Mauro Vecchio

Se Nokia sceglie il made in Asia

Le attività d'assemblaggio in Ungheria, Messico e Finlandia verranno trasferite in Asia. Perderanno il posto 4mila lavoratori del colosso finlandese. Gli attuali centri di produzione si dedicheranno solo ai clienti

Roma - Ad annunciarlo è stato un recente comunicato stampa diramato dai vertici di Nokia: un trasferimento nella produzione globale di smartphone, per "aumentare il livello di competitività nel mercato dei dispositivi mobile". Le attività di assemblaggio nei centri di Komarom (Ungheria), Reynosa (Messico) e Salo (Finlandia) verranno così spostate in Asia entro la fine del 2012.

E saranno circa 4mila i lavoratori destinati a perdere il posto nelle divisioni di produzione controllate dal colosso finlandese. Spetterà agli stessi vertici di Nokia il compito di assistere - anche a livello finanziario - i quasi ex-dipendenti nella ricerca di una nuova occupazione.

Stando alle dichiarazioni del vicepresidente Niklas Savander, i centri di produzione di Komarom, Reynosa e Salo non verranno totalmente dismessi. Rimarranno infatti attivi nella cosiddetta product customization, ovvero relazionandosi con milioni di utenti in Europa e nelle Americhe. Per risultare "più reattivi alle varie esigenze dei clienti" dell'azienda finlandese. (M.V.)
Notizie collegate
10 Commenti alla Notizia Se Nokia sceglie il made in Asia
Ordina
  • Poi vediamo quanto sarà più conveniente produrre nei paesi asiatici.

    Non lo dico io, lo dice qualcuno che ne sa un tantino più di noi mortali a proposito, e che già ha fatto notare quanto la crisi "dovuta agli immobili" sia una bufala totale.
    non+autenticato
  • Le aziende europee migrano in asia per produrre prodotti che compreranno solo gli asiatici dato che da noi non c'e' piu' lavoro.

    Magari e' un bene, da noi potremmo avere molte nuove piccole aziende piu' competitive che hanno chiaro in testa che non si puo' seguire solo il profitto fregandosene altamente del conteto in cui vivono.

    Tanto poi quelle stesse multinazionali dovranno trasferirsi in Africa, poi magari in Sud America, dopodiche' magari torneranno anche in europa se riusciremo a de-civilizzarci a sufficenza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > Le aziende europee migrano in asia per produrre
    > prodotti che compreranno solo gli asiatici dato
    > che da noi non c'e' piu'
    > lavoro.
    >
    > Magari e' un bene, da noi potremmo avere molte
    > nuove piccole aziende piu' competitive che hanno
    > chiaro in testa che non si puo' seguire solo il
    > profitto fregandosene altamente del conteto in
    > cui
    > vivono.
    >
    > Tanto poi quelle stesse multinazionali dovranno
    > trasferirsi in Africa, poi magari in Sud America,
    > dopodiche' magari torneranno anche in europa se
    > riusciremo a de-civilizzarci a
    > sufficenza.

    Eppure poco meno di 10 anni fa si producevano cellulari ancora in Europa e nei paesi più industrializzati: l'altro giorno, tiro fuori il mio vecchio Sony-Ericsson T610 e leggo sul retro: "Made in Japan, finished in Sweden"! Guardo invece un più recente Sony Xperia Arc: "Made in China"! Perfino le istruzioni stampate totalmente in Cina...
    Andiamo bene, ho pensato!
  • Il mio Siemens C25 (ancora in uso) è Made In Germany !
  • Pensa che da noi ormai si vende perfino meno pasta ma tutto il comparto elettronico e' in costante aumento.
    Ma se ti azzardi a dire che vuoi costruire un prodotto elettronico di largo consumo da noi ti danno del pazzo. Manco puoi assemblarlo: ti devastano con tasse di importazione dei coponenti.

    E poi anni fa dicevano: <<Tanto noi terremo le produzioni piu' sofisticate, il know how, e loro (= asia) produrrano solo il ciarpame che non vale niente.> >

    Qui ormai non si puo' neanche riparare quello che fanno la': e' tutta roba compra - rompi - butta - ricompra.
    non+autenticato
  • Oh, una cosa buona pero' l'abbiamo inventata e fatta: Arduino.
    http://www.arduino.cc
    non+autenticato
  • torneranno in Europa quando questa sarà diventata il terzo mondo del mondo... se tutte le aziende vanno all'estero gli Europei dove lavorano??? le aziende fanno bene (pensano al profitto), è la politica che sta buttando a PUXXXXE tutto... e parlo di Europa non solo dell'Italia...
    non+autenticato
  • tutto alla ricerca del profitto estremo. ma sai che posso anche fare a meno del nokia/smartphone? tutti quei fighetti a cambiare telefono una volta all'anno, solo per ingrassare degli squali della finanza e conteporaneamente darlo in cxlo al vicino di casa operaio assembratore licenziato.
    Visto che lo licenziano lo stesso, almeno io NON compro roba nuova: un cellularino di minxhia a 30 euro per chiamare/ricevere basta e avanza.
    Voi continuate pure a comprare roba da 600euro...
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > tutto alla ricerca del profitto estremo. ma sai
    > che posso anche fare a meno del nokia/smartphone?
    > tutti quei fighetti a cambiare telefono una volta
    > all'anno, solo per ingrassare degli squali della
    > finanza e conteporaneamente darlo in cxlo al
    > vicino di casa operaio assembratore licenziato.
    >
    > Visto che lo licenziano lo stesso, almeno io NON
    > compro roba nuova: un cellularino di minxhia a 30
    > euro per chiamare/ricevere basta e
    > avanza.
    > Voi continuate pure a comprare roba da 600euro...

    In futuro qualcuno potrebbe produrre uno smartphone "etico", assemblato nel Paese in cui viene venduto...mi domando a quanto potrebbe essere venduto un oggetto del genere!