Mauro Vecchio

Facebook e le rimozioni dello scandalo

Come decidere cosa eliminare sulle segnalazioni d'abuso degli utenti in blu? Il social network sfrutta una società per il monitoraggio secondo criteri controversi. No ai capezzoli femminili, sì a quelli maschili

Roma - Un sintetico documento di circa 13 pagine, pubblicato in esclusiva dalla redazione del sito statunitense Gawker.com. Una serie di controverse linee guida sfuggite al controllo del gigantesco social network Facebook, consegnate per ripicca dal 21enne cittadino marocchino Amine Derkaoui.

Come riuscire a gestire al meglio il flusso dei contenuti proveniente da più di 800 milioni di utenti in tutto il mondo? Facebook ha appaltato l'onere del delicato controllo alla società oDesk, che in sostanza paga - 1 dollaro l'ora, secondo Derkaoui - i membri di uno staff votato al continuo monitoraggio delle segnalazioni piovute dagli utenti in blu.

Rimuovere o non rimuovere? È questo l'amletico dubbio che attanaglia i collaboratori di oDesk per conto della piattaforma di Mark Zuckerberg. Le linee guida contenute nel documento - titolo: Abuse Standards Violations - si presentano in maniera contraddittoria. Un esempio? I capezzoli femminili sono vietati nelle foto social, ma non quelli maschili.
E poi, una testa schiacciata può rimanere online solo se non eccessivamente insanguinata. Vietate inoltre le immagini che ritraggono le madri nell'atto di allattare al seno scoperto i propri pargoletti. Via libera invece per palpeggiamenti, preliminari sessuali e baci omosessuali.

O ancora, i cosiddetti sex toy non sarebbero ammessi se in un contesto di esplicito rapporto sessuale. Facebook non gradirebbe immagini ritoccate di persone o rappresentazioni d'ubriachezza. Così come sederi troppo al vento o espressioni violente anche nel linguaggio negli aggiornamenti di status.

Al di là delle linee guida, Amine Derkaoui ha lanciato il grido d'accusa contro lo "sfruttamento da terzo mondo" deciso da Facebook per questo straziante lavoro di monitoraggio delle segnalazioni d'abuso.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Diritto & InternetCancellati da Facebook, come reagire?di Fulvio Sarzana di S.Ippolito (www.lidis.it) - Il social network rimuove profili senza addurre motivazioni. C'è chi pretende da Facebook delle spiegazioni e rivendica il proprio account. Quali le armi legali nelle mani dei netizen?
  • AttualitàYouTube, è la policy la vera leggeSu segnalazione di BBC, la piattaforma di sharing rimuove video in cui giovani imbracciano armi e inneggiano alla violenza. Dimostrando che non ha bisogno di un quadro normativo che le imponga di assumersi responsabilità
22 Commenti alla Notizia Facebook e le rimozioni dello scandalo
Ordina
  • Ancora con 'sta storia... tutti i giornali riportano questa non-notizia.

    Questa sarebbe una notizia "importante"? Che un sito privato possa censurare quello che vuole? Che consideri i capezzoli femminili diversi da quelli maschili?

    Ma siamo impazziti?
    non+autenticato
  • - Scritto da: illegale
    > Ancora con 'sta storia... tutti i giornali
    > riportano questa
    > non-notizia.
    >
    > Questa sarebbe una notizia "importante"? Che un
    > sito privato possa censurare quello che vuole?
    > Che consideri i capezzoli femminili diversi da
    > quelli
    > maschili?
    >
    > Ma siamo impazziti?

    ti sfugge la cosa, eh ?
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > - Scritto da: illegale
    > > Ancora con 'sta storia... tutti i giornali
    > > riportano questa
    > > non-notizia.
    > >
    > > Questa sarebbe una notizia "importante"? Che un
    > > sito privato possa censurare quello che vuole?
    > > Che consideri i capezzoli femminili diversi da
    > > quelli
    > > maschili?
    > >
    > > Ma siamo impazziti?
    >
    > ti sfugge la cosa, eh ?

    Perché non me la spieghi tu, che parli bene.
    non+autenticato
  • - Scritto da: illegale
    > Ancora con 'sta storia... tutti i giornali
    > riportano questa
    > non-notizia.
    >
    > Questa sarebbe una notizia "importante"? Che un
    > sito privato possa censurare quello che vuole?
    > Che consideri i capezzoli femminili diversi da
    > quelli
    > maschili?
    >
    > Ma siamo impazziti?

    purtroppo si, troppi oramai scambiano faccialibro per il mondo reale.
  • ...bigottismo degli anni 2000 !!!
    non+autenticato
  • ubriachezza: allora il 90% delle foto dei miei amici sono da BAN...
    non+autenticato
  • Si tratta, quindi, di una vera e propria fiera della stupidita' umana.

    Capezzoli maschili? Si! Femminili? No! (Roba da pazzi)

    Limonare? Si! Allattare? No!

    Mostrare il culo? Si! Infilarci un vibratore No!

    Cervello che schizza dalla testa? Si!    sangue? No!

    E per finire; il solito terzomondismo da quattro soldi (guai a mancare).
    non+autenticato
  • - Scritto da: johnny il fenomeno
    > Si tratta, quindi, di una vera e propria fiera
    > della stupidita'
    > umana.
    >
    > Capezzoli maschili? Si! Femminili? No! (Roba da
    > pazzi)

    Cioè...per te sono la stessa cosa?
    Problema tuo.
    Al di là del fraintendimento del concetto di "uguaglianza" o al suo abuso, che le differenze di genere siano reali ed effettive è palese a chiunque non viva di politicamente corretto.
    La controprova?
    Prendi un qualunque nome femminile famoso ed aggiungi oops nel motore di ricerca e ti usciranno vere o false "uscite di seno", metti dei bellocci maschi (Bova, gassman jr...) che pure hanno fatto, se non sbaglio,dei calendari ed aggiungici Opps e non ti usicrà un bel niente di ciò.
    Al massimo prova con i nomi maschili e "tartaruga", e magari ti esce il tipo "semignudo", se invece provi i nomi femminili al massimo ti esce la tipa vicina al lento rettile in qualche giardino.
    E da dire che se non vogliamo diventare viagra dipendenti, è bene che restino così le cose

    > Limonare? Si! Allattare? No!

    Allattare fa parte di cui sopra, se non fatto con "discrezione"

    > Mostrare il culo? Si! Infilarci un vibratore No!
    >
    > Cervello che schizza dalla testa? Si!    sangue?
    > No!

    Quelli magari sono parametri per distinguere foto finte o meno oppure è dettato dal movimento per il diritto degli emofobi (inventata per dire i tipi che svengono alla vista del sangue)

    > E per finire; il solito terzomondismo da quattro
    > soldi (guai a
    > mancare).

    Il tipo è del Marocco e bisogna vedere quanto è al paga minima lì
    ma è chiaro che può sperare di avere più soldi da quelo che è una bolla di interent e di cui si parla di come una roba da decine di milairdi di dollari, ma è come se un dipendente di una società giapponese in Italia prendesse lo stipendio giapponese (meno i direttori, che là mi pare prendano molto meno dei nostri perchè ritengono la dirigenza un onore, qui l'occasione di depredare la società)

    Ciao!
    non+autenticato
  • Ma che esci fuori da un club di Comunione e Liberazione tu?

    Hai gli influssi della tipica cultura sessuofoba cristiano-giudaica.

    A danesi, scandinavi e molti tedeschi non darebbe fastidio molto di cui hai scritto.
    Per cui è solo una questione culturale.

    Facebook purtroppo essendo molto USA-centrico o anglosassone come influsso culturale e censorio, gli pesa troppo di conseguenza anche l'influsso del giudaismo!
    iRoby
    7797
  • - Scritto da: iRoby
    > Ma che esci fuori da un club di Comunione e
    > Liberazione
    > tu?

    ?
    Dechè?

    > Hai gli influssi della tipica cultura sessuofoba
    > cristiano-giudaica.

    Sessuofoba?
    Al contrario, dico che ai maschi garbano le tette per motivi biologici.
    Alle femmine i capezzoli maschili non fanno lo steso effetto (perchè hano un'altra biologia)..o non ti hanno mai fatto il famoso "discorsino"?

    > A danesi, scandinavi e molti tedeschi non darebbe
    > fastidio molto di cui hai
    > scritto.

    ?
    Sì, vabbè... come se ai tedeschi non piacessero le tette, mentre agli altri credo che ormai sia più una leggenda metropolitana che altro (oltre che gli piace lavarsi i denti e vivere in case di legno di 2 metri epr due metri).


    > Per cui è solo una questione culturale.

    Certo che l'uomo è anche un essere culturale, ma molto meno di quanto si voglia far credere.
    Al massimo i danesi davanti ad un topless di una danese in danimarca eviteranno di sbavare vistosamente, ma come vengono in Italia è probabile che si lascino andare come è noto degli stranieri in Italia che non sono mai come a casa loro

    > Facebook purtroppo essendo molto USA-centrico o
    > anglosassone come influsso culturale e censorio,
    > gli pesa troppo di conseguenza anche l'influsso
    > del
    > giudaismo!

    Peccato che sia lo stesso di molti siti porno
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Ma che esci fuori da un club di Comunione e
    > Liberazione
    > tu?
    >
    > Hai gli influssi della tipica cultura sessuofoba
    > cristiano-giudaica.
    >
    > A danesi, scandinavi e molti tedeschi non darebbe
    > fastidio molto di cui hai
    > scritto.
    > Per cui è solo una questione culturale.
    >
    > Facebook purtroppo essendo molto USA-centrico o
    > anglosassone come influsso culturale e censorio,
    > gli pesa troppo di conseguenza anche l'influsso
    > del
    > giudaismo!

    Certo sicuramente... è un complotto massonico-giudaico-sionista... Rotola dal ridere

    SPARISCI.
    non+autenticato
  • Penso che si faccia prima a mettere in ignore l'amico che non ha la tua stessa sensibilità.

    Facebook non è broadcast, è multicast.
    non+autenticato
  • Ha! ha! ha!   
    Vedo che l'hai presa seriamente.


    - Scritto da: Surak 2.0

    > Cioè...per te sono la stessa cosa?

    Assolutamente no!
    E' per questo che desidero un cambiamento di regole... XD


    > > ...... Allattare? No!

    rimango, sempre, meravigliato nel constatare come un atto cosi dolce, privo di erotismo e di volgarita', sia tendenzialmente censurato proprio nelle societa' che si proclamano: sessualmente emancipate.


    > Quelli magari sono parametri per distinguere foto
    > finte o meno oppure è dettato dal movimento per
    > il diritto degli emofobi (inventata per dire i
    > tipi che svengono alla vista del
    > sangue)

    Il fatto e', che quando si cerca di regolamentare delle cose che dovrebbero essere il frutto del principio di ragionevolezza, ne vengono fuori sempre delle situazioni ridicole e\o paradossali. Non puoi lamentarti se uno ci scherza sopra.




    >
    > > E per finire; il solito terzomondismo da quattro
    > > soldi (guai a
    > > mancare).
    >
    > Il tipo è del Marocco e bisogna vedere quanto è
    > al paga minima
    > lì
    > ma è chiaro che può sperare di avere più soldi da
    > quelo che è una bolla di interent e di cui si
    > parla di come una roba da decine di milairdi di
    > dollari, ma è come se un dipendente di una
    > società giapponese in Italia prendesse lo
    > stipendio giapponese (meno i direttori, che là mi
    > pare prendano molto meno dei nostri perchè
    > ritengono la dirigenza un onore, qui l'occasione
    > di depredare la
    > società)
    >
    > Ciao!


    Mah!!!
    Fara' pure bene a lamentarsi della paga (come tutti d'altronde); tirare, pero', in ballo una tematica delicata come lo sfruttamento del terzo-mondo, mi sembra di cattivo gusto (per non dire di peggio).
    non+autenticato
  • - Scritto da: johnny il fenomeno
    > Si tratta, quindi, di una vera e propria fiera
    > della stupidita'
    > umana.
    >
    > Capezzoli maschili? Si! Femminili? No! (Roba da
    > pazzi)

    Talmente "roba da pazzi" che, in misura maggiore o minore, è comunque la norma in tutte le società occidentali. Oppure quando vai in spiaggia vedi sempre sia topless maschili sia femminili? O vedi ragazze che fanno jogging in topless in giro?

    > Limonare? Si! Allattare? No!

    Vedi sopra. Io di gente che limona in strada ne ho vista spesso, donne allattare proprio figlio in strada non ne vedo mai.

    > Mostrare il culo? Si! Infilarci un vibratore No!

    Ah beh...

    > Cervello che schizza dalla testa? Si!    sangue?
    > No!
    >
    > E per finire; il solito terzomondismo da quattro
    > soldi (guai a
    > mancare)

    Il discorso è semplice: se uno vuol pubblicare delle foto di se stesso nudo, o se vuole pubblicare gente spappolata, ci sono tanti modi per farlo e non si capisce perché mai debba farlo su Facebook, che vieta esplicitamente di farlo. E non si capisce che razza di "notizia" sia mai questa, visto che si sapeva da tempo che Facebook vieta queste cosa. Al limite l'unica parte interessante della notizia è la paga misera e vergognosa data a chi si occupa di tali censure.
    non+autenticato
  • Anche tu l'hai presa seriamente come Surak.
    Ti daro' delle risposte simili.


    - Scritto da: illegale

    > > Capezzoli maschili? Si! Femminili? No! (Roba da
    > > pazzi)
    >
    > Talmente "roba da pazzi" che, in misura maggiore
    > o minore, è comunque la norma in tutte le società
    > occidentali. Oppure quando vai in spiaggia vedi
    > sempre sia topless maschili sia femminili? O vedi
    > ragazze che fanno jogging in topless in
    > giro?

    Nessuna.
    Con mio sommo rammarico, so che hai ragione.

    Devi, pero', ammettere che vederlo scritto, nero su bianco, impressiona per quanto e' sciocco.


    > > Limonare? Si! Allattare? No!
    >
    > Vedi sopra. Io di gente che limona in strada ne
    > ho vista spesso, donne allattare proprio figlio
    > in strada non ne vedo
    > mai.

    Pero' questo non significa che un simile divieto sia civile.



    > Il discorso è semplice: se uno vuol pubblicare
    > delle foto di se stesso nudo, o se vuole
    > pubblicare gente spappolata, ci sono tanti modi
    > per farlo e non si capisce perché mai debba farlo
    > su Facebook, che vieta esplicitamente di farlo. E
    > non si capisce che razza di "notizia" sia mai
    > questa, visto che si sapeva da tempo che Facebook
    > vieta queste cosa. Al limite l'unica parte
    > interessante della notizia è la paga misera e
    > vergognosa data a chi si occupa di tali
    > censure.

    Quello che diverte e' il fatto che si cerchi di creare una "metrica
    dello splatter" per cui: teste spappolate si! Purche' non si esageri col sangue. non so a te; ma a me fa ridere.



    PS.
    E' chiaro che se fossi al posto di Zuckerberg, anch'io mi sentirei costretto ad inventarmi boiate del genere.
    non+autenticato
  • - Scritto da: johnny il fenomeno
    > Anche tu l'hai presa seriamente come Surak.
    > Ti daro' delle risposte simili.
    >
    >
    > - Scritto da: illegale
    >
    > > > Capezzoli maschili? Si! Femminili? No!
    > (Roba
    > da
    > > > pazzi)
    > >
    > > Talmente "roba da pazzi" che, in misura
    > maggiore
    > > o minore, è comunque la norma in tutte le
    > società
    > > occidentali. Oppure quando vai in spiaggia
    > vedi
    > > sempre sia topless maschili sia femminili? O
    > vedi
    > > ragazze che fanno jogging in topless in
    > > giro?
    >
    > Nessuna.
    > Con mio sommo rammarico, so che hai ragione.
    >
    > Devi, pero', ammettere che vederlo scritto, nero
    > su bianco, impressiona per quanto e' sciocco.

    È sicuramente sciocco, ma non vedo perché attribuire la colpa a Facebook. Al limite la colpa è delle società occidentali, Facebook semplicemente s'è adeguata a quelle... o alla maggioranza delle società odierne comunque; penso che a parte qualche piccola minoranza ci siano ben poche società che non fanno distinzione tra la moralità di un topless maschile o femminile. Con questo non voglio certo difendere Facebook su tutto eh... di colpe ne ha, e anche gravi. Ma altrove (sulla privacy per esempio), qui proprio lo scandalo non lo vedo.


    > Quello che diverte e' il fatto che si cerchi di
    > creare una
    > "metrica
    > dello splatter" per cui: teste spappolate si!
    > Purche' non si esageri col sangue. non so a te;
    > ma a me fa
    > ridere.
    >
    >
    >
    > PS.
    > E' chiaro che se fossi al posto di Zuckerberg,
    > anch'io mi sentirei costretto ad inventarmi
    > boiate del
    > genere

    Vero, ma a me fa più ridere che si sia fatto tanto clamore per una cosa che era risaputa da quando Facebook esiste... o che ci sia gente che urli alla "censura"... ma censura de che? Facebook sta semplicemente applicando regole che sono scritte nel disclaimer di sottoscrizione; e fra l'altro è un sito privato, gestito da privati, mica lo ordina il medico di iscriversi. Uno vuole pubblicare una foto di se stesso nudo? Se lo fa su FB dovrebbe ben sapere che corre il rischio che gliela cancellino o peggio.
    non+autenticato
  • Splendida storia e articolo:

    FACEBOOK E IL DEGRADO DELLA PERSONALITÀ
    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?...
    iRoby
    7797
  • - Scritto da: iRoby
    > Splendida storia e articolo:
    >
    > FACEBOOK E IL DEGRADO DELLA PERSONALITÀ
    > http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?

    Articolo pietoso e sito penoso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: illegale
    > - Scritto da: iRoby
    > > Splendida storia e articolo:
    > >
    > > FACEBOOK E IL DEGRADO DELLA PERSONALITÀ
    > >
    > http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?
    >
    > Articolo pietoso e sito penoso.

    Comedonpippotte se la gioca con luogocomune.net alla fiera dei decerebrati complottisti
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)