Alfonso Maruccia

Pinze robotiche e mani di Lego

Una pinza robotica č in grado di afferrare ogni genere di oggetto e di lanciarlo a piacimento, mentre una mano artificiale cerca di replicare fedelmente il funzionamento dell'arto umano. A mezzo Lego

Roma - I ricercatori della Cornell University e dell'Università di Chicago hanno creato un "gripper" robotico, una pinza meccanica in grado di afferrare oggetti e lanciarli in maniera precisa verso un obiettivo prefissato.

Piuttosto che cercare in tutti i modi di imitare la complessa struttura delle braccia e degli arti umani, i ricercatori statunitensi hanno preferito seguire un approccio molto più semplice montando (all'estremità del robo-braccio) una "massa di materiale granulare chiuso in una membrana elastica".

Questo palloncino ripieno di sabbia funziona ad aria, stringendo la morsa sugli oggetti e "sparandoli" quando l'aria viene rispettivamente tolta e reimmessa nel braccio. Il team di ricercatori pianifica ora di usare i fondi del finanziamento fornito da DARPA per raffinare ulteriormente il robo-braccio.


Chi invece ha cercato di imitare il funzionamento delle singole dita di una mano umana è stato Max Shepherd, che in un video su YouTube ha mostrato al mondo la sua "creazione": un intricato miscuglio di cavi, pezzi di plastica e mattoncini Lego che dovrebbe saper "mimare lo spettro completo dei movimenti di una mano umana".



Alfonso Maruccia
4 Commenti alla Notizia Pinze robotiche e mani di Lego
Ordina
  • Ma dai, il braccio con mano "a palla" che tira freeccette e "va in buca" tirando oggetti!
    L'idea del manipolatore a sabbia e' bella, ma se manca l'associazione occhio-mano (in questo caso telecamera-braccio robotico) come fa a "mirare e tirare"? e' ovvio che sono lanci precalcolanti e i "ricercatori-imbonitori" mettono il bersaglio dove gia sanno che verra' tirato l'oggetto.
    il solito video-cialtrone per gonzi che abboccano.
    non+autenticato