Mauro Vecchio

AP, fuoco sui link alle news

L'agenzia di stampa contro il servizio di monitoraggio a pagamento Meltwater. Avrebbe violato sistematicamente il copyright, distribuendo senza autorizzazione i link relativi agli articoli di AP. Risposta: siamo solo un motore di ricerca

Roma - ╚ finita ancora una volta nel mirino legale dei grandi editori, in particolare dell'agenzia di stampa statunitense Associated Press (AP). Una nuova denuncia contro Meltwater, agenzia di pubbliche relazioni specializzata in servizi a pagamento di monitoraggio di notizie digitali. Ovvero basati sull'invio ai clienti di avvisi con gli specifici indirizzi delle news online che nominano aziende e argomenti per loro interessanti.

Il CEO di AP Tom Curley non ha certo esitato nel descrivere Meltwater come un "servizio parassita", che sfrutta i contenuti originali prodotti dagli editori per guadagnare con le attività di crawling sul web. Erano stati i giudici dell'Alta Corte di giustizia britannica a stabilire che i grandi aggregatori di notizie dovessero risarcire i vari publisher per la distribuzione di link a contenuti coperti dal copyright.

Stando ai dettagli della causa depositata dai legali di AP, i vertici del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale avrebbero deciso di interrompere il contratto di fornitura delle notizie con la stessa agenzia di stampa a stelle e strisce. Meglio virare su Meltwater, il cui servizio in abbonamento annuale costa circa 5mila dollari. A partire dalla ricerca web su oltre 160mila fonti giornalistiche.
Il servizio è stato ora accusato di violazione massiva del copyright, nello specifico quello detenuto da AP per i suoi dispacci d'agenzia. I vertici di Meltwater hanno immediatamente risposto al fuoco, sottolineando come il servizio offerto ai clienti sia perfettamente simile a quello di un comune motore di ricerca. Le attività di monitoraggio e aggregazione delle notizie sarebbe dunque in linea con le leggi vigenti negli Stati Uniti.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK, nuova disfatta sui news linkL'agenzia di pubbliche relazioni Meltwater perde anche in appello: i servizi di crawling a pagamento devono pagare i grandi editori per diffondere i link alle loro storie. Si andrÓ ora alla Corte Suprema
  • AttualitàMurdoch: tanti saluti, GoogleNews Corp annuncia che entro pochi mesi i suoi contenuti usciranno dalle indicizzazioni del search engine di Mountain View. Per alcuni, si scatenerÓ l'effetto domino. Con Bing appostato dietro l'angolo
3 Commenti alla Notizia AP, fuoco sui link alle news
Ordina
  • servizi a pagamento di monitoraggio di notizie digitali. Ovvero basati sull'invio ai clienti di avvisi con gli specifici indirizzi delle news online che nominano aziende e argomenti per loro interessanti.


    Servizio a pagamento, per i gonzi che non sanno che esiste Google alert.
    Adesso se la prenderanno anche con Google? Vista la fine che (non) ha fatto GNews, la vedo duraA bocca aperta
    Funz
    12995
  • Fatemi capire: questi di Meltwater si leggono tutte le pagine di tutti i giornali online e inviano agli abbonati i link alle notizie che li riguardano? Cioè fa un servizio di Rassegna Stampa Aziendale esternalizzato?!?! Anzi, meno. Perché un servizio di Rassegna Stampa ti manda i PDF degli articoli già ritagliati e senza pubblicità.

    Ma da quanto scritto questi mandano le URL: il cliente poi, se vuole leggere l'articolo, deve andare sul sito del giornale e leggerselo con tutta la pubblicità.

    E' come se una azienda faccesse un Servizio di Rassegna Stampa inviandoti Nome del Giornale, Data di pubblicazione, Pagina e posizione nella pagina della notizia che ti interessa, ma se poi vuoi veramente leggere la notizia, dovessi comprarti tu quel giornale.

    A volte veramente non capisco fino a che punto si potrà spingere questa storpiatura del Copyright.
    non+autenticato
  • http://archiviostorico.corriere.it/2010/ottobre/09...

    storia vecchia (da noi) ormai... per fortuna i vecchi rimba hanno smesso di pestare su quel tasto.. (se no c'e' sempre robots.txt)
    non+autenticato