Mauro Vecchio

UK, condannati per typosquatting

Due società britanniche condannate al pagamento di una multa da 100mila sterline a testa. Avrebbero sfruttato URL molto simili a quelle di Twitter e Wikipedia per proporre concorsi telefonici fraudolenti

Roma - Sono stati abbattuti e deposti offline, accusati di aver ingannato gli utenti d'Albione con falsi concorsi telefonici. I siti Wikapedia.com e Twtter.com sono dunque finiti nel mirino dei vertici di PhonepayPlus, l'organismo regolatore che in terra britannica si occupa dei servizi telefonici a pagamento.

I responsabili delle società R&D Media Europe e Una Valley BV sono così stati condannati al pagamento di una multa da 100mila sterline a testa. In sostanza, le due aziende avrebbero sfruttato siti molto simili - soprattutto a livello grafico - ai due colossi del web.

Approfittavano del typosquatting per ottenere la fiducia degli utenti più ingenui e dunque proporre annunci pubblicitari per far vincere esemplari di iPad o MacBook. Un ragazzo britannico avrebbe pagato 63 sterline a furia di messaggi e telefonate per partecipare al concorso, ingannato da uno spazio web molto simile a quello di YouTube.
Pare infatti che ciascun SMS - inviato (o ricevuto) per ottenere le domande a cui rispondere - sia costato 1,50 sterline agli utenti più sprovveduti. Le due aziende sono state obbligate a restituire tutti i soldi ai poveri netizen.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • SicurezzaL'accusa: Google lucra sul typosquattingSecondo un docente universitario Google amministra così bene i propri banner e i propri spot da lucrare persino sugli pseudositi che nascono all'ombra predatrice di indirizzi Internet famosi
  • SicurezzaIl typosquatting tra fastidio e malwareTrend Micro dirama un alert contro il malware diffuso da molti siti pensati per catturare il traffico casuale, quello di chi sbaglia a digitare una URL. E un lettore di PI si chiede se i typodomini siano legali