al boot non mi sembra richieda particolare pratica. E se hai la fortuna che l'HDD è quello originale non devi neppure cercare di ricordarti dove hai messo quei maledetti DVD che quando servono non si tgrovano mai...
    Poi ci sono gli amici esperti che risolvono i problemi, pure gratis....
    non+autenticato
  • Se si rovina il disco non puoi più utilizzare la procedura di rispristino. Se poi acquisti un PC che non ha il masterizzatore, la procedura di creazione dei CD/DVD di ripristino risulta alquanto inutile (capitato con alcuni miei clienti, io posso arrangiarmi con un masterizzatore esterno ma un utente normale come fa?).
    Non ho mai capito per quale motivo non possano più dare i dischi assieme al PC, dato che il costo sarebbe molto basso.
    non+autenticato
  • A chi lo dici ... questa estate mi è capitato con il netbook e senza lettore dvd sono stato costretto a farvi la chiavetta usb di boot con il file di ripristino presente nel dvd.
    Comunque vedo naturale una fusione Microsoft-Apple giorno per giorno diventano sempre più simili, anche se per il reparto avvocatura terrei quello Apple A bocca aperta
    non+autenticato
  • Ufficio legale e design (anche se MS non fabbrica PC)
    non+autenticato
  • Bene, siccome non fabbrica PC, come mai obbliga tutti ad installare la sua roba in barba all'antitrust? Sarà forse perché insui padroni, in realtà, non si chiamano Gates & Ballmer, ma Goldman & Sachs (col 36% delle azioni in loro mani)?
    non+autenticato
  • Perchè, come qualche linaro ha ammesso più su, se vuoi un pc sballato e immediatamente fruibile, ci sono solo 2 possibilità: OSX e Windows. La prima è esclusa perchè Apple non vuole, e quindi...nessuno ti impedisce, invece che stare qui, trovarti con 4 amici e scrivere un OS.
    Per l'assetto proprietario:




    Analisi azionariato







    % di azioni possedute dagli insider e da azionisti oltre il 5%:

    10%



    % di azioni possedute da investitori istituzionali e da fondi comuni:

    66%



    % del flottante posseduto da investitori istituzionali e da fondi comuni:

    73%



    Numero di investitori istituzionali presenti nell'azionariato:

    1764






    Maggiori azionisti diretti (moduli 3 & 4)







    Portatore

    Azioni

    Segnalato



    GATES WILLIAM H III

    520.980.456

    14/nov/2011



    BALLMER STEVEN A

    333.252.990

    23/nov/2010



    MARQUARDT DAVID F

    1.184.612

    14/nov/2011



    SINOFSKY STEVEN J

    820.012

    08/nov/2011



    TURNER BRIAN KEVIN

    751.817

    24/ott/2011















    Maggiori investitori istituzionali







    Portatore

    Azioni

    % in uscita

    Valore*

    Segnalato



    VANGUARD GROUP, INC. (THE)

    301.111.558

    3,58

    7.494.666.678

    30/set/2011



    Capital Research Global Investors

    295.622.857

    3,51

    7.358.052.910

    30/set/2011



    STATE STREET CORPORATION

    285.878.781

    3,40

    7.115.522.859

    30/set/2011



    BlackRock Institutional Trust Company, N.A.

    185.305.765

    2,20

    4.612.260.490

    30/set/2011



    Invesco Ltd.

    146.535.641

    1,74

    3.647.272.104

    30/set/2011



    FMR LLC

    131.427.088

    1,56

    3.271.220.220

    30/set/2011



    WELLINGTON MANAGEMENT COMPANY, LLP

    113.871.549

    1,35

    2.834.262.854

    30/set/2011



    Capital World Investors

    112.761.100

    1,34

    2.806.623.779

    30/set/2011



    Bank of New York Mellon Corporation

    111.028.088

    1,32

    2.763.489.110

    30/set/2011



    JP MORGAN CHASE & COMPANY

    107.903.012

    1,28

    2.685.705.968

    30/set/2011






    Maggiori investitori fondi comuni







    Portatore

    Azioni

    % in uscita

    Valore*

    Segnalato



    VANGUARD TOTAL STOCK MARKET INDEX FUND

    87.851.719

    1,04

    2.186.629.285

    30/set/2011



    INVESTMENT COMPANY OF AMERICA

    82.948.800

    0,99

    2.064.595.632

    30/set/2011



    Powershares Exhg Traded Fd Tr-Powershares QQQ Tr, Series 1

    81.968.595

    0,97

    2.182.823.684

    31/ott/2011



    GROWTH FUND OF AMERICA INC

    79.070.100

    0,94

    1.968.054.789

    30/set/2011



    CAPITAL WORLD GROWTH AND INCOME FUND

    69.255.000

    0,82

    1.723.756.950

    30/set/2011



    VANGUARD 500 INDEX FUND

    66.532.665

    0,79

    1.655.998.031

    30/set/2011



    VANGUARD INSTITUTIONAL INDEX FUND-INSTITUTIONAL INDEX FD

    61.048.353

    0,73

    1.519.493.506

    30/set/2011



    SPDR S&P 500 ETF Trust

    57.451.104

    0,68

    1.529.922.899

    31/ott/2011



    COLLEGE RETIREMENT EQUITIES FUND-STOCK ACCOUNT

    37.622.629

    0,45

    936.427.235

    30/set/2011



    GMO Quality Fund

    36.524.300

    0,43

    971.546.380

    31/ago/2011


    Comunque il link è questo:
    http://it.finance.yahoo.com/q/mh?s=MSFT
    non+autenticato
  • Ma nei casi un cui non c'è il masterizzatore che te ne fai del DVD?
    Perchè non mi dirai che nel 2012 c'è ancora qualcuno che trova dei DVD solo lettore?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rover
    > Ma nei casi un cui non c'è il masterizzatore che
    > te ne fai del DVD?

    E' un porblema mio.
    Tu comincia a darmelo il DVD.

    > Perchè non mi dirai che nel 2012 c'è ancora
    > qualcuno che trova dei DVD solo
    > lettore?

    Io posso anche non avercelo proprio il lettore dvd, infatti il netbook non ce l'ha.

    Ma tu mi dai il disco di installazione su un supporto standard, e io con quello posso arrabattarmi in qualche modo: me lo faccio trasferire su chiavetta usb per esempio.
  • See,
    E' già qualcosa se ti danno F11 alòl'avvio per fare il ripristino di fabbrica. E poi che te ne fai del DVD, che è lento e insicuro?
    Hai forse comprato un PC o un'altra cosa?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rover
    > See,
    > E' già qualcosa se ti danno F11 alòl'avvio per
    > fare il ripristino di fabbrica. E poi che te ne
    > fai del DVD, che è lento e
    > insicuro?
    > Hai forse comprato un PC o un'altra cosa?

    Lento si, insicuro, avrei i miei dubbi.
    Sgabbio
    26177
  • Come da sbj. Non ci sono ragioni "reali" ma unicamente interessi commerciali ai danni dell'utente (che tra l'altro è quello che paga). Acquistando un PC con un OS preinstallato (e licenziato!) di DEVE ricevere anche il DVD di installazione (o in alternativa la possibilità di scaricare la ISO).

    Il resto sono solo centimetri affondati nel deretano dell'utente.
  • Evidentemenete non sei del ramo...
    Appena avviato il PC crei i DVD di ripristino.
    Lo so, ci sono anche cose che non vorremmo, ma nessuno ci impedisce poi di toglierle. Ma soprattutto ci sono (volenti o nolenti) le personalizzazioni di HP, o ACer, o Asus, o chi vuoi.
    Quindi si tratta di una versione modificata/integrata dell'OS.
    Quando acquisti un PC portatile con Linux, cosa ti danno per il ripristino?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rover
    >
    > Quando acquisti un PC portatile con Linux, cosa
    > ti danno per il
    > ripristino?

    Il cd per la riinstallazione o in alternativa la penna USB con l'immagine o in alternativa la iso la puoi scaricare dal sito del produttore della distro.

    Con Windows questo non avviene più purtroppo... E chi ha la licenza valida ma non i dischi deve passare per forza dai dischi di parenti o amici se non da quelli scaricati (e spesso conditi di virus) anche se la licenza è già pagata...
  • - Scritto da: AtariLover
    > - Scritto da: Rover
    > >
    > > Quando acquisti un PC portatile con Linux,
    > cosa
    > > ti danno per il
    > > ripristino?
    >
    > Il cd per la riinstallazione o in alternativa la
    > penna USB con l'immagine o in alternativa la iso
    > la puoi scaricare dal sito del produttore della
    > distro.
    >
    > Con Windows questo non avviene più purtroppo... E
    > chi ha la licenza valida ma non i dischi deve
    > passare per forza dai dischi di parenti o amici
    > se non da quelli scaricati (e spesso conditi di
    > virus) anche se la licenza è già
    > pagata...

    Ti dirò, la maggiornaza delle ISO di 7 che girano sul web, sono "vanilla" ovvero senza crack di sorta e sopratutto, sono iso che provengono dai vari servizi di microsoft per gli sviluppatori.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    >
    > Ti dirò, la maggiornaza delle ISO di 7 che girano
    > sul web, sono "vanilla" ovvero senza crack di
    > sorta e sopratutto, sono iso che provengono dai
    > vari servizi di microsoft per gli
    > sviluppatori.

    Guarda, ci credo anche che sia così (non ho più un pc con windows dal 2006) ma in ogni caso visto che quello che vende microsoft è la licenza, cioè il seriale attaccato SOTTO o sul pc, perché non permette ai produttori di dare in giro anche il cd di windows pulito? sarebbe comodo sia per chi lo sappia usare sia per gli altri perché si evita il rischio alla radice.
  • Infatti! Io per esempio ho una licenza di 7 pro 64bit, non sapendo fare la iso co sp1 integrata, ho scaricato una iso co sp1 da internet da microsoft per vie traverse (ovviamente ho testato la iso su virtual box). Se hai il serial origianale, il problema non si pone.

    Ma microsoft specula...
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Rover
    > Evidentemenete non sei del ramo...
    > Appena avviato il PC crei i DVD di ripristino.
    > Lo so, ci sono anche cose che non vorremmo,

    Il supporto di ripristino del mio notebook sarebbe un mattone di 20 GB splittato in 5 dvd. Windows 7 occupa circa 2 GB e mezzo. Quindi dentro ci sono anche oltre 17 GB di spazzatura (perché se togli qualche centinaio di MB di driver, il resto è spazzatura).

    Ammiro molto chi prepara i pacchetti software dei pc. Perché io, per quanto possa sbizzarrirmi, difficilmente riuscirei a mettere insieme così tante inutility.

    > Ma nessuno ci impedisce poi di toglierle.

    Infatti, la procedura più semplice ed efficace è un formattone totale senza nemmeno fare il primo avvio, seguito dall'installazione pulita della RTM di windows (per chi usa windows).

    > soprattutto ci sono (volenti o nolenti) le
    > personalizzazioni di HP, o ACer, o Asus, o chi
    > vuoi.
    > Quindi si tratta di una versione
    > modificata/integrata
    > dell'OS.

    Io la definisco "riempita di spazzatura", ma penso che il concetto sia lo stesso.
  • - Scritto da: Rover
    > Evidentemenete non sei del ramo...
    > Appena avviato il PC crei i DVD di ripristino.

    I DVD di pristino sono una porcata: non fanno altro che ripristinare (appunto...) un'immagine di OS talmente pieno di bloatware da risultare inutilizzabile (parlo delle preinstallazioni di windows, ovviamente).

    Quello che volevo significare è che, comprando il SO insieme al PC si dovrebbe pretendere il DVD di installazione "vanilla".

    ...ed è proprio perché sono del ramo che lo pretendo! Chiaro che l'utente consumer non saprebbe cosa farsene allo stesso modo di come non sa come creare i DVD di ripristino. Inoltre ormai è tendenza comune quella di creare una partizione di ripristino, altro che DVD!!

    > Lo so, ci sono anche cose che non vorremmo, ma
    > nessuno ci impedisce poi di toglierle. Ma
    > soprattutto ci sono (volenti o nolenti) le
    > personalizzazioni di HP, o ACer, o Asus, o chi
    > vuoi.
    > Quindi si tratta di una versione
    > modificata/integrata
    > dell'OS.

    Una versione "deturpata" dell'OS. Non modificata. Il SO è quello, solo che vengono dati in "dotazione" una marea di programmi spesso inutili e/o incompatibili che quasi sempre finiscono con il rovinare l'esperienza d'uso.

    > Quando acquisti un PC portatile con Linux, cosa
    > ti danno per il
    > ripristino?

    Infatti posso scaricare l'ISO.
  • Beh, in ogni caso il seriale sotto il portatile o a lato del case lo devi avere, ed è un proprio diritto l'esigere di avere il disco di installazione del sistema operativo, quindi visto che il disco senza licenza non vale niente, e la licenza la si ha ma il disco no, non vedo cosa si debba rischiare scaricandosi la iso di Windows come si fa per LinuxA bocca aperta
    Wolf01
    3342
  • Questa discussione sta prendendo la solita piega senza senso.
    La soluzione che io uso, anche per amici, ecc..., è di avviare il PC nuovo, di togliere tutte le schifezze preinstallate, di aggiornare il SO (l'antivirus l'ho già messo e aggionato prima).
    A questo punto faccio un'immagine su DVD nel caso che ci sia necessità di riportare il PC al punto di partenza.
    D'altronde, contrattualmente, noi non acquistiamo un PC + Windows, ma un pC con Windows preinstallato. Anche i dischi di ripristino di 10 anni fa erano di SO personalizzati e che funzionavano solo su quel modello.
    E' evidente che se prendo un Win OEM e lo attivo son i dati dello sticker sul PC, è tutto OK.
    Ciò mi fa pensare che Comet non abbia fatto dei dischi di ripristino, ma abbia fatto 90.000 copoie di Win OE. E in questo caso la vedo difficile per Comet.
    non+autenticato
  • E da xp che Microsoft gradualmente non ti faceva dare il disco con il sistema operativo!
    Per farti un esempio reale: nel 2002, mi regalarono un portatile delle medeon ( p4...), era dotato di vari cd, tra cui la suite staroffice, il disco di ripristino dell'immagine un default del sistema e infine il cd d'installazione di xp sp1 oem. Provai il cd di recente su macchina virtuale ed era un sistema pulito senza scazzi...
    Sgabbio
    26177
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)