Alfonso Maruccia

Google e tracciamento Safari, interviene la politica

I rappresentanti di Capitol Hill scrivono alla FTC affinché si interessi delle pratiche di tracciamento messe in atto da Mountain View

Roma - L'ennesima questione che coinvolge Google e le sue pratiche in materia di privacy e tracciamento online degli utenti si fa seria: uno sparuto gruppo di Rappresentati al Congresso statunitense ha ufficialmente scritto alla Federal Trade Commission (FTC) affinché metta sotto esame lo sfruttamento di un baco sul browser Safari per l'installazione di cookie traccianti senza l'autorizzazione dell'utente.

Scrivono alla FTC i repubblicani Cliff Stearns (Florida) e Joe Barton (Texas), assieme al democratico Edward Markey (Massachusetts), esortando la commissione federale a rendere pubblici eventuali piani di investigazione (o a intraprenderne qualora non ce ne fossero ancora) in merito alla nuova violazione di Google dell'accordo con le autorità.

Mountain View e FTC avevano infatti già raggiunto un'intesa per regolarizzare le discusse pratiche in materia di privacy e tracciamento online, e la commissione potrebbe a questo punto aprire l'ennesima indagine dopo l'abuso del bug di Safari reso noto dal Wall Street Journal.
Google continua a difendersi ribadendo come il WSJ abbia fatto molto rumore per nulla, descrivendo come tracciamento non autorizzato quello che in realtà era solo l'utilizzo di una "nota funzionalità di Safari per fornire servizi che gli utenti Google avevano abilitati".
In attesa di rispondere alle richieste della politica, la FTC ha comunque già dato il benservito a EPIC (Electronic Privacy Information Center): l'associazione pro-diritti digitali aveva trascinato la commissione davanti alla giustizia per bloccare l'entrata in vigore della nuova policy sulla privacy di Google. EPIC non ha il diritto di mettere becco nelle nostre indagini, ha risposto piccata la Commissione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
8 Commenti alla Notizia Google e tracciamento Safari, interviene la politica
Ordina
  • Mo' vorrei che Maruccia mi spiegasse dove cavolo ha letto di un presunto bug di Safari...
    Ho letto questa notizia oramai decine di volte su altrettanti siti italiani e non, nessuno parla di bug di Safari, bensì di un escamotage da parte di google per bypassare la protezione della privacità di Safari.
    Praticamente il codice di google "imbroglia" il sistema di protezione della privacy di Safari, inducendolo ad accettare un cookie tracciante.

    Poi sarebbero gli utenti Apple a distorcere la realtà, vero?
    Vabbè, ultimo intervento su sto sito... stavolta per davvero.
  • Sempre di bug si tratta, ovvero si riesce a bypassare una misura di sicurezza di safari, sebbene penso non sia sistemabile, quello che vorrebbe fare safari è praticamente impossibile per design
  • - Scritto da: Aleph72

    > Ho letto questa notizia oramai decine di volte su
    > altrettanti siti italiani e non, nessuno parla di

    Ne hai di tempo da perdere, neh?

    > bug di Safari, bensì di un escamotage da parte di
    > google per bypassare la protezione della
    > privacità di
    > Safari.

    Quindi? Se la tua porta blindata si apre sfilando i perni dei cardini, non è un difetto di progettazione ma un escamotage del ladro?

    > Praticamente il codice di google "imbroglia" il
    > sistema di protezione della privacy di Safari,
    > inducendolo ad accettare un cookie
    > tracciante.

    Che boccalone, questo Safari, eppure aveva un nome così altisonante!Con la lingua fuori

    > Poi sarebbero gli utenti Apple a distorcere la
    > realtà,
    > vero?

    L'RD-Field dei macachi è qualcosa di fantascientificoA bocca aperta

    > Vabbè, ultimo intervento su sto sito... stavolta
    > per
    > davvero.

    Sayonaaaara!
    Evidentemente non sei tagliato per trollare qua dentroCon la lingua fuori
    Funz
    11971
  • Boccalone o no, il congresso chiede chiarimenti a Google , non ad Apple.

    Tu pensala come vuoi ma e' Google ad aver giocato sporco ed infatti adesso deve difendersi.

    "Don't be evil"
    non+autenticato
  • - Scritto da: aphex twin
    > Boccalone o no, il congresso chiede chiarimenti a
    > Google , non ad
    > Apple.
    >
    > Tu pensala come vuoi ma e' Google ad aver giocato
    > sporco ed infatti adesso deve
    > difendersi.
    >
    > "Don't be evil"

    Ecco un chiaro esempio di giramento di frittataA bocca aperta

    Si parlava di bug di safari e questo se ne viene fuori con "ma è google il cattivo!"A bocca aperta
  • - Scritto da: sbrotfl

    Anche tu pensala come vuoi ma ha doversi difendere davanti al congresso e' Google non Apple.

    > Si parlava di bug di safari e questo se ne viene
    > fuori con "ma è google il cattivo!"
    >A bocca aperta

    Io me ne vengo fuori ? E' il congresso a ritenere l'azione di Google degna di chiarimenti.

    Ricorda che anche il solo tentativo di aggirare una protezione è punibile.

    Poi magari riterranno Apple corresponsabile , e li poi salterà fuori anche il comportamento degli altri browser , ma ad oggi non é cosi.
    non+autenticato
  • Il cogresso != informatici.

    Per favore, svegliatevi: in USA funzionano i $$$ ed Apple >$$$ ... Guarda a caso adesso salta fuori anche Microsoft con IE.

    Sono CENTINAIA i siti che utilizzano questi sitemi, sono cose risapute. Inoltre qui si parla subito di "spionaggio"... sveglaitevi, l'unica cosa che "spiano" sono servizi legati a Google e serve per far funzionare la cosa.
  • - Scritto da: HermanHesse Quello TOSTO!
    > Il cogresso != informatici.

    E chi ha mai detto il contrario ?

    >
    > Per favore, svegliatevi: in USA funzionano i $$$
    > ed Apple >$$$ ... Guarda a caso adesso salta
    > fuori anche Microsoft con
    > IE.
    >
    > Sono CENTINAIA i siti che utilizzano questi
    > sitemi, sono cose risapute. Inoltre qui si parla
    > subito di "spionaggio"... sveglaitevi, l'unica
    > cosa che "spiano" sono servizi legati a Google e
    > serve per far funzionare la
    > cosa.

    Allora non hanno nulla da nascondere e tutto finirà come una bolla di sapone.
    non+autenticato