Alfonso Maruccia

ESA: Vega, lancio riuscito

Il nuovo vettore europeo ha superato senza problemi lo scoglio del suo primo lancio. L'Agenzia Spaziale Europea ha ora a disposizione un nuovo strumento per la messa in orbita dei satelliti

Roma - L'Agenzia Spaziale Europea (ESA) ha condotto il primo lancio del suo nuovo vettore Vega, coronando con successo un progetto nato italiano e in sviluppo sin dal lontano 2003. Con Vega l'ESA ha a disposizione un vettore in grado di mettere in orbita satelliti di piccoli e grandi dimensioni, con costi significativamente minori rispetto a un lancio con Ariane 5 o con i vettori statunitensi.

Il primo lift-off di Vega è avvenuto alle 10 di questa mattina (GMT) dalla stazione ESA della Guiana Francese, in America Latina. "Questo è un momento d'orgoglio per l'Europa e per quei circa 1000 individui coinvolti nello sviluppo del sistema di lancio per piccoli satelliti più moderno e competitivo", ha dichiarato Antonio Fabrizi dell'ESA.

Le capacità di lancio di Vega possono servire a mettere in orbita satelliti che vanno da un peso di 300 chilogrammi a 2,5 tonnellate. La "missione di riferimento" del sistema, spiega ESA, è il trasporto di un carico di 1.500 chilogrammi fino a un'orbita circolare in sincrono con il Sole a 700 chilometri di distanza dalla superficie terrestre.

Vega è un vettore dotato di quattro stadi: tre a propulsione solida per vincere la forza di gravità e il quarto a propulsione liquida. Inizialmente il progetto era di matrice italiana, e nella realizzazione finale del vettore l'Italia conta parecchio con il 65 per cento dei finanziamenti. Altri paesi che hanno contribuito al progetto sono Francia (12,5 per cento), Spagna, Svezia, Svizzera e Paesi Bassi.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
11 Commenti alla Notizia ESA: Vega, lancio riuscito
Ordina
  • Con un buon 25 anni di ritardo ma ce l'abbiamo fatta.

    Nessuno si chiede perché PROPRIO NOI abbiamo finanziato al 65% la costruzione di un razzo vettore "piccolo", mentre il resto dell'ESA si focalizzava su quelli "molto grossi" (Ariane IV e V)?

    Perché fino al 1986 noi "Italiani" avevamo una nostra base di lancio, dalla quale, tra il 1964 ed il 1988, abbiamo fatto 27 lanci, di cui nove satelliti in orbita, con una percentuale di successo del 100%. Essendo però una piattaforma in mezzo all'oceano, ci stavano solo razzi piccoli.

    Purtroppo però , essendo una nazione che ha perso l'ultima guerra, non avevamo un razzo nostro, ma ce li fornivano gli USA. In cambio noi gli lanciavamo i satelliti. Peccato che nel frattempo anche gli USA si sono focalizzati sui grossi razzi vettore e hanno mandato in pensione gli Scout. Così agli inizi degli anni '90 avevamo una base di lancio, avevamo gente addestrata e preparata nei lanci, ma non avevamo più razzi per lanciare. Broglio si dannò per far costruire (o almeno adattare) razzi in Italia, per continuare i lanci. Da quella esigenza nacque l'idea di quello che poi sarebbe diventato Vega. Ora Vega finalmente è arrivato.
    Nel frattempo Broglio ci ha lasciato, i lanci europei (incluso Vega) si sono spostati tutti su Kouru e la San Marco è la che arrugginisce (se non è già arruginita...).

    Speriamo sia una occasione di rilancio di quell'Astronautica Italiana, tanto gloriosa nel recente passato.
    non+autenticato
  • Per chi è interessato alla storia dell'astronautica italiana



    Speriamo di poter tornare a quei livelli!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Skywalker

    > Peccato che nel frattempo
    > anche gli USA si sono focalizzati sui grossi
    > razzi vettore e hanno mandato in pensione gli
    > Scout. Così agli inizi degli anni '90 avevamo una
    > base di lancio, avevamo gente addestrata e
    > preparata nei lanci, ma non avevamo più razzi per
    > lanciare.

    Sostanzialmente in quegli anni è maturato un surplus di vettori riciclati dalla riduzione del parco missilistico militare (nucleare) e non c'era richiesta di lanciatori per piccoli carichi. Inoltre l'Italia mise i fondi disponibili per partecipare ai programmi ESA.

    > Speriamo sia una occasione di rilancio di
    > quell'Astronautica Italiana, tanto gloriosa nel
    > recente passato.

    Eh, con la crisi in atto sarà dura trovare fondi per rilanciare la lodevole astronautica italiana.Triste
    non+autenticato
  • Grazie Mariuccia dell'articolo Occhiolino

    Non vedo l'ora di vedere l'IXV del CIRA seduto sul quarto stadio..
    Un accesso allo spazio ottenuto in soli 8 anni e che promette molto !!


    http://goo.gl/LGl1V
  • Finalmente qualcosa di cui andare un po' fieri e non certo grazie a chi fa tagli alla ricerca, specula, frega... o ministri incompetenti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ita
    > Finalmente qualcosa di cui andare un po' fieri e
    > non certo grazie a chi fa tagli alla ricerca,
    > specula, frega... o ministri
    > incompetenti.
    Quelli che eleggiamo?A bocca aperta
    Abbiamo il parlamento che ci meritiamo, purtroppo In lacrime
    non+autenticato
  • - Scritto da: brain
    > - Scritto da: Ita
    > > Finalmente qualcosa di cui andare un po' fieri e
    > > non certo grazie a chi fa tagli alla ricerca,
    > > specula, frega... o ministri
    > > incompetenti.
    > Quelli che eleggiamo?A bocca aperta
    > Abbiamo il parlamento che ci meritiamo, purtroppo
    > In lacrime

    Ripetimi: chi l'ha eletto l'attuale governo tecnico ?
    krane
    22544
  • Il parlamento con voto di fiducia, come dice la Costituzione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bla
    > Il parlamento con voto di fiducia, come dice la
    > Costituzione.

    Appunto, quindi non noi cittadini.
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Bla
    > > Il parlamento con voto di fiducia, come dice
    > la
    > > Costituzione.
    >
    > Appunto, quindi non noi cittadini.
    Come succede dal 46 ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: brain
    > > - Scritto da: Ita
    > > > Finalmente qualcosa di cui andare un
    > po' fieri
    > e
    > > > non certo grazie a chi fa tagli alla
    > ricerca,
    > > > specula, frega... o ministri
    > > > incompetenti.
    > > Quelli che eleggiamo?A bocca aperta
    > > Abbiamo il parlamento che ci meritiamo,
    > purtroppo
    > > In lacrime
    >
    > Ripetimi: chi l'ha eletto l'attuale governo
    > tecnico
    > ?
    E chi ha parlato di governo?A bocca aperta
    non+autenticato