Linux, ecco perché SCO sbaglia

Ecco la traduzione italiana integrale dell'intervento di Eben Moglen, consigliere generale di Free Software Foundation, sul caso che contrappone SCO e IBM in merito a Linux e copyright

Roma - di Eben Moglen - La causa intentata da Santa Cruz Operation (SCO) contro IBM ha provocato molte richieste di commenti da parte di FSF. La Fondazione si è astenuta dal commentare il caso giudiziario poiché sono state finora riportate solo le asserzioni del querelante; in genere i commenti su asserzioni non verificate sono prematuri. Comunque, più che la causa in sé, la cosa più fastidiosa sono state le dichiarazioni pubbliche di SCO, che irresponsabilmente ha insinuato dubbi sulla legittimità del Software Libero nel suo insieme. A queste affermazioni occorre dare una risposta.

SCO accusa IBM di aver infranto i vincoli contrattuali tra le due aziende e di aver incorporato in ciò che SCO chiama genericamente "Linux" segreti industriali che riguardano la progettazione del sistema operativo UNIX. Quest'ultima affermazione è stata recentemente ampliata in dichiarazioni extragiudiziarie da parte del personale di SCO e di alcuni suoi dirigenti che hanno specificato che "Linux" incorpora materiale copiato da UNIX, violando il Copyright di SCO. Un'affermazione di questo tenore è contenuta anche in una lettera che SCO pare abbia inviato a 1500 tra le più grandi aziende al mondo mettendole in guardia dall'utilizzo del Software Libero sulla base di possibili responsabilità concernenti violazione di Copyright.

È fondamentale chiarire una certa confusione che i portavoce di SCO hanno dimostrato di non voler chiarire. In primo luogo, SCO ha usato "Linux" per intendere "tutto il Software Libero" o "tutto il Software Libero che costituisce un sistema operativo UNIX-like". Questa confusione, contro la quale la Free Software Foundation mise in guardia nel passato, porta alle conseguenze fuorvianti che la Fondazione aveva previsto. "Linux" è il nome del kernel più frequentemente utilizzato nei sistemi liberi; ma il sistema operativo nel suo complesso contiene molti altri componenti, alcuni dei quali prodotti del progetto GNU della Fondazione, altri scritti altrove e pubblicati con licenze libere; l'insieme è GNU, il sistema operativo libero sul quale stiamo lavorando dal 1984. Più o meno la metà dei componenti di GNU sono opere di cui è titolare la Free Software Foundation, inclusi il compilatore C GCC, il debugger GDB, la libreria C Glibc, la shell bash, oltre ad altre parti essenziali. La combinazione di GNU e del kernel Linux forma il sistema GNU/Linux, che è ampiamente utilizzato su diverse tipologie di hardware e che nel complesso riproduce le funzioni un tempo eseguite esclusivamente dal sistema operativo UNIX.
L'utilizzo fuorviante dei nomi da parte di SCO rende poco chiare le basi delle loro affermazioni: SCO sostiene forse che segreti industriali del creatore di UNIX, AT&T - della quale SCO è erede per via di successive transazioni - siano stati incorporati da IBM nel kernel, Linux, o in parti di GNU? Nel primo caso non ci sarebbe giustificazione per le dichiarazioni diffuse che mettono in guardia le più grosse 1500 aziende sull'utilizzo del Software Libero. Se, d'altro canto, SCO sostiene che GNU contenga un qualsiasi segreto industriale o materiale di UNIX tutelato da Copyright, l'affermazione è quasi sicuramente falsa. Coloro che forniscono contributi al Progetto GNU si impegnano a rispettare le regole della Free Software Foundation, che specificano, tra l'altro, che per il loro lavoro su programmi GNU non devono accedere ad informazioni tecniche di rilievo coperte da accordi di segretezza e che non debbono consultare o fare qualsiasi utilizzo di codice sorgente proveniente da programmi non liberi, includendo in maniera specifica UNIX. La Fondazione non ha alcun motivo di credere che GNU contenga qualsiasi materiale sul quale SCO o qualsiasi altro possa rivendicare segreti industriali o Copyright. Coloro che hanno fornito contributi potrebbero aver commesso errori nell'interpretazione delle clausole di assegnazione del Copyright, ma anche nel caso una errata interpretazione intenzionale, che non è mai avvenuta per quanto a conoscenza della Fondazione, non esiste una ragionevole possibilità che la nostra supervisione relativa alla libertà del nostro Software Libero abbia fallito. La Fondazione osserva che nonostante le dichiarazioni allarmistiche rilasciate dal personale SCO, essa non sia stata chiamata in causa e nemmeno che SCO, nonostante le nostre richieste, abbia mai identificato una qualsiasi opera di cui la fondazione sia titolare di Copyright - incluse tutte le modifiche al kernel per l'utilizzo con i mainframe IBM S/390, trasferite da IBM alla Fondazione - per i quali SCO afferma ci sia una qualsiasi violazione dei propri diritti.

Per di più, vi sono evidenti motivi giuridici per i quali le contestazioni di SCO riguardanti il kernel o altro Software Libero probabilmente non avranno mai seguito. Per quanto riguarda le contestazioni sul segreto industriale, che sono le sole effettivamente mosse nella causa ad IBM, resta il semplice fatto che SCO ha per anni distribuito copie del kernel, Linux, come parte di sistemi GNU/Linux. Tali sistemi sono stati distribuiti da SCO nel pieno rispetto della GPL, e per ciò, includevano l'intero codice sorgente. In questo modo SCO stessa ha pubblicato, come parte della propria normale attività, il materiale che ora sostiene includere i propri segreti industriali. Semplicemente non ci sono basi giuridiche sulle quali SCO possa contestare ad altri la violazione del segreto industriale per materiale che ha essa stessa pubblicato in modo diffuso e con una licenza che specificamente ne consente la copia e la distribuzione illimitata.

Questo stesso fatto è un ostacolo insormontabile rispetto alle affermazioni secondo le quali "Linux" violi il Copyright di SCO sul codice sorgente di UNIX. Il Copyright, così come ripetutamente sottolineato dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, tutela l'espressione, non l'idea. Il Copyright sul codice sorgente non tutela il modo di funzionare di un programma, ma solo lo specifico linguaggio nel quale viene espresso tale funzionamento. Un programma scritto da zero per rappresentare in un nuovo modo la funzione di un programma esistente non viola il Copyright del programma originale. GNU e Linux replicano alcuni aspetti del funzionamento di UNIX, ma sono entità indipendenti, non copie di espressioni esistenti. Tuttavia, anche se SCO dovesse dimostrare che alcune porzioni del proprio codice sorgente di UNIX sono state copiate nel kernel, l'accusa di violazione di Copyright cadrebbe per il fatto che SCO stessa ha distribuito il kernel nei termini della GPL. Facendo così, SCO ha concesso a chiunque ed ovunque esso sia di copiare, modificare e redistribuire quel codice. SCO ora non può tornare indietro e sostenere di aver venduto codice secondo i termini della GPL, garantendo il diritto di copiare, modificare e redistribuire qualsiasi cosa includesse, ma che in qualche modo non ha concesso quei diritti e la redistribuzione di qualsiasi materiale in esso contenuto di cui detiene il Copyright.

Di fronte a questi fatti, le dichiarazioni pubbliche di SCO sono quantomeno fuorvianti ed irresponsabili. SCO ha abilmente approfittato del lavoro di coloro che hanno fornito contributi da tutto il mondo. Le loro attuali dichiarazioni pubbliche costituiscono un volgare abuso dei principi della comunità del Software Libero, da parte di un membro che ha utilizzato tutto il nostro lavoro per il proprio tornaconto economico. La Free Software Foundation invita SCO a ritirare le proprie sconsiderate ed irresponsabili dichiarazioni e di provvedere a separare immediatamente i propri disaccordi commerciali con IBM dai propri doveri e le proprie responsabilità nei confronti della comunità del Software Libero.

Eben Moglen
Consigliere generale della FSF e membro del consiglio direttivo

Copyright © Free Software Foundation, 2003. La copia letterale di questo articolo è permessa con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta.


La traduzione in italiano dell'intervento originale è ripresa integralmente dalla pagina del sito FSF:
http://www.it.gnu.org/philosophy/sco-statement.it.html
97 Commenti alla Notizia Linux, ecco perché SCO sbaglia
Ordina
  • Leggete cosa contiene il codice che SCO dice gli sia stato trafugato:

    http://perens.com/Articles/SCO/SCOSlideShow.html

    Il codice che SCO ritiene gli sia stato "rubato". Si tratta di codice BSD, liberamente utilizzabile.

    Il bluff di SCO è stato svergognato.




    non+autenticato
  • Ciao,
    Ma perchè per un momento non si smette di parlare e ragioniamo su cosa è Linux e come è nato?

    Linux è nato da un programmatore molto giovane (Torvalds) che aveva un PC con dotazione hw scarsissima dove Windows ovviamente girava maluccio... ma perchè allora non si è installato OS2 visto che in quegli anni , era reputato molto meglio di Windows (per me non era comunque vero)?
    Non sarebbe stato sufficiente aumentare la dotazione hw del proprio sistema, come hanno fatto tutti gli altri?
    Pensate se ogni programmatore creasse il proprio kernel, e da li il proprio linux...

    E poi che cosa ne sarebbe stato del suo Linux, se un gruppo di programmatori prima , poi mano a mano aumentato sempre di più, non avesse contribuito con vari pezzi di software aggiuntivi?

    Ho cominciato ad usare (per curiosità) Linux nel 1996 (!) quando c'era la Slackware , dove la Gui era tutta un'optional e d'era da configurare per il proprio sistema, una volta trovati i drivers della scheda video , ovvio.. , perchè cercavo di capire cosa ci trovasse un mio conoscente di così affascinante...beh
    poi l'ho scoperto.. il fatto di doverlo settare da cima a fondo...
    Beh, a me basta ottimizzare il Windows ,ossia togliere tutti i difetti dell'installazione standard dello stesso S.O. e dei programmi aggiuntivi ed ecco il mio Linux targato MS...
    La frase che diceva + spesso quel mio amico era : "ha ancora qualche baco ma con la prossima versione del kernel , li toglieranno..."

    Onestamente preferisco fare un unico mega upgrade software ogni volta che esce un nuovo s.o. , ma che ne valga la pena ovviamente (vedi ad esempio il win2000,osceno per i pc di casa,gira molto meglio il ME).

    saluti
    lroby
    lroby
    5311
  • Ma perchè affaticarsi a studiare quando l'ignoranza è istantanea e non costa nulla? Sorride
    non+autenticato
  • > Ho cominciato ad usare (per curiosità)
    > Linux nel 1996 (!) quando c'era la Slackware

    La Slackware c'è anche oggi (!!) ed è arrivata alla versione 9.0

    > , dove la Gui era tutta un'optional e d'era
    > da configurare per il proprio sistema, una
    > volta trovati i drivers della scheda video ,
    > ovvio.. , perchè cercavo di capire cosa ci
    > trovasse un mio conoscente di così
    > affascinante...beh
    > poi l'ho scoperto.. il fatto di doverlo
    > settare da cima a fondo...
    > Beh, a me basta ottimizzare il Windows
    > ,ossia togliere tutti i difetti
    > dell'installazione standard dello stesso
    > S.O. e dei programmi aggiuntivi ed ecco il
    > mio Linux targato MS...

    1) Dicci come fai a 'togliere tutti i difetti dell'installazione standard', penso che molta gente sia interessata...

    2)'Il mio linux targato M$' ???? Ti piacerebbe eh? .


    > La frase che diceva + spesso quel mio amico
    > era : "ha ancora qualche baco ma con la
    > prossima versione del kernel , li
    > toglieranno..."

    Un kernel senza un solo baco non esiste, come per tutti i programmi molto evoluti....


    > Onestamente preferisco fare un unico mega
    > upgrade software ogni volta che esce un
    > nuovo s.o. , ma che ne valga la pena
    > ovviamente (vedi ad esempio il
    > win2000,osceno per i pc di casa,gira molto
    > meglio il ME).

    Questo significa che fai il gioco di M$. Ogni volta che esce un winzozz nuovo te lo vai a comprare ? non è una scelta molto furba...

    Osceno win2000 ? E' forse la migliore implementazione win mai esistita !
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Ho cominciato ad usare (per curiosità)
    > > Linux nel 1996 (!) quando c'era la
    > Slackware
    >
    > La Slackware c'è anche oggi (!!) ed è
    > arrivata alla versione 9.0
    >
    Lo so ...

    > > , dove la Gui era tutta un'optional e
    > d'era
    > > da configurare per il proprio sistema, una
    > > volta trovati i drivers della scheda
    > video ,
    > > ovvio.. , perchè cercavo di capire cosa ci
    > > trovasse un mio conoscente di così
    > > affascinante...beh
    > > poi l'ho scoperto.. il fatto di doverlo
    > > settare da cima a fondo...
    > > Beh, a me basta ottimizzare il Windows
    > > ,ossia togliere tutti i difetti
    > > dell'installazione standard dello stesso
    > > S.O. e dei programmi aggiuntivi ed ecco il
    > > mio Linux targato MS...
    >
    > 1) Dicci come fai a 'togliere tutti i
    > difetti dell'installazione standard', penso
    > che molta gente sia interessata...
    >
       Sono i segreti del mio successo , visto che lo faccio come lavoro anche..

    > 2)'Il mio linux targato M$' ???? Ti
    > piacerebbe eh? .
    >
    > non capisco cosa intendi.. ma pazienza...

    > > La frase che diceva + spesso quel mio
    > amico
    > > era : "ha ancora qualche baco ma con la
    > > prossima versione del kernel , li
    > > toglieranno..."
    >
    > Un kernel senza un solo baco non esiste,
    > come per tutti i programmi molto evoluti....
    >
    >
    > > Onestamente preferisco fare un unico mega
    > > upgrade software ogni volta che esce un
    > > nuovo s.o. , ma che ne valga la pena
    > > ovviamente (vedi ad esempio il
    > > win2000,osceno per i pc di casa,gira molto
    > > meglio il ME).
    >
    > Questo significa che fai il gioco di M$.
    > Ogni volta che esce un winzozz nuovo te lo
    > vai a comprare ? non è una scelta molto
    > furba...
    Ti dirò una cosa, possiedo un'attività e come tale ho sempre dovuto acquistare le licenze, a partire dal win95 in poi, ma la cosa + bella, è che dopo aver usato per un XP PRof corporate sul mio PC di casa, e aver visto TUTTI i pc che vendevo ai clienti , con l'XP HE normale prima , ma sopratutto con la SP1 integrata dopo , mi sono UDITE UDITE comprato una licenza di XP HE SP1 per il mega PC di casa mia e sono ultrasoddisfatto.!!

    >
    > Osceno win2000 ? E' forse la migliore
    > implementazione win mai esistita !

    Stiamo scherzando ... purtroppo ogni tanto mi è capitato mi metterci le mani... ma mi domando come si fà ad usarlo quando sui pc relativamente nuovi / recenti (max 18 mesi) l'XP HE và molto meglio, mentre su macchine + anziani (tipo 1300mhz a scendere) il + indicato in assoluto sia ME..
    Ma tu lo sai che il Win2000 è uscito addirittura un anno prima del ME??
    fammi il piacere
    ciao
    lroby (ELLEROBY)
    lroby
    5311
  • Ora rileggendo il mio vecchio post ho capito cosa intendi..

    >
    > > 2)'Il mio linux targato M$' ???? Ti
    > > piacerebbe eh? .


    Non è questione di piacere , intendo dire che ho praticamente tutta la stabilità di cui si parla tanto ma su un sistema MS..

    ciao e scusa
    l'errata corrige
    LROBY
    lroby
    5311
  • - Scritto da: lroby

    > Non è questione di piacere , intendo dire
    > che ho praticamente tutta la stabilità di
    > cui si parla tanto ma su un sistema MS..

    Vedi, molto probabilmente hai ragione ma rifletti su una cosa: per cosa lo usi il ltuo PC con MinME?
    uso ufficio?
    Workstattion grafica (grafica 2D 3D CAD)?
    SERVER?

    Di una cosa sono sicuro: il tuo PC non e' in grado, da server, di reggere 60, 100, 150 utenze contemporanee.
    Win Me cadrebbe molto prima di 60 utenze.
    Sempre in quanto server, per quanto tempo senza riavviare potrebbe durare? Molto poco credo.
    Semplicemente WinMe e' adattissimo in certi ambiti ma non lo e' in altri.
    E qui' per compararlo solo con Win2000...
    Se poi si considera che Linux puo' fare tutto questo in poco piu' di 3-4 floppy...
    Si capisce che i sistemi Windows non potranno mai avere la flessibilita' di Linux.

    Tutto dipende dall' ambito di utilizzo, nel tuo ambito va bene ma in molti altri no.
  • > > 1) Dicci come fai a 'togliere tutti i
    > > difetti dell'installazione standard',
    > penso
    > > che molta gente sia interessata...
    > >
    >     Sono i segreti del mio successo , visto
    > che lo faccio come lavoro anche..

    Io intendevo dire che l'installazione di winzozz non ti lascia molte scelte, quindi non capisco come tu possa cambiare alcunchè, tantomeno 'togliere dei difetti'.
    A meno che tu lavori in M$ e conosci qualcosa della quale noi siamo all'oscuro...

    > Ti dirò una cosa, possiedo un'attività e
    > come tale ho sempre dovuto acquistare le
    > licenze, a partire dal win95 in poi, ma la
    > cosa + bella, è che dopo aver usato per un
    > XP PRof corporate sul mio PC di casa, e aver
    > visto TUTTI i pc che vendevo ai clienti ,
    > con l'XP HE normale prima , ma sopratutto
    > con la SP1 integrata dopo , mi sono UDITE
    > UDITE comprato una licenza di XP HE SP1 per
    > il mega PC di casa mia e sono
    > ultrasoddisfatto.!!

    Beh, dipende da cosa ci devi fare col PC di casa, anche io sono sicuro che per un certo ambito di utilizzo winzozz sia una scelta possibile, l'importante è che non diventi una 'imposizione' e che si abbia SEMPRE la libertà di cambiare.

    > >
    > > Osceno win2000 ? E' forse la migliore
    > > implementazione win mai esistita !
    >
    > Stiamo scherzando ... purtroppo ogni tanto
    > mi è capitato mi metterci le mani... ma mi
    > domando come si fà ad usarlo quando sui pc
    > relativamente nuovi / recenti (max 18 mesi)
    > l'XP HE và molto meglio, mentre su macchine
    > + anziani (tipo 1300mhz a scendere) il +
    > indicato in assoluto sia ME..
    > Ma tu lo sai che il Win2000 è uscito
    > addirittura un anno prima del ME??
    > fammi il piacere
    > ciao
    > lroby (ELLEROBY)


    Un fatto che rimane a distinguere nettamente i sistemi M$ da altri tipo Linux e FreeBSD (ma anche solaris o altri unix proprietari) è il grado di personalizzazione e configurabilità del sistema. E' pur vero che un sistema Linux vada configurato 'a mano' (in parte), ma ti assicuro che non è affatto fatica sprecata.
    non+autenticato
  • Non lavoro in MS, è che semplicemente li studio i s.o. per carpirne pregi e difetti, e questo anche perchè ho sempre avuto la possibilità poterli provare per diversi mesi prima che uscissero sul mercato...
    e fidati che di cose da cambiare ne hanno , tutte le versioni, chi + , chi - .

    saluti
    lroby

    - Scritto da: Anonimo
    > > > 1) Dicci come fai a 'togliere tutti i
    > > > difetti dell'installazione standard',
    > > penso
    > > > che molta gente sia interessata...
    > > >
    > >     Sono i segreti del mio successo , visto
    > > che lo faccio come lavoro anche..
    >
    > Io intendevo dire che l'installazione di
    > winzozz non ti lascia molte scelte, quindi
    > non capisco come tu possa cambiare alcunchè,
    > tantomeno 'togliere dei difetti'.
    > A meno che tu lavori in M$ e conosci
    > qualcosa della quale noi siamo all'oscuro...
    >    
    > > Ti dirò una cosa, possiedo un'attività e
    > > come tale ho sempre dovuto acquistare le
    > > licenze, a partire dal win95 in poi, ma la
    > > cosa + bella, è che dopo aver usato per un
    > > XP PRof corporate sul mio PC di casa, e
    > aver
    > > visto TUTTI i pc che vendevo ai clienti ,
    > > con l'XP HE normale prima , ma sopratutto
    > > con la SP1 integrata dopo , mi sono UDITE
    > > UDITE comprato una licenza di XP HE SP1
    > per
    > > il mega PC di casa mia e sono
    > > ultrasoddisfatto.!!
    >
    > Beh, dipende da cosa ci devi fare col PC di
    > casa, anche io sono sicuro che per un certo
    > ambito di utilizzo winzozz sia una scelta
    > possibile, l'importante è che non diventi
    > una 'imposizione' e che si abbia SEMPRE la
    > libertà di cambiare.
    >    
    > > >
    > > > Osceno win2000 ? E' forse la migliore
    > > > implementazione win mai esistita !
    > >
    > > Stiamo scherzando ... purtroppo ogni tanto
    > > mi è capitato mi metterci le mani... ma mi
    > > domando come si fà ad usarlo quando sui pc
    > > relativamente nuovi / recenti (max 18
    > mesi)
    > > l'XP HE và molto meglio, mentre su
    > macchine
    > > + anziani (tipo 1300mhz a scendere) il +
    > > indicato in assoluto sia ME..
    > > Ma tu lo sai che il Win2000 è uscito
    > > addirittura un anno prima del ME??
    > > fammi il piacere
    > > ciao
    > > lroby (ELLEROBY)
    >
    >
    > Un fatto che rimane a distinguere nettamente
    > i sistemi M$ da altri tipo Linux e FreeBSD
    > (ma anche solaris o altri unix proprietari)
    > è il grado di personalizzazione e
    > configurabilità del sistema. E' pur vero che
    > un sistema Linux vada configurato 'a mano'
    > (in parte), ma ti assicuro che non è affatto
    > fatica sprecata.
    lroby
    5311
  • - Scritto da: lroby
    > Non lavoro in MS, è che semplicemente li
    > studio i s.o. per carpirne pregi e difetti,
    > e questo anche perchè ho sempre avuto la
    > possibilità poterli provare per diversi mesi
    > prima che uscissero sul mercato...
    Sei un beta-tester, o e' l'azienda per cui lavori
    che partecipa ai programmi di testing della M$?

    > e fidati che di cose da cambiare ne hanno ,
    > tutte le versioni, chi + , chi - .

    Qualche esempio? (magari, visto che tu ti ci
    guadagni il pane, senza troppo scendere nei dettagli.
    Solo cosi', per curiosita' ...)

  • - Scritto da: lroby
    > Non lavoro in MS, è che semplicemente li
    > studio i s.o. per carpirne pregi e difetti,
    > e questo anche perchè ho sempre avuto la
    > possibilità poterli provare per diversi mesi
    > prima che uscissero sul mercato...
    > e fidati che di cose da cambiare ne hanno ,
    > tutte le versioni, chi + , chi - .
    >
    > saluti
    > lroby
    >

    Edo basta, per dio!!!
    Anche qui no!!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: lroby
    > > Non lavoro in MS, è che semplicemente li
    > > studio i s.o. per carpirne pregi e
    > difetti,
    > > e questo anche perchè ho sempre avuto la
    > > possibilità poterli provare per diversi
    > mesi
    > > prima che uscissero sul mercato...
    > > e fidati che di cose da cambiare ne hanno
    > ,
    > > tutte le versioni, chi + , chi - .
    > >
    > > saluti
    > > lroby
    > >
    >
    > Edo basta, per dio!!!
    > Anche qui no!!!!

    non l'ho capita Triste
    lroby
    lroby
    5311
  • la FSF non ha le palle per intentare una causa alla SCO
    e io dovrei affidare il mio lavoro alla licenza GPL che
    non è tutelata per una sega dalla fondazione che l'ha creata ?
    quin c'e qualcosa che non torna ......
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > la FSF non ha le palle per intentare una
    > causa alla SCO
    > e io dovrei affidare il mio lavoro alla
    > licenza GPL che
    > non è tutelata per una sega dalla fondazione
    > che l'ha creata ?
    > quin c'e qualcosa che non torna ......

    nella tua follia c'e' del metodo.
    non+autenticato
  • Palle o meno, se la causa finisce in una bolla di sapone, SCO è e sarà per sempre diffidata da utenti e fondazioni, aziende e chi più ne ha più ne metta. IMHO Ha firmato la sua condanna.

    Ergo, SCO ora è nella m**da.
    non+autenticato
  • se quelli della FSF iniziano a levare i se e cominciano
    a pagare gli avvocati una volta tanto per tutelare la GPL
    forse aziende come la SCO ci penseranno 10 volte prima
    di scatenare tutto questo putiferio.
    la GPL è una licenza come tutte le altre e la FSF dovrebbe
    muovere il culo una volta tanto e farsi valere.
    senno se io voglio sviluppare open source utilizzo una licenza
    BSD e passa la paura.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Palle o meno, se la causa finisce in una
    > bolla di sapone, SCO è e sarà per sempre
    > diffidata da utenti e fondazioni, aziende e
    > chi più ne ha più ne metta. IMHO Ha firmato
    > la sua condanna.

    Dici ? Aziende che hanno investito decine o centinaia di milioni in SCOunix 15 anni fa se ne sbattono di queste faccende di principio, sono legati alle loro scelte e i manager ICT non fanno marcia indietro su installazioni funzionanti per cose del genere. L'importante è che funzioni tutto, che l'assistenza sia puntuale, che i conti tornino, poi frega un cazzo ai clienti importanti dei battibecchi sulle licenze e le scopiazzature.
    SCO non è mai stata un'azienda veramente interessata ai desktop SOHO, al mercato di massa ed a quello che pensa certa clientela privata (che poi è l'unica da star dietro a queste gabole da "consumo consapevole" e boicottaggi vari). Non ce lo dimentichiamo: SCO esiste da vent'anni e finora non si sono mai ridotti ad elemosinare l'attenzione e l'interesse degli utenti "di massa". Clienti di dimensione più seria guardano altre cose, lasciati servire.
    non+autenticato

  • Ma questi tizi della FSF da chi vengono pagati? sono curioso......

    non+autenticato
  • In primis da IBM e da tutte le altre aziende che hanno intenzione di sfruttare l'open GPL (magari rendendolo closed GPL un domani).
    Se avessero voluto veramente il software libero avrebbero usato la licenza BSD che non pone vincoli a nessuno.
    BSD è nettamente superiore a linux per stabilità e robustezza e spesso anche meglio di Unix, eppure non se lo caga nessuno, nonstante coi suoi sorgenti tu possa farci tutto e anche di più senza rendere conto a nessuno (e quindi cadono anche le tesi fantapolitiche che la GPL è nata per tutelare gli utenti da sfruttamenti commerciali di codice open).

    Io vedo versioni enterprise di software GPL PRECOMPILATO che vengono vendute a 300-400 euro. E non ho neanche i sorgenti solo i binari (in piena violazione della licenza) e nessuno dice nulla, certo i sorgenti forse stanno su qualche ftp in qualche cantina buia, ma io ho pagato per software GPL e non mi ritrovo i sorgenti (300-400 euro per l'assistenza e basta, come dicono loro, e non hanno avuto il tempo di farmi un cd aggiuntivo con gli src? me li devo pure scaricare a parte - se ci sono, per tutti i pacchetti applicativi non ci sono quasi mai - pagando ulteriori soldi di tasca mia???) E quanti di quei soldi poi vanno effettivamente ha chi ha messo il software open che loro sfruttano commercialmente su internet e lo mantiene senza interessi economici?

    Secondo me si è spinto sulla GPL perché fondamentalmente è nazista e cannibalizza tutto quello con cui entra a contatto. ha più obblighi uno sviluppatore che lavora sotto GPL che un consulente che ha firmato una NDA con Microsoft e lo chiamano anche software libero, bah! Viva la licenza BSD e le altre licenze open che non impongon limiti nell'utilizzo. Concepisco anche le licenze open che chiedono uno share sul prezzo del prodotto finito (d'altronde te il prodotto col cazzo che lo vendevi se non usavi le loro librerie/parti di codice), ma una licenza che faccia l'interesse delle multinazionali e degli illusi e che mi obblighi a dover per forza sottostare a leggi imposte dell'alto proprio non mi va giù. Perché se linko una libreria GPL senza modificarla al mio progetto esso diventa GPL? io non ho intaccato la libreria stessa, la sto usando, ti dò i crediti, ma con che faccia mi chiedi di dare a te il mio lavoro?
    Secondo la stessa logica che dice che SCO è in torto perché ha distribuito unix sotto GPL allora anche chi distribuisce librerie e programmi sotto GPL non può vedersi riconosciuto alcun diritto perché li ha resi pubblici (e secondo me dovrebbe essere così).
    Se linux usasse la licenza BSD sarebbe davvero morto? Io penso di no il 99% di quelli che ci lavorano non vedono una lira dalle grande ditte di distribuzioni che fanno poco meno di 1500 clienti a trimestre, quindi per loro la licenza sarebbe solo un fattore marginale. E' chi la impone dall'alto (chi lavora nel kernel e vuole ora imporre che nel kernel GPL possano girare solo moduli/driver certificati GPL) a voler schiavizzare la community. E molti della community stanno al gioco.
    non+autenticato
  • ma perche? scrivete senza essere informati?
    l'ignoranza regna nel tuo cervello
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Ma questi tizi della FSF da chi vengono
    > pagati? sono curioso......
    >

    Da quelli che mettono troppi puntini a fine frase
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Ma questi tizi della FSF da chi vengono
    > pagati? sono curioso......
    >

    elemosine e donazioni
    non+autenticato

  • SCO ha distribuito linux sotto la GPL.

    PUNTO.

  • - Scritto da: MemoRemigi
    >
    > SCO ha distribuito linux sotto la GPL.
    >
    > PUNTO.

    scusa memo, volevo farti notare che hai fatto un commento intelligente e imparziale sul forum di PI, sei assolutamente offtopicOcchiolino per recuperare scrivo io questa cazzata, dai
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > scusa memo, volevo farti notare che hai
    > fatto un commento intelligente e imparziale
    > sul forum di PI, sei assolutamente offtopic
    > Occhiolino per recuperare scrivo io questa cazzata,
    > dai

    Umh hai ragione, rimedio subito !

    E' sicuramente colpa di micro$ukk che ha pagato un sacco di miGliardi a SCO per fare FUD verso linux e promuovere il suo uindos 2003 !

    Ok ?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)