Mauro Vecchio

Google Plus, si parla di droga

Nuovo hangout organizzato dal social network di BigG per il prossimo 13 marzo. Ospiti illustri, da Richard Branson a Julian Assange. Si discuterÓ dell'industria della droga e dell'uso personale delle sostanze stupefacenti

Roma - Si intitola The War on Drugs e sarà di scena il prossimo 13 marzo in diretta su YouTube e Google Plus. Un hangout fatto per essere assistito dagli utenti della Grande G, dopo quello organizzato dal Presidente statunitense Barack Obama per affrontare i più delicati temi della nuova avventura elettorale.



Sarà Emily Maitlis della britannica BBC a condurre l'incontro tra diversi protagonisti della politica, del giornalismo, dell'industria ai tempi del digitale. Il fondatore di Virgin Group Richard Branson e quello di Wikileaks Julian Assange saranno tra gli illustri ospiti dell'evento in diretta sul social network di BigG.
L'industria della droga, l'uso personale delle sostanze stupefacenti, le pene previste dai vari stati del mondo. Sono i temi del nuovo hangout di Google, a cui parteciperanno anche gli ex-presidenti di Messico e Brasile. Ma soprattutto gli utenti del colosso di Mountain View, che possono già iscriversi al nuovo evento dei dibattiti condivisi. (M.V.)
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia Google Plus, si parla di droga
Ordina
  • Siamo alle solite, se ne parla se ne parla ma alla fine sempre le stesse cose.

    Intanto il tempo passa ed in quest'italia bacchettona siamo ancora al livello di considerare il THC solo una droga, invece non si fa mai un discorso indirizzato al suo uso terapeutico che potrebbe essere anche a fini antitumorali. Non chiedetemi le fonti, basta una semplice ricerca in Internet per trovare anche documentazione autorevole in merito.

    Invece io, per i problemi di salute che ho, potrei trovare giovamento assumento Sativex, purtroppo in Italia è vietato e dovrei fare una richiesta fino a Roma affinchè venga autorizzata dal ministero della sanità sezione stupefacenti, poi nell'impossibile ipotesi di ottenerla dovrei farla importare a mie spese con un costo di un migliaio di euro al mese.

    Ma la cosa peggiore è che usando questa medicina che contiene THC se mi fermano per strada mentre guido o dopo un incidente e mi fanno un narcotest risulterei positivo anche diverso tempo dopo l'assunzione, tipo venti o trenta giorni. Risultando un drogato con relative conseguenze negative a livello sociale e lavorativo.

    Tutto questo perchè la soglia dei narcotest per il THC è di cinque/sei volte inferiore a quella per altre droghe veramente pesanti quali la cocaina e l'eroina nonostante quest'ultime vengano smaltite dal corpo molto più velocemente nell'ordine di due o tre giorni.

    Senza considerare che gli oppiacei sono farmaci molto diffusi per la riduzione del dolore.

    Ah, ma qua abbiamo Giovanardi, e si, secondo lui (lo ha detto in tv) la canapa è la piaga dell'umanità.

    Bla Bla Bla
    non+autenticato
  • Il THC avra' anche delle proprieta' terapeutiche ma, come tu anticipavi, non tutti concordano in merito.
    C'e' da dire che anche altre sostanze stupefacenti avrebbero proprieta' terapeutiche, per es. l'eroina e' un potente antidolorifico, la cocaina avrebbe proprieta' anoressizzanti (utili contro l'obesita').
    Solo che ci sono molte "controindicazioni" per l'uso di tali "medicinali".
    Sinceramente credo che molti, con il discorso delle proprieta' terapeutiche di certe sostanze, hanno intenzione di legalizzare le droghe (vedasi partito radicale).
    E su questo ci sarebbe molto da discutere! A bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > Il THC avra' anche delle proprieta' terapeutiche
    > ma, come tu anticipavi, non tutti concordano in
    > merito.
    > C'e' da dire che anche altre sostanze
    > stupefacenti avrebbero proprieta' terapeutiche,
    > per es. l'eroina e' un potente antidolorifico, la
    > cocaina avrebbe proprieta' anoressizzanti (utili
    > contro l'obesita').
    > Solo che ci sono molte "controindicazioni" per
    > l'uso di tali "medicinali".

    Cosi' come ci sono per le sostanze legali: alcool, tabacco, caffeina, teina, http://www.sostanze.info/immagine/classifica-lance...

    > Sinceramente credo che molti, con il discorso
    > delle proprieta' terapeutiche di certe sostanze,
    > hanno intenzione di legalizzare le droghe (vedasi
    > partito radicale).
    > E su questo ci sarebbe molto da discutere! A bocca storta

    O si vieta secondo dei motivi razionali di rischio (quindi ne' alcool ne' caffeina ne' cannabis) oppure si legalizza fino alla cocaina.
    krane
    22544
  • Giusto. Infatti l'alcol e il tabacco hanno ucciso e continuano ad uccidere centinaia di migliaia (se non milioni) di persone, quindi "qualche" motivo razionale di rischio c'e'! A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mario
    > Giusto. Infatti l'alcol e il tabacco hanno ucciso
    > e continuano ad uccidere centinaia di migliaia
    > (se non milioni) di persone, quindi "qualche"
    > motivo razionale di rischio c'e'!
    >A bocca aperta


    Allora che lo vietino insieme al tabacco ed alla circolazione dei mezzi a benzina.
    krane
    22544