Claudio Tamburrino

Google, ostruzione coreana

Rischio di multa per Mountain View: avrebbe messo i bastoni tra le ruote di un'indagine delle autoritÓ di Seul

Roma - La commissione coreana che si occupa di competizione (KFTC) ha accusato Google di aver interferito con le indagini con al centro le accuse che la coinvolgevano per comportamenti anticoncorrenziali nel settore del search.

L'indagine originale era scaturita dall'accusa delle due aziende che dominano il mercato locale della ricerca online, NHN Corp e Daum Communication Corp: secondo loro Google avrebbe impedito ai produttori di smartphone sudcoreani che hanno scelto Android di includere nei loro dispositivi le applicazioni di ricerca concorrenti di Google, arrivando a ritardare quelli colti in "violazione delle condizioni contrattuali".

KFTC aveva accettato di approfondire questa tesi e aperto un'indagine sulla questione. Tuttavia questa sarebbe stata ostacolata da Mountain View che avrebbe cancellato file dai computer e fatto lavorare i suoi impiegati da casa invece che dai suoi uffici di Seul, sotto sorveglianza da parte delle autorità.
Per questi comportamenti conseguenti all'accusa originale, dunque, Google rischia una multa pari a circa 130mila euro (il massimo che può infliggere l'authority coreana).

Mountain View non ha ancora commentato questa eventualità, limitandosi a sottolineare l'impegno a collaborare con le autorità.

Nel frattempo, peraltro, Google, che in Corea del Sud ha avuto problemi anche per i suoi servizi di geolocalizzazione, sembra aver raggiunto un accordo di collaborazione con l'autorità coreana che si occupa di telecomunicazioni, con lo scopo di "supportare le imprese Internet del paese".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate