Gabriella Tesoro

Google compra le interfacce di Cuil

Presentato nel 2008 come il grande nemico di BigG, ha chiuso i battenti nel 2010. E ora a Mountain View fanno shopping accaparrandosi gli ultimi brevetti

Roma - Qualcuno aveva scommesso sulla sua sconfitta, ma qui si aggiunge il danno alla beffa. La notizia arriva da Bill Slawski di SEO by the Sea: gli ultimi sette brevetti di Cuil sono stati acquistati da Google il 4 febbraio 2011, ma sono stati registrati presso la US Patent and Trademark Office lo scorso 14 febbraio. Al momento non si conoscono dettagli sull'accordo né i termini finanziari.

Cuil venne lanciato nell'estate 2008 da tre ex-dipendenti Google, Anna Lynn Patterson, Russell Power e Louis Monier, che proprio grazie al loro background lavorativo riuscirono a ricevere un generoso finanziamento. Il progetto prevedeva di creare il più grande e veloce motore di ricerca del mondo. Subito dopo il lancio in pompa magna, Bloomberg arrivò a definire Cuil come una delle migliori startup del 2008 e qualcuno cominciò a pensare che l'iniziativa arrivasse davvero a pestare i piedi a BigG.

La maggiore differenza tra Google e Cuil consisteva nella modalità di ricerca. Se Google mette in primo piano le pagine con i maggiori link in entrata (il celebre algoritmo Pagerank), Cuil analizza il contenuto delle pagine e le classifica in base alla loro rilevanza. In sostanza, i risultati di Cuil sono classificati automaticamente. Inoltre Cuil diceva di avere un database tre volte più grande di quello di Google e dieci volte più vasto di quello di Microsoft.
Cuil è stato distrutto dalla critica mentre era ancora sulla rampa di lancio. Gli utenti hanno definito il motore di ricerca incompleto e dispersivo e ritenevano che i risultati della ricerca, presentati su due colonne, avessero un'anteprima inutile e spesso non corrispondevano ai reali bisogni della ricerca. Nel 2010 il motore di ricerca ha progettato un servizio chiamato Cpedia che riprendeva la ben più nota Wikipedia. Un altro buco nell'acqua. Il sito ha chiuso i battenti nel settembre 2010.

Nell'acquisizione dei brevetti sembra esserci lo zampino di Anna Lynn Patterson, tornata a Google nel settembre 2010 in concomitanza con il fallimento di Cuil, e subito nominata responsabile per la ricerca. Ad ogni modo, strano a dirsi, i brevetti non riguardano il vero punto forte di Cuil, il suo metodo di indicizzazione, bensì le interfacce, vale a dire la presentazione di tabelle multiple, diversi tipi di menù a tendina e la possibilità di perfezionare le ricerche con le notizie correlate.

Finisce così la battaglia di Cuil contro Google, probabilmente già persa in partenza. Curioso, invece, è il fatto che se Google dovesse davvero decidere di dotarsi delle interfacce di Cuil, lo pseudo-nemico rivivrebbe all'interno di BigG.

Gabriella Tesoro
Notizie collegate
  • TecnologiaVolunia e la gallina liberataLa metafora del pollaio scelta da Marchiori per spiegare la sua idea. Il risultato suscita qualche perplessità. Navigazione social più search la ricetta del motore di ricerca italiano
  • AttualitàSarà davvero un Bing bang? Il nuovo, o per meglio dire, il rinnovato search di Redmond raccoglie pareri contrastanti. Ma mette molta carne a cuocere. In attesa del giudizio degli utenti
  • TecnologiaCuil e lo spider assassinoIl motore di ricerca dall'indice sconfinato è un ammazzasiti. Sfuggire al bot e all'indicizzazione, per molti, è l'unico modo per sopravvivere. Da Cuil temperano le preoccupazioni: stiamo ancora sperimentando
  • Digital LifeSe mancano le parole, ci pensa GoogleBigG tira fuori dal cilindro dei suoi Labs un sistema di suggerimento dei termini cercati durante la digitazione nel motore. Una feature già impiegata dalla concorrenza