Mauro Vecchio

Repubblica Ceca, ancora stop per ACTA

Anche il governo di Praga interrompe il processo di ratificazione del trattato. Eccessivi i rischi per le libertà dei netizen. Avviata un'indagine interna

Roma - Dopo il congelamento deciso dalle autorità polacche, il premier ceco Petr Necas ha ufficializzato lo stop al processo interno di ratificazione del trattato globale anti-contraffazione noto come Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA). La Repubblica Ceca era tra i governi europei presenti a Tokyo per le firme sul testo dell'accordo internazionale.

Le motivazioni sono le stesse della Polonia: ACTA rischierebbe di limitare i diritti fondamentali dei netizen cechi, in particolare quelli legati al libero accesso alle informazioni sul Web. Anche il governo di Praga avvierà un'indagine per verificare "l'impatto del trattato anti-contraffazione sul mondo reale". (M.V.)
Notizie collegate
  • AttualitàACTA: UE a favore, hacktivisti controL'approvazione del contestato trattato anticontraffazione da parte di Bruxelles ravviva il fuoco delle polemiche. Ma le proteste sembrano aver avuto l'effetto contrario, almeno in Polonia
  • AttualitàUE, si dimette il relatore per ACTAPunta il dito contro pressioni dalla destra e rischi per le libertà dei cittadini. Una scelta polemica per fare rumore
  • AttualitàACTA, dubbi di costituzionalitàDubbi sull'effettiva costituzionalità del famigerato trattato anti-contraffazione. Il senatore democratico Ron Wyden scrive al Presidente Obama, affinché faccia luce sui motivi alla base dell'esclusione del Congresso dalla ratifica
8 Commenti alla Notizia Repubblica Ceca, ancora stop per ACTA
Ordina