Gabriella Tesoro

HP e IBM, licenziamenti strategici

I pezzi grossi tagliano e annunciano nuovi piani per il futuro. Ma se per Palo Alto è chiaro che si tratta delle conseguenze dell'addio a WebOS, per Armonk tutto è avvolto nel mistero

Roma - Tempo di crisi, tempo di tagli. E anche i più grandi colossi della tecnologia, come IMB e HP, si vedono costretti a ridimensionare il proprio personale.

HP ha licenziato 275 lavoratori, per lo più tecnici, che si occupavano dello sviluppo di WebOS, il sistema operativo per i dispositivi mobile diventato open source. Se si considera che all'inizio dell'anno i dipendenti che si occupavano di WebOS erano circa 600, quasi la metà della divisione è stata mandata a casa.

HP ha diffuso un comunicato in cui afferma: "Dato che WebOS sta portando avanti il passaggio dai servizi mobile all'open source non ha più bisogno di esperti d'ingegneria o di altre relative figure considerate prima necessarie. Puntiamo a creare una squadra più piccola e più efficiente che sia più preparata a sviluppare il sistema open source di WebOS e, a lungo termine, il software HP". Infine assicura: "HP sta lavorando per ridistribuire i dipendenti colpiti da questi cambiamenti in altri ruoli in azienda"
L'annuncio di HP non sembra inaspettato: WebOS ha difficoltà a decollare e appena il mese scorso Jon Rubinstein, ex CEO Palm, aveva abbandonato Hewlett-Packard.
Sembra poi che molti tagli abbiano interessato i lavoratori che si occupavano dell'hardware. Se confermato, forti dubbi si addenserebbero sui propositi di HP di produrre altro hardware WebOS.

Non se la passano meglio gli uomini e le donne IBM, mille dei quali l'azienda ha deciso di fare a meno negli Stati Uniti: e si teme che il numero di licenziamenti possa aumentare. Quasi la metà dei dipendenti erano precari o lavoravano da casa. La notizia è stata data da Alliance@IBM/CWA Local 1701, una sorta di sindacato dei lavoratori IMB legato alla Communications Workers of America.

Big Blue ha rilasciato un comunicato in cui non ha confermato chiaramente i licenziamenti, ma ha parlato di un "riequilibrio" della forza lavoro, vale a dire la riduzione dei dipendenti in alcune aree e l'assunzione di nuovi lavoratori in altre. "Questa flessibilità consente a IMB di rimanere competitiva e rilevante in un settore che cambia continuamente e, data la natura concorrenziale della nostra attività, non discutiamo pubblicamente i dettagli dei nostri piani di assunzione".

Come tutti gli altri giganti della tecnologia, dal 2010 IBM non dichiara i numeri del suo organico. Dato che nel 2009 i lavoratori statunitensi in Big Blue erano 105mila, diversi sindacati stimano che, attualmente, il numero sia sceso a meno di 100mila.

Tuttavia, a differenza di HP che ha di fatto terminato le attività di un ramo aziendale con l'apertura di WebOS, IBM non sembra essere costretta a fare scelte drastiche. Tutt'altro. Big Blue ha infatti terminato il 2011 con una crescita del 7 per cento e un fatturato di 106,9 miliardi di dollari. Il riassetto dell'organico potrebbe dunque essere davvero la premessa di una svolta strategica.

Gabriella Tesoro
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia HP e IBM, licenziamenti strategici
Ordina