Gaia Bottà

Yahoo! a Facebook: o i soldi o il tribunale

Il colosso del search potrebbe abbeverarsi alle casse di Facebook. Sguainando dal proprio portafoglio di proprietà intellettuale dei brevetti di cui Facebook approfitterebbe senza pagare alcuna licenza

Roma - O un accordo di licenza o la denuncia: Yahoo! si rivolge informalmente a Facebook, rivendicando una manciata di brevetti di cui il social network in blu starebbe abusando.

L'affondo di Yahoo!, esplicito quanto inaspettato, si è consumato attraverso le pagine del New York Times: oggetto del contendere, ha rivelato una fonte informata, sarebbero un complesso di brevetti, tra i dieci e i venti, che in qualche modo verrebbero sfruttati dal social network senza l'autorizzazione di Yahoo!.

Nessun riferimento dettagliato alla proprietà intellettuale descritta dai brevetti imbracciati da Yahoo!: le fonti del NYT citano advertising, personalizzazione dei siti, social networking e scambio di messaggi. C'è chi ipotizza che la violazione riscontrata da Yahoo! si possa collocare nell'ambito delle funzioni basilari del social networking e in quello dell'advertising collocato nel search. Certo è che Yahoo! detiene una quantità di brevetti enormemente superiore a quella di Facebook: 1.100 assegnati e 2.661 in attesa di assegnazione sarebbero quelli di Yahoo!, poco più di 200 quelli di Facebook, raggranellati con acquisizioni più o meno imponenti.
"Yahoo ha una responsabilità nei confronti dei suoi azionisti, dei suoi impiegati e di altri stakeholder nel proteggere la sua proprietà intellettuale - ha spiegato un portavoce del colosso del search - o Facebook stipulerà un contratto di licenza o saremo costretti a procedere unilateralmente per proteggere i nostri diritti". Quella che appare una netta dimostrazione di ostilità si manifesta in un contesto di rapporti assolutamente pacifici tra le due aziende, cementati ad esempio da un proficuo accordo sulle notizie.

Un fulmine a ciel sereno in un momento di svolta per entrambe le aziende: Yahoo! reduce da un importante cambio al vertice, Facebook fresca dell'IPO. Una situazione, quella di Facebook, molto simile a quella in cui si trovava Google nel 2004, quando Yahoo! riuscì a strappare al colosso del search 2,7 milioni di dollari in azioni grazie alla proprietà intellettuale consolidata con l'acquisizione di Overture. Brevetti che, peraltro, sarebbero coinvolti negli attriti con Facebook.

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • BusinessBrevetti, Droplets contro i grandiNuova denuncia per Apple, Google, Yahoo! e Facebook: stavolta ad essere coinvolte sono tecnologie impiegate nei siti Web
  • AttualitàYahoo!: quel search è roba nostraL'azienda di Sunnyvale contro il nuovo Google Instant. Avrebbe violato cinque brevetti, tra cui quello relativo ad un piccolo search engine chiamato AlltheWeb. E il motore in viola già pensa ad una meno caotica alternativa
  • AttualitàSocial network, brevetto indigeribileAdam Seifer, tra i fondatori della comunità virtuale SixDegrees, sostiene che il brevetto sui social network di Friendster non tiene conto della prior art. Scoppia la polemica tra i blogger. Intanto MySpace supera Yahoo!
21 Commenti alla Notizia Yahoo! a Facebook: o i soldi o il tribunale
Ordina
  • ..questo e' molto serio e grave secondo me

    i brevetti riguardano
    "advertising, personalizzazione dei siti, social networking e scambio di messaggi"

    Cioe' chiunque includesse nel proprio sito una di queste caratteristiche dovrebbe pagare perche' brevettate???

    Io non posso fare advertising? Non posso permettere di personalizzare il sito ai miei iscritti? o far scambiare messaggi tra di loro???

    RIDICOLO...

    Io non sono contro i brevetti, sono contro i brevetti inutili!!!
    non+autenticato
  • Vogliamo vedere in un tribunale americano, in diretta web, uno di fronte all'altro questi colossi, e alla fine un giudice che decreti la vittoria di uno chiedendo danni miliardari all'altro costringendolo a fallire!!!

    E' chiedere troppo?
  • Un finale che porti al fallimento di entrambi non è possibile?
    non+autenticato
  • > vittoria di uno chiedendo danni miliardari
    > all'altro costringendolo a
    > fallire!!!

    gli avvoltoi non aspettano altro, per loro se queste ditte falliscono è manna, comperano la ditta per poco, smettono di fare/dare servizi e passano a fare cassa con i brevetti.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Vogliamo vedere in un tribunale americano, in
    > diretta web, uno di fronte all'altro questi
    > colossi, e alla fine un giudice che decreti la
    > vittoria di uno chiedendo danni miliardari
    > all'altro costringendolo a
    > fallire!!!
    >
    > E' chiedere troppo?

    Ma quanto rosiki dei miliardi altrui Annoiato
    non+autenticato
  • Se mi fate fare il tifo per Yahoo, possiamo organizzare visioni di gruppo alla diretta, con commentatori qualificati e discussione post-udienza.
    Io porto le patatine.
    non+autenticato
  • Ancora non esistono i fanboy di FB, sto articolo non itneressa a nessno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: puffamelo
    > Ancora non esistono i fanboy di FB, sto articolo
    > non itneressa a
    > nessno.
    il che puo' sembrare strano... essendo gli utenti, piu' degli acquirenti di iphone .. In realta' e' normale perche' FB non ha il culto del brand forgiato in anni e anni dalla Chiesa di Cupertino... e inoltre gli utenti di FB non spendono nulla per usarlo... a differenza dei Jobbiani, che, dopo aver lasciato uno stipendio, devono forzatamente difendere la bonta' della loro scelta...
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: puffamelo
    > > Ancora non esistono i fanboy di FB, sto articolo
    > > non itneressa a
    > > nessno.
    > il che puo' sembrare strano... essendo gli
    > utenti, piu' degli acquirenti di iphone .. In
    > realta' e' normale perche' FB non ha il culto del
    > brand forgiato in anni e anni dalla Chiesa di
    > Cupertino... e inoltre gli utenti di FB non
    > spendono nulla per usarlo... a differenza dei
    > Jobbiani, che, dopo aver lasciato uno stipendio,
    > devono forzatamente difendere la bonta' della
    > loro
    > scelta...

    i dont think u wrote by a pen n a sheet, u aint different, u use technology just like Apple's users. So shut up please before i do it for u!
    non+autenticato
  • - Scritto da: WTF r u saying
    > - Scritto da: bubba
    > > - Scritto da: puffamelo
    > > > Ancora non esistono i fanboy di FB, sto
    > articolo
    > > > non itneressa a
    > > > nessno.
    > > il che puo' sembrare strano... essendo gli
    > > utenti, piu' degli acquirenti di iphone .. In
    > > realta' e' normale perche' FB non ha il culto
    > del
    > > brand forgiato in anni e anni dalla Chiesa di
    > > Cupertino... e inoltre gli utenti di FB non
    > > spendono nulla per usarlo... a differenza dei
    > > Jobbiani, che, dopo aver lasciato uno stipendio,
    > > devono forzatamente difendere la bonta' della
    > > loro
    > > scelta...
    >
    > i dont think u wrote by a pen n a sheet, u aint
    > different, u use technology just like Apple's
    > users. So shut up please before i do it for
    > u!

    Minkia! Minaccioso l'amico americano.
    Chissa' come si dice "macaco" dalle loro parti.
  • - Scritto da: WTF r u saying
    > - Scritto da: bubba
    > > - Scritto da: puffamelo
    > > > Ancora non esistono i fanboy di FB, sto
    > articolo
    > > > non itneressa a
    > > > nessno.
    > > il che puo' sembrare strano... essendo gli
    > > utenti, piu' degli acquirenti di iphone .. In
    > > realta' e' normale perche' FB non ha il culto
    > del
    > > brand forgiato in anni e anni dalla Chiesa di
    > > Cupertino... e inoltre gli utenti di FB non
    > > spendono nulla per usarlo... a differenza dei
    > > Jobbiani, che, dopo aver lasciato uno stipendio,
    > > devono forzatamente difendere la bonta' della
    > > loro
    > > scelta...
    >
    > i dont think u wrote by a pen n a sheet, u aint
    > different, u use technology just like Apple's
    > users. So shut up please before i do it for
    > u!
    Visto che sei inglese (lol) : http://en.wikipedia.org/wiki/Reality_distortion_fi...
    non+autenticato
  • > a differenza dei
    > Jobbiani, che, dopo aver lasciato uno stipendio,
    > devono forzatamente difendere la bonta' della
    > loro
    > scelta...

    Quanta verità in questa frase!!
    non+autenticato
  • vuoi mettere l'utilità dei servizi di Y! (finance, answers, mail) con FB che è solo una perdita di tempo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: pallino pinco
    > vuoi mettere l'utilità dei servizi di Y!
    > (finance, answers, mail) con FB che è solo una
    > perdita di
    > tempo?

    Yahoo! Answers utile... Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: Tavoletta del CAS
    > - Scritto da: pallino pinco
    > > vuoi mettere l'utilità dei servizi di Y!
    > > (finance, answers, mail) con FB che è solo una
    > > perdita di
    > > tempo?
    >
    > Yahoo! Answers utile... Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere

    Rare volte può essere utile (specie la versione inglese, perchè gli italiani fanno domande deficenti), quantomeno se non è utile almeno può risultare divertente!
  • Yahoo! Answers è utile quanto Wikipedia, infatti ne soffre delle stesse debolezze.
    Se chi ti risponde (o ha scritto o modificato per ultimo l'articolo su Wikipedia) è uno che ne sà, allora va tutto bene. Se invece è un troll, incompetente, estremista politicamente schierato, o altro... allora è inutile e dannoso.
    Poiché non sai mai a che categoria appartiene chi ti risponde, Yahoo! Answers così come Wikipedia è inutile. Non sai mai se devi credere oppure no a ciò che c'è scritto. In entrambi i casi ci sono i link alle fonti esterne, ma non sempre esistono né sono affidabili nemmeno quelle (c'è fonte e fonte...)
    Insomma, i siti con contenuti generati dagli utenti sono da prendere con le molle.
    non+autenticato