Luca Annunziata

Megaupload, megasequestro

Arrestato il fondatore assieme ai suoi soci. Il mandato parte dagli USA e arriva in Nuova Zelanda. Chiuso il sito. Milioni di dollari sequestrati. Scatta la rappresaglia di Anonymous e la protesta di EFF

Megaupload, megasequestroRoma - Nella notte italiana, all'alba agli antipodi, Dotcom (già Kim Schmitz, personaggio elusivo e in passato in odore di truffe con lo pseudonimo hacker kimble) e tre suoi soci sono stati arrestati dalla polizia della Nuova Zelanda in seguito a un mandato di cattura spiccato in Virginia (USA). Dotcom è il fondatore di Mega, la catena di siti dedicati al file sharing che comprende Megaupload, Megavideo, Megaporno e altri più piccoli siti satellite. Mega è la più rappresentativa realtà dei cosiddetti cyberlocker, ovvero la nuova frontiera della condivisione dei contenuti su Internet: niente più P2P, niente eMule o BitTorrent, bensì siti Web dove trovare il materiale, scaricarlo o visionarlo in streaming. I siti del circuito Mega sono offline da questa notte.

Nell'ambito dell'operazione sarebbero state eseguite 20 perquisizione sul suolo degli Stati Uniti e 8 all'estero. 50 milioni di dollari in beni sarebbero stati sequestrati. Gli inquirenti hanno anche messo le mani su un numero imprecisato di server e bloccato 18 domini facenti capo a Mega. Secondo le accuse, il 37enne Dotcom avrebbe guadagnato non meno di 175 milioni di dollari dalle sue attività definite illecite: le cifre snocciolate dall'FBI parlano di 150 milioni di utenti iscritti ai servizi Mega, che comprendevano video in streaming e "armadietti digitali" per lo scambio di film, musica e materiale pornografico, con un traffico giornaliero di circa 50 milioni di utenti.

Secondo quanto si apprende dalle agenzie, in totale sarebbero 7 gli individui coinvolti nell'operazione portata avanti dagli inquirenti statunitensi: 3 di questi mancherebbero all'appello, mentre gli altri quattro (tra cui appunto Dotcom), sono stati rintracciati ad Auckland in Nuova Zelanda e condotti davanti a un giudice per la prima udienza di convalida dell'arresto. A Dotcom e compagni, stando a quanto riportato, sono stati anche sequestrati circa 8 milioni di dollari in contanti (posti immediatamente in un fondo a garanzia del procedimento), più un paio di fucili e un numero consistente di automobili di lusso e opere d'arte il cui valore complessivo si aggirerebbe attorno ai 5 milioni di dollari.
Nonostante i fermi siano stati effettuati e convalidati (in tribunale Dotcom ha detto al giudice che "non abbiamo nulla da nascondere", accettando di essere ripreso e fotografato dai media durante l'udienza), e si attenda per lunedì l'avvio delle pratiche di estradizione negli USA, la vicenda legale si preannuncia complessa. Dotcom (il cui vero nome è Kim Schmitz, già anche Kim Tim Jim Vestor, ma che ha ottenuto legalmente di cambiare le sue generalità con il suffisso dei domini commerciali), cittadino con passaporto tedesco e finlandese, con residenza a Hong Kong e Nuova Zelanda, è infatti accusato di un reato nella giurisdizione degli Stati Uniti per via di alcuni server affittati che si troverebbero sul suolo americano. Assieme a lui sono stati fermati due altri cittadini tedeschi e uno con passaporto olandese, mentre restano ricercati un tedesco, uno slovacco e un estone.

Ufficialmente, le attività di Mega hanno base a Hong Kong. Il procedimento statunitense, come detto, ha invece avuto origine in Virginia: secondo la ricostruzione effettuata dagli inquirenti, alcuni server localizzati ad Ashburn sarebbero stati noleggiati per sostenere le attività di file sharing, da qui la ricaduta sotto la giurisdizione USA del procedimento. Le accuse mosse a Dotcom e compagni sono di violazione del copyright, riciclaggio e associazione a delinquere (nella variante della legge statunitense si parla di "racketeering"): attraverso la promozione di ricompense per gli utenti che avessero messo a disposizione materiale o per le aziende che avessero accettato di ospitare i file, e la vendita di abbonamenti al servizio per garantire ai navigatori download più veloci, gli accusati avrebbero dunque tratto profitto da attività ritenute illecite. Nel complesso, le pene previste per i reati contestati potrebbero condurre a una condanna fino a 50 anni di carcere, più eventuali risarcimenti pecuniari.

Uno dei legali di Mega, Ira P. Rothken, intervistato dal New York Times ha rigettato ogni accusa: "Megaupload ritiene che il governo abbia sbagliato nell'interpretare i fatti e la legge". Stando a quanto sostenuto dall'FBI nel comunicato stampa che illustra la vicenda, a nulla però servirebbero le argomentazioni di Mega secondo cui la mancata messa a disposizione di un motore di ricerca interno per il materiale dimostrerebbe la buona fede dei creatori del servizio: vere e proprie "strategie di marketing" sarebbero state messe in atto per promuovere altrove l'indicizzazione e la diffusione dei link al materiale ritenuto illegale ospitato dai server degli accusati. Inoltre, tra le carte del procedimento figurerebbero molteplici scambi epistolari tra gli imputati che dimostrerebbero l'assoluta consapevolezza della presenza di materiale protetto da copyright a disposizione attraverso i propri servizi.

Dotcom non risulta al momento il CEO, ovvero l'amministratore delegato di Mega: questo ruolo, un tempo suo, sarebbe oggi occupato da Swizz Beatz, musicista di origine portoricana (quindi cittadino USA), meglio noto come il marito della più famosa cantante Alicia Keys. A quanto si apprende, Beatz (all'anagrafe Kasseem Dean) non risulta al momento coinvolto a nessun titolo nell'inchiesta e non ha rilasciato dichiarazioni. Ma la sua figura e il suo ruolo nell'attività di Mega è emblematico della complessa questione che riguarda il sito e il movimento dei cyberlocker: Beatz è un musicista e un produttore, e non è l'unico nel mondo della musica a non aver snobbato le capacità e la portata dei servizi di Mega. Nelle scorse settimane le polemiche si erano accese attorno a un controverso video di sostegno e pubblicità a Megaupload che vedeva coinvolte star di primo piano del panorama USA, poi rimosso dalle pagine di YouTube in seguito a un ricorso (anch'esso controverso) presentato da Universal Music Group.

Al contrario di quanto visto nella vicenda The Pirate Bay, inoltre, Dotcom e Mega non hanno mai escluso la collaborazione con l'industria dei contenuti. Piuttosto, almeno a parole, hanno sempre dichiarato la propria disponibilità a discutere con major e studios per trovare una nuova strada di distribuzione e monetizzazione alla luce delle novità nelle abitudini e nei gusti dei consumatori. Appelli fin qui mai raccolti: le posizioni sono rimaste molto distanti, con Mega a sostenere la assoluta legittimità del proprio operato, e l'industria ad annunciare milioni, centinaia di milioni di mancati introiti derivanti dal file sharing incontrollato di materiale protetto attraverso i siti del circuito "pirata". Dotcom e soci, forse con una non troppo celata ironia, avevano sempre ribadito la propria disponibilità a dialogare: "Abbiamo delle buone idee (...) Se l'industria dei contenuti vuole approfittare della nostra popolarità, ci faccia un colpo di telefono".

Fin qui i fatti della Nuova Zelanda. Le prime reazioni arrivano invece dagli USA: pochi minuti dopo la pubblicazione della notizia, il collettivo hacktivista Anonymous ha subito iniziato un'offensiva DDoS all'indirizzo dei siti del Dipartimento di Giustizia USA (DoJ), FBI, Universal, BMI (l'associazione delle etichette discografiche), RIAA e MPAA (le associazioni dei produttori musicali e cinematografici statunitensi), causando l'effettiva indisponibilità dei rispettivi servizi per diverse ore. Un presunto portavoce avrebbe rivendicato l'attacco, confermato anche dall'FBI che starebbe svolgendo indagini al riguardo.

Più pacato, ma non meno deciso, l'approccio di Electronic Frontier Foundation (EFF): "(L'arresto, ndr) è un terribile precedente. Se gli Stati Uniti hanno il potere di fermare un cittadino olandese in Nuova Zelanda sulla base di una presunta violazione del copyright, cosa ci aspetta?".

Il procedimento legale era partito lo scorso 5 gennaio con il deposito presso la Corte Distrettuale Est della Virginia delle carte con cui le autorità federali accusano Dotcom e i suoi soci, ma è rimasto segreto fino all'esecuzione dell'operazione di perquisizione e agli arresti di ieri. Poco prima di finire offline, su Megaupload era stato anche pubblicato un comunicato di sostegno alla protesta contro i progetti di legge SOPA e PIPA: nel testo si definiva le accuse di violazione del copyright rivolte a Mega "grottescamente eccessive", ribadendo che la maggioranza del traffico sui servizi Mega sarebbe stata "legittima".

L'operazione sarebbe la più imponente mai messa in atto negli USA per il contrasto alla pirateria. Non risulta alcuna indagine portata avanti nei confronti degli utenti dei servizi: gli inquirenti si sarebbero concentrati unicamente sulle attività dei gestori del circuito Mega.

Luca Annunziata
617 Commenti alla Notizia Megaupload, megasequestro
Ordina
  • E' giusto che si fruisca di contenuti senza pagare?

    Io dico di no!

    Ci sono film e altri contenuti che sono pensati solo per il mercato DOMESTICO, che al cinema manco ci passano!!

    Non sarebbe più corretto dire che dopo 18 mesi qualunque contenuto può diventare di pubblica distribuzione ?? Si limita il diritto di esclusiva nello sfruttamento commerciale a qualcosa di plausibile (5 anni?) e poi diventa pubblico.

    Oppure credete che sia corretto pretendere di avere tutto fruibile subito e senza pagare ???


    Basta con la pirateria !!!!
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > E' giusto che si fruisca di contenuti senza
    > pagare?
    > Io dico di no!

    Anche fosse, ma si dice sopra che questi si sono fatti un sacco di soldi no ? Se le mayor vogliono quei soldi che offrano un servizio equivalente.

    > Ci sono film e altri contenuti che sono pensati
    > solo per il mercato DOMESTICO, che al cinema
    > manco ci passano!!

    Che possono essere acquistati via streaminga a pagamento come su megaupload ? Ben venga, la dimostrazione che la gente e' disposta a pagare una piccola cifra mi sembra ci sia stata.

    > Non sarebbe più corretto dire che dopo 18 mesi
    > qualunque contenuto può diventare di pubblica
    > distribuzione ?? Si limita il diritto di
    > esclusiva nello sfruttamento commerciale a
    > qualcosa di plausibile (5 anni?) e poi diventa
    > pubblico.

    Anche cosi' andrebbe benissimo.

    > Oppure credete che sia corretto pretendere di
    > avere tutto fruibile subito e senza pagare ???

    Guarda che la gente va al cinema e paga, usa(va) megavideo pagando, se il servizio e' buono ed il prezzo ritenuto equo dal pubblito funziona e' evidente.

    > Basta con la pirateria !!!!

    E basta con i lucchetti ai consumatori per mantenere artificialmente i prezzi alti.
    krane
    22534
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Basta Pirateria
    > > E' giusto che si fruisca di contenuti senza
    > > pagare?
    > > Io dico di no!
    >
    > Anche fosse, ma si dice sopra che questi si sono
    > fatti un sacco di soldi no ? Se le mayor vogliono
    > quei soldi che offrano un servizio
    > equivalente.

    Una roba alla itunes dici?
    (non sto scherzando).

    Sicuramente si. Ma finchè non lo fanno la risposta giusta è NON comprare, di sicuro non è scaricando materiale protetto, che in questo modo si offre il fianco ad attacchi di ogni tipo.

    >
    > > Ci sono film e altri contenuti che sono
    > pensati
    > > solo per il mercato DOMESTICO, che al cinema
    > > manco ci passano!!
    >
    > Che possono essere acquistati via streaminga a
    > pagamento come su megaupload ? Ben venga, la
    > dimostrazione che la gente e' disposta a pagare
    > una piccola cifra mi sembra ci sia
    > stata.

    Si e no. Parecchie voci dicono "tutto gratis! sono capace da solo di fare ctrl-c e ctrl-v".

    >
    > > Non sarebbe più corretto dire che dopo 18
    > mesi
    > > qualunque contenuto può diventare di pubblica
    > > distribuzione ?? Si limita il diritto di
    > > esclusiva nello sfruttamento commerciale a
    > > qualcosa di plausibile (5 anni?) e poi
    > diventa
    > > pubblico.
    >
    > Anche cosi' andrebbe benissimo.
    >
    > > Oppure credete che sia corretto pretendere di
    > > avere tutto fruibile subito e senza pagare
    > ???
    >
    > Guarda che la gente va al cinema e paga, usa(va)
    > megavideo pagando, se il servizio e' buono ed il
    > prezzo ritenuto equo dal pubblito funziona e'
    > evidente.
    >
    > > Basta con la pirateria !!!!
    >
    > E basta con i lucchetti ai consumatori per
    > mantenere artificialmente i prezzi
    > alti.

    Quoto!! Ma finchè c'è gente che si scarica "vacanze di natale" non lo capiranno mai.


    Basta con la pirateria !!!!
  • - Scritto da: Basta Pirateria

    > Quoto!! Ma finchè c'è gente che si scarica
    > "vacanze di natale" non lo capiranno
    > mai.

    Ecco vedi che andiamo d'accordo?
    Io chi si scarica "vacanze di natale" lo fucilerei sul posto.
  • - Scritto da: Il Gargilli
    > Scusate, volevo postare questo:
    >
    > http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Vacanze_di_Nat

    Anche il primo non era maleA bocca aperta
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Basta Pirateria
    > > > E' giusto che si fruisca di
    > > > contenuti senza > pagare?
    > > > Io dico di no!

    > > Anche fosse, ma si dice sopra che
    > > questi si sono fatti un sacco di soldi
    > > no ? Se le mayor vogliono quei soldi
    > > che offrano un servizio equivalente.

    > Una roba alla itunes dici?
    > (non sto scherzando).

    Esattamente: per questo pero' servono linee veloci alla popolazione, sull'italia che favorisce il digitale terrestre quando tutto potrebbe andare online calerei un pietoso velo di cemento armato...

    > Sicuramente si. Ma finchè non lo fanno la
    > risposta giusta è NON comprare, di sicuro
    > non è scaricando materiale protetto, che
    > in questo modo si offre il fianco ad
    > attacchi di ogni tipo.

    Ma non e' possibile dimostrare che non si scarica, ipotizza che da domani nessuno scarichi, basterebbe che le mayor si mettessero a fare traffico per continuare ad accusare di "scaricamento selvaggio"...

    > > > Ci sono film e altri contenuti che
    > > > sono pensati solo per il mercato DOMESTICO,
    > > > che al cinema manco ci passano!!

    > > Che possono essere acquistati via
    > > streaming a pagamento come su
    > > megaupload ? Ben venga, la dimostrazione
    > > che la gente e' disposta a pagare
    > > una piccola cifra mi sembra ci sia
    > > stata.

    > Si e no. Parecchie voci dicono "tutto
    > gratis! sono capace da solo di fare ctrl-c e
    > ctrl-v".

    Ma poi la realta' dei fatti e' che megavideo quanti user a pagamento aveva per il servizio di guardare in streaming ?
    La risposta a questa domanda sarebbe gia' un interessante indicatore.

    > > > Non sarebbe più corretto dire che
    > > > dopo 18 mesi qualunque contenuto può
    > > > diventare di pubblica distribuzione ??
    > > > Si limita il diritto di esclusiva nello
    > > > sfruttamento commerciale a qualcosa di
    > > > plausibile (5 anni?) e poi diventa
    > > > pubblico.
    > > Anche cosi' andrebbe benissimo.

    > > > Oppure credete che sia corretto
    > > > pretendere di avere tutto fruibile
    > > > subito e senza pagare ???

    > > Guarda che la gente va al cinema e
    > > paga, usa(va) megavideo pagando, se il
    > > servizio e' buono ed il prezzo ritenuto
    > > equo dal pubblito funziona e' evidente.

    > > > Basta con la pirateria !!!!

    > > E basta con i lucchetti ai consumatori per
    > > mantenere artificialmente i prezzi
    > > alti.

    > Quoto!! Ma finchè c'è gente che si
    > scarica "vacanze di natale" non lo
    > capiranno mai.

    E come fai a dire che lo scaricano veramente e chi ??
    Se fossero le stesse mayor a fare rumore ?

    > Basta con la pirateria !!!!
    krane
    22534
  • - Scritto da: krane
    [...]
    > > Sicuramente si. Ma finchè non lo fanno la
    > > risposta giusta è NON comprare, di sicuro
    > > non è scaricando materiale protetto, che
    > > in questo modo si offre il fianco ad
    > > attacchi di ogni tipo.
    >
    > Ma non e' possibile dimostrare che non si
    > scarica, ipotizza che da domani nessuno scarichi,
    > basterebbe che le mayor si mettessero a fare
    > traffico per continuare ad accusare di
    > "scaricamento
    > selvaggio"...

    Questa è fantapolitica, lo sai vero ?

    >
    > > > > Ci sono film e altri contenuti che
    > > > > sono pensati solo per il mercato
    > DOMESTICO,
    >
    > > > > che al cinema manco ci passano!!
    >
    > > > Che possono essere acquistati via
    > > > streaming a pagamento come su
    > > > megaupload ? Ben venga, la
    > dimostrazione
    >
    > > > che la gente e' disposta a pagare
    > > > una piccola cifra mi sembra ci sia
    > > > stata.
    >
    > > Si e no. Parecchie voci dicono "tutto
    > > gratis! sono capace da solo di fare ctrl-c e
    > > ctrl-v".
    >
    > Ma poi la realta' dei fatti e' che megavideo
    > quanti user a pagamento aveva per il servizio di
    > guardare in streaming
    > ?
    > La risposta a questa domanda sarebbe gia' un
    > interessante
    > indicatore.

    Vuoi negare che fosse di pubblico dominio che per cercare un film protetto da copyright si potesse andare bellamente su MegaEtc. ?

    Prova a cercare "sherlock holmes streaming megaupload" e vedi quanti link trovi...

    >
    > > > > Non sarebbe più corretto dire che
    > > > > dopo 18 mesi qualunque contenuto
    > può
    >
    > > > > diventare di pubblica
    > distribuzione ??
    >
    > > > > Si limita il diritto di esclusiva
    > nello
    >
    > > > > sfruttamento commerciale a
    > qualcosa di
    >
    > > > > plausibile (5 anni?) e poi diventa
    > > > > pubblico.
    > > > Anche cosi' andrebbe benissimo.
    >
    > > > > Oppure credete che sia corretto
    > > > > pretendere di avere tutto fruibile
    > > > > subito e senza pagare ???
    >
    > > > Guarda che la gente va al cinema e
    > > > paga, usa(va) megavideo pagando, se il
    > > > servizio e' buono ed il prezzo ritenuto
    > > > equo dal pubblito funziona e' evidente.
    >
    > > > > Basta con la pirateria !!!!
    >
    > > > E basta con i lucchetti ai consumatori
    > per
    > > > mantenere artificialmente i prezzi
    > > > alti.
    >
    > > Quoto!! Ma finchè c'è gente che si
    > > scarica "vacanze di natale" non lo
    > > capiranno mai.
    >
    > E come fai a dire che lo scaricano veramente e
    > chi
    > ??
    > Se fossero le stesse mayor a fare rumore ?

    Come fai ad essere sicuro di tutto il resto allora ?
    Qui finiamo a parlare di filosofia....

    >
    > > Basta con la pirateria !!!!

    Esatto!!! Basta con la pirateria !!!!
  • - Scritto da: Basta Pirateria
    > - Scritto da: krane
    > >
    > > > Basta con la pirateria !!!!
    >
    > Esatto!!! Basta con la pirateria !!!!

    Rispondi ai quote di chi ti quota? Sorpresa
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 gennaio 2012 15.56
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: sbrotfl
    > - Scritto da: Basta Pirateria
    > > - Scritto da: krane
    > > >
    > > > > Basta con la pirateria !!!!
    > >
    > > Esatto!!! Basta con la pirateria !!!!
    >
    > Rispondi ai quote di chi ti quota? Sorpresa
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 20 gennaio 2012 15.56
    > --------------------------------------------------

    http://it.wikipedia.org/wiki/Umorismo


    Ah, e, chiaramente: Basta con la pirateria !!!!
  • Ed ora questi signori che hanno incassato 175milioni di dollari indebitamante restituiscano questi soldi a chi ha perso il lavoro a causa della loro libertà della rete (libertà di rubare)..
    non+autenticato
  • trollata scarsa...
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Mauro
    > Ed ora questi signori che hanno incassato
    > 175milioni di dollari indebitamante restituiscano
    > questi soldi a chi ha perso il lavoro a causa
    > della loro libertà della rete (libertà di
    > rubare)..

    Quanti soldi mi fregano sulle tasse.. e pure nessuno dice nulla
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lollo
    > - Scritto da: Mauro
    > > Ed ora questi signori che hanno incassato
    > > 175milioni di dollari indebitamante
    > restituiscano
    > > questi soldi a chi ha perso il lavoro a causa
    > > della loro libertà della rete (libertà di
    > > rubare)..
    >
    > Quanti soldi mi fregano sulle tasse.. e pure
    > nessuno dice
    > nulla

    Vero ...se dovessero restituire i soldi sprecati delle tasse che paghiamo i politici avrebbero debiti per due o tre generazioni come minimo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mauro
    > Ed ora questi signori che hanno incassato
    > 175milioni di dollari indebitamante restituiscano
    > questi soldi a chi ha perso il lavoro a causa
    > della loro libertà della rete (libertà di
    > rubare)..

    E' ora che i videotecari mi rimborsino per avermi fatto pagare quello che potevo ottenere gratis!
  • Il lavoro lo avete perso perchè siete degli scellerati!! Chi sano di mente aprirebbe una videoteca in un mercato che perde clienti da anni? Vogliamo parlare del progresso tecnologico che vi ha reso obsoleti? O di tanti altri fattori.

    Inutile fare piagnistei, trovatevi un vero lavoro! Tanto voi state all'ultimo gradino, prima ci sono molte altre categorie svantaggiate degne d'aiuto, presto verrete dimenticati, da tutti.
    non+autenticato
  • Questo e' fascismo allo stato puro! Non siamo obbligati ad accettare tutto questo. Mobilitiamoci tutti - facciamoci sentire in rete e anche al di fuori della rete!
    Un esempio? Boicottiamo in massa i cinema e le videoteche. Allora capiranno che sono le masse a dettare le regole e non alcuni comitati d'affari!
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo italiano
    > Questo e' fascismo allo stato puro! Non siamo
    > obbligati ad accettare tutto questo.
    > Mobilitiamoci tutti - facciamoci sentire in rete
    > e anche al di fuori della
    > rete!
    > Un esempio? Boicottiamo in massa i cinema e le
    > videoteche. Allora capiranno che sono le masse a
    > dettare le regole e non alcuni comitati
    > d'affari!

    concordo!!!! IO li sto gia' boicottando... al cinema non ci vado (e prima ci andavo) cd non ne compro ( e prima li compravo) e dvd non ne compro..
    non+autenticato
  • Sono daccordo, bisogna boicottare sti parassiti. Smettere di comprare cd, dvd, bluray, cinema.

    Nella mia città le videoteche da decine si sono ridotte a due o tre (self service), i cinema hanno chiuso tutti (3 o 4) a parte uno in cui non va nessuno!

    È finita la pacchia cari parassiti!
    non+autenticato
  • E' vero. Questa persona (con i suoi soci) si è arricchita in maniera sproporzionata. L'hanno arrestata. Adesso? Hanno risolto qualcosa? Assolutamente No. Sapete cosa mi ricorda questa vicenda?

    NAPSTER.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giuseppe R

    > E' vero. Questa persona (con i suoi soci) si è
    > arricchita in maniera sproporzionata. L'hanno
    > arrestata. Adesso? Hanno risolto qualcosa?
    > Assolutamente No. Sapete cosa mi ricorda questa
    > vicenda?
    >
    > NAPSTER.

    Pure a me. Invece di un unico MegaUpload, ne avranno una miriadeSorride
    FDG
    10395
  • - Scritto da: FDG

    > Pure a me. Invece di un unico MegaUpload, ne
    > avranno una miriade
    >Sorride

    Lista di siti supportati da Jdownloader
    http://jdownloader.org/hoster

    Hanno abbattuto uno dei più grossi, anche se in declino (come rapidshare prima di lui), hanno ancora un sacco di lavoro...
    Funz
    11591
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: Giuseppe R
    >
    > > E' vero. Questa persona (con i suoi soci) si
    > è
    > > arricchita in maniera sproporzionata. L'hanno
    > > arrestata. Adesso? Hanno risolto qualcosa?
    > > Assolutamente No. Sapete cosa mi ricorda
    > questa
    > > vicenda?
    > >
    > > NAPSTER.
    >
    > Pure a me. Invece di un unico MegaUpload, ne
    > avranno una miriade
    >Sorride


    3:29
    E SPENDONO I MIJARDI PE NON FACCE SCARICA'
    PER UN SERVER CHE HANNO CHIUSO N'ARTRO MIJONE GIA' STA LA'
    NON SONO MICA UN DELINQUENTE, ME VOGLIO SOLO RIBBELLA'
    AR MONOPOLIO DE ST'INDUSTRIA, VOJO FALLA TRACOLLA'
  • - Scritto da: Giuseppe R
    > E' vero. Questa persona (con i suoi soci) si è
    > arricchita in maniera sproporzionata. L'hanno
    > arrestata. Adesso? Hanno risolto qualcosa?
    > Assolutamente No. Sapete cosa mi ricorda questa
    > vicenda?
    >
    > NAPSTER.
    pero a differenza di Napster megauploads a più risorse economiche e può giocare alla pari e con le major
    non+autenticato
  • Ma che differenza ci sarebbe tra MegaVideo e Youtube?
    non+autenticato
  • la stessa che c'e' tra piratebay e google
    non+autenticato
  • - Scritto da: no problem
    > la stessa che c'e' tra piratebay e google

    Scemenza... Megavideo non è un motore di ricerca.
    Ubunto
    1341
  • Lui ha fatto un esempio come risposta: Che diffenreza c'è tra megavideo e youtube, che ospitano i file video, tra cui protetti da copyright ? Entrambi rimuovono i contenuti protetti su segnalazione, però youtube, mica l'hanno denuclearizzato come mega video.

    Ecco, credo di aver espresso il motivo del esempio.
    Sgabbio
    26178
  • > Lui ha fatto un esempio come risposta: Che
    > diffenreza c'è tra megavideo e youtube, che
    > ospitano i file video, tra cui protetti da
    > copyright ?

    che il secondo è di google.
    non+autenticato
  • Bhe credo pure che questo influenzi non poco certe azioni dementi.
    Sgabbio
    26178
  • Che Youtube è di Google
    Wolf01
    3334
  • Infatti... che Youtube raccoglie soldi da tutto il mondo e li porta in USA. MegaVideo invece a Hong Kong.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mr_caos
    > Infatti... che Youtube raccoglie soldi da tutto
    > il mondo e li porta in USA. MegaVideo invece a
    > Hong
    > Kong.

    Questa mi sembra l'osservazione + intelligente della giornata.
  • - Scritto da: dont feed the troll/dovella
    > - Scritto da: mr_caos
    > > Infatti... che Youtube raccoglie soldi da
    > tutto
    > > il mondo e li porta in USA. MegaVideo invece
    > a
    > > Hong
    > > Kong.
    >
    > Questa mi sembra l'osservazione + intelligente
    > della
    > giornata.

    Straquoto tutti e due!

    Qua ci sono di mezzo un sacco di soldi, e figuriamoci se gli avrebbero permesso di "spostarli" in altri paesi (quello è appannaggio esclusivo dei Padroni del Mondo)
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • ... Al comunicato che è comparso stanotte su megavideo.bz
    Ho capito, questa è la versione pro videotechini, aspetterò domani per la versione seria.
    P.S. Se ORA megavideo.BZ non va è solo perché è sovraccarico, ma stanno ripristinando tutto, questo diceva il comunicato. The Pirate Bay tornò su in 5 giorni, vediamo quanto ci mettono loro.
    non+autenticato
  • Bring on the Fakes

    There are rumours flying around twitter about new iterations of Megaupload and Megavideo. Alas, these are so far all fakes. The most popular New Megaupload is http://megavideo.bz/. The site allegedly hosts a a recent backup of the downed Megaupload but with a non functioning sketchy layout, consistant server outages. The UUID UA-6383685-1 points to number of other megaupload ripoff sites that exist only to display advertising when someone miss types the url. Here is a screenshot of the site:


    http://firstsearchblue.com/megaupload-down-fbi/
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 gennaio 2012 14.28
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Luca Annunziata
    > Bring on the Fakes

    Un accenno nell'articolo non era una cattiva idea

    PS redazione c'è ancora il problema dei tag non chiusi che coinvolgono tutti i messaggi sotto, ma non l'avevate sistemato? Bah...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 gennaio 2012 15.43
    -----------------------------------------------------------
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Precedente | ... | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Successiva
(pagina 6/10 - 50 discussioni)