Mauro Vecchio

Musica, i primi frutti di iTunes Match

Versati 10mila dollari nei primi due mesi di attività della piattaforma sulla nuvola di Apple. Un modello che sembra funzionare, per la gioia di etichette e musicisti

Roma - Circa 10mila dollari nei primi due mesi di vita del servizio musicale in the cloud iTunes Match. È l'ammontare delle royalty ricevute da etichette e musicisti per l'ascolto degli utenti a stelle e strisce sulla nuova piattaforma targata Apple.

Come ormai noto, il colosso di Cupertino richiede un abbonamento annuale di 25 dollari per il servizio rilasciato con la versione 10.5.1 di iTunes. Gli utenti statunitensi possono scaricare e riscaricare i singoli brani, oppure scegliere lo streaming on demand.

E il modello lanciato dalla Mela sembra dare i primi frutti: ogni volta che un abbonato ascolta una canzone - in streaming oppure in download - le relative royalty vengono garantite ai detentori dei diritti d'autore. (M.V.)
Notizie collegate
30 Commenti alla Notizia Musica, i primi frutti di iTunes Match
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Precedente
(pagina 2/2 - 6 discussioni)