Gabriella Tesoro

Google, medico sulla fiducia

Grazie a BigG sarà possibile scoprire sul web le cause e le cure dei sintomi di certi malesseri. Google però avverte: non siamo medici

Roma - Da ora in poi cercando un sintomo su Google, in numerose occasioni verrà visualizzato un elenco di condizioni di salute che potranno essere utilizzate per affinare la ricerca e capire qual è la causa del malessere.

Ad esempio, digitando "tosse notturna" potrebbe comparire un elenco con una serie di condizioni per lo più correlate con il sintomo che permetteranno di capire meglio da cosa deriva e come si cura questo malanno.

"La lista viene generata dai nostri algoritmi che analizzano i dati delle pagine in tutto il web" spiega in un post Roni Zeiger, Chief Health Strategist di Google.
BigG però avverte: l'elenco non è scritto da medici e non dovrebbe essere considerato come se fosse il parere di un vero dottore.
Non è la prima volta che Google ha a che fare con la sanità. Molte persone si rivolgono a BigG per cercare notizie relative a problemi di salute o malattie vere e proprie. L'azienda ringrazia, si dice "lusingata" e promette: "stiamo lavorando duramente per rendere i nostri risultati ancora più utili per le ricerche sulla salute".

Gabriella Tesoro
Notizie collegate
  • AttualitàTwitter, un supporto ai vetriniDue ricercatori statunitensi hanno utilizzato i cinguettii per monitorare la salute pubblica nell'arco di un anno e mezzo. Sono emerse informazioni interessanti anche se non si può ancora parlare di metodologia scientifica
  • AttualitàSe i motori di ricerca spacciano farmaciArchitettato un meccanismo fraudolento per l'inserimento di termini a sfondo medico all'interno di siti istituzionali o noti. I search engine procederebbero all'indicizzazione delle farmacie illecite perché ritenute affidabili
  • AttualitàGoogle abbandona Health e PowerMeterMountain View ha deciso di ritirare i due servizi creati per favorire la cura della salute personale e il risparmio energetico in casa. La mancata diffusione sul larga scala sarebbe il motivo alla base della scelta
3 Commenti alla Notizia Google, medico sulla fiducia
Ordina