Brevetti, eBay paga danni miliardari

Alla fine Thomas Woolston è riuscito ad ottenere quel che voleva: eBay dovrà cambiare il proprio modo di condurre aste online e risarcirà all'inventore quasi 30 milioni di dollari

Roma - Sono 29,5 milioni i dollari che finiranno nelle tasche della MercExchange di Thomas Woolston, inventore e avvocato divenuto celebre per aver intentato una causa colossale contro eBay.com, il principale sito d'aste, rivendicando un proprio brevetto.

Un giudice federale ha infatti deciso che la funzionalità "Buy it now!" di eBay, che consente l'acquisto da parte dell'utente ad un prezzo fisso, rientra nei brevetti in possesso di Woolston. Una posizione che eBay stessa non condivide e che ha duramente combattuto in aula.

Quando il caso era emerso, eBay non aveva nascosto la gravità del problema, dichiarando: "Potremmo essere costretti a pagare danni e compensazioni di licenza significativi, modificare il nostro modello di business e persino essere allontanati da una parte significativa del nostro business negli USA. Un risultato di questo tipo potrebbe materialmente danneggiare la nostra imprese. Non siamo in grado di determinare quali perdite ci potremmo vedere costretti ad affrontare se questa causa avesse un esito sfavorevole".
Ora, in attesa dell'appello che entrambe le parti hanno già dichiarato di volere, eBay osserva che dovranno essere eseguite modifiche su quella opzione di acquisto non tanto perché l'azienda si ritiene colpevole quanto per evitare più pesanti penalità.

Va detto, ad ogni modo, che sebbene riguardi circa il 25 per cento delle entrate, l'opzione stessa non rientra nel core business di eBay e non tocca direttamente il sistema delle aste su cui il sito da anni ha costruito il proprio successo.
24 Commenti alla Notizia Brevetti, eBay paga danni miliardari
Ordina
  • L'idea del brevetto del "Compra ora!" e' balzana, nel senso che allora e' brevettabile tutto in commercio, anche il concetto stesso di "asta".

    Pero' se io sono un giudice, so che potrei emettere, contro ogni logica aspettativa, una sentenza favorevole al possessore del brevetto, so che eBay e' quotata al Nasdaq, so che se qualcuno sapesse in anticipo dell'esito della sentenza potrebbe vendere una montagna di azioni di eBay allo scoperto ("short") e ricomprarle quando saranno calate di prezzo lucrando sulla differenza...

    Beh, se 2+2 fa 4... io indagherei su una sentenza cosi' strana...

    Salutoni da GiGiO
    non+autenticato
  • ...pagare per vendere?

    perché non è una community free?
    non+autenticato
  • "Miscela di azoto drogato con ossigeno in ragione di una parte su quattro, da utilizzarsi per via aerea, scientificamente accertata come avente proprieta` corroboranti, salutari. Minimo impatto ambientale."

    Se me lo acettano sono a posto.
    Insomma quella non e` neanche un'idea, e` un miscuglio chimico, si potrebbe definire un'applicazione dell'idea, come del resto la ruota. Dov'e` scritto che non la posso brevettare? Insomma ma e` possibile che non ci sia una legge che come requisito richieda che la supposta invenzione sia brevettabile in base non tanto a una classificazione, ma a semplice BUON SENSO? Mi torna in mente la presunta invenzione del link ipertestuale... nah nah cosi` non va, qualcuno dovra` prima o poi rendersene conto!
    non+autenticato
  • Negli USA hanno perso completamente il significato del Brevetto!!!

    Il brevetto, come leggevo un pò di giorni fà su queste pagine, non protegge l'idea, ma il modo in cui essa è applicata...

    Ma si sa, in un paese (nn è degno della P!!) in cui le case discografiche possono addirittura violare il diritto costituzionale della Libertà (di cui gli stessi USA vanno orgogliosi!!) per il solo fatto di avere dei sospetti su qualche utente, nn mi meraviglia l'esito di questa sentenza!

    Speriamo sul buon senso dei nostri parlamentari europei..anche se finora...bah, staremo a vedere, e se vedremo male gliela faremo vedere come diciamo noi!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Negli USA hanno perso completamente il
    > significato del Brevetto!!!

    Questo si sapeva già da tempo.
    Giusto su Punto Informatico un paio di anni fa uscì un articolo di un tizio australiano che era riuscito a rispondere ai ridicoli brevetti americani, brevettando (in Australia) a sua volta niente meno che la ruota!
    Ovviamente l'ha fatto solo per dimostrare che gli uffici brevetti sono ridicoli, ma se l'avessero fatto in America ora dovremmo pagare le royalties anche sulle ruote.
    non+autenticato
  • A tutti quelli che ritengono offensivo e dannoso dare
    la possibilita' di brevettare idee e funzionalita' (addirittura
    cosi' stupide come quella del "Buy It Now") ricordo che
    ai primi di settembre ci sara', al parlamento europeo, una
    votazione per introdurre anche in Europa questo tipo di
    brevetti "all'americana".
    Se siete CONTRARI all'introduzione di questi assurdi
    brevetti (fortemente chiesti dalle multinazionali, soprattutto
    americane, guarda caso) firmate la petizione che trovate
    qui:

    http://petition.eurolinux.org/index_html?LANG=it

    Sono gia' state raccolte piu' di 160 mila adesioni da parte
    anche di moltissime aziende europee.
    Purtroppo la situazione attuale fa pensare che i nostri
    politici faranno di tutto per compiacere le poche ricchissime
    aziende che non vedono l'ora di portarci in questo scenario
    medievale. Serve ampia partecipazione da parte di tutti.

    Ulteriori informazioni (piu' dettagliate) le potete trovare
    a partire da qui:

    http://punto-informatico.it/p.asp?i=44626

    Diffondete la notizia!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)