Le JavaCard intelligenti di Motorola

L'azienda lavora da parecchio sul nuovo gioiellino che, dice, è la prima card a 32 bit a supportare le specifiche JavaCard 2.1. Potrà essere utilizzata pressocché per tutto. Si chiama M-Smart

New York (USA) - Ci sta lavorando da molto e ora l'ha annunciata. Motorola ha presentato nelle scorse ore la sua M-Smart Jupiter, piattaforma pensata per le card a 32 bit che supportano le specifiche JavaCard 2.1. Secondo Motorola, le sue card intelligenti sono le prime del genere.

Da quanto si apprende, la sperimentazione delle card avviene ora presso una università americana dove è utilizzata dagli studenti per l'identificazione di accesso agli edifici del campus, per l'accesso ai servizi internet e per il pagamento dei tragitti nel sistema di trasporto pubblico.

Stando a Motorola, la card utilizza un processore ARM7, si basa sulle specifiche JavaCard e sfrutta anche le API di Visa Platform 2.0. La versione attuale della card (ma le sue prestazioni verranno presto raddoppiate) sfrutta anche una memoria EEPROM di 16K, con 3K di RAM e 48K di ROM.
Al lancio della card, Motorola ha aggiunto anche quello dei suoi tool JADE (Java Application Development Environment) dedicati agli sviluppatori per la creazione e il collaudo di applicazioni smart card.
TAG: mercato